Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

Giustizia civile / processo di esecuzione

22/08/14

"ACCETTAZIONE TACITA DELL'EREDE DEBITORE ESECUTATO E TRASCRIZIONE DEL CREDITORE PROCEDENTE" - CASS.11638/2014 - Laura PROVENZALI

La Corte di Cassazione, con Sentenza n. 11638/ 2014, ha recentemente affrontato i temi della accettazione tacita dell'eredità e della continuità delle trascrizioni, con particolare riguardo, per quanto concerne l'espropriazione immobiliare, alla possibilità, per il creditore procedente, di trascrivere, a sua cura e spese, l'accettazione tacita dell'erede-debitore esecutato.

Nella articolata pronuncia in commento, gli Ermellini hanno affermato i seguenti principi di diritto:

" In materia di espropriazione immobiliare, qual ...

leggi tutto ›
 

26/07/14

"DL CARCERI: LE NOVITA' " - Maria CARIELLO

Via libera della Camera al decreto legge 92/2014 sulle carceri, che ora andrà al Senato per il voto definitivo.

In breve, le novità:

Rimedi risarcitori. Sconti di pena o soldi ai detenuti reclusi in 'condizioni inumane'. Per compensare la violazione della Convenzione sui diritti dell'uomo, se la pena è ancora da espiare è previsto infatti un abbuono di un giorno ogni dieci passati in celle sovraffollate. Per chi è già fuori sono previsti 8 euro per ogni giornata in cui si è subito il pregiudizio. La richiesta, dev'essere inoltrata entro 6 mesi dalla fine della detenzione. Da qui al 2016 per i risarcimenti s ...

leggi tutto ›
 

23/03/14

Processo esecutivo: I titoli che richiedono l’apposizione della formula esecutiva – di Marco Faccioli

Dopo aver analizzato cosa sia e quando e come venga apposta la formula esecutiva sul titolo, si veda ora QUALI TITOLI la richiedano ai fini dell'esecuzione.

Le sentenze e i provvedimenti che richiedono l’apposizione della formula esecutiva sono quelli che, una volta pronunciati, presentano l’idoneità a divenire titoli esecutivi, ossia a fondare l’esecuzion ...

leggi tutto ›
 

14/03/14

"QUANDO IL SEQUESTRO SI CONVERTE IN PIGNORAMENTO: CASO PARMALAT" - Trib. Reggio Emilia 4.3.2014 - Paolo M. STORANI

Insegna la S.C. che il sequestro conservativo si converte in pignoramento “nei limiti del credito per il quale è intervenuta la condanna e non anche per l’importo eventualmente maggiore, fino al quale il sequestro stato autorizzato… Né per l’importo per il quale non è intervenuta condanna esecutiva, il sequestro può conservare efficacia” (cfr. Cass., Sez. III, 28 giugno 2012, n. 10871 - Pres. Fulvio UCCELLA, Rel. Giuseppina Luciana BARRECA).

La pronuncia documentale che P&D propone ai suoi visitatori riguarda un caso di modifica in diminuzione di risonanza nazionale (Parmalat); si riferisce ad un gi ...

leggi tutto ›
 

26/02/14

TRUST: NULLITA' PIGNORAMENTO - Tribunale Reggio Emilia n. 307/2014 - Maria CARIELLO

Con sentenza del 25/2/2014, n. 307/2014 il Tribunale di Reggio Emilia ha statuito che il Giudice dell'esecuzione può rilevare d'ufficio l'invalidità del pignoramento quando lo stesso è rivolto nei confronti di un soggetto giuridico inesistente. Il trust è soggetto giuridico inesistente, non essendo ente autonomo che svolge la propria attività attraverso la persona fisica del trustee, ma piuttosto semplice rapporto tra soggetti. La notifica dell'atto di pignoramento e la trascrizione dello stesso sono invalide, e la nullità è rilevabile d'ufficio, se eseguite nei confronti del trust, dovendo invece notifica e trascrizio ...

leggi tutto ›
 

25/02/14

Processo esecutivo: LA FORMULA ESECUTIVA – di Marco Faccioli

La spedizione in forma esecutiva del titolo è preordinata allo scopo di procurare il possesso del titolo stesso (necessaria condizione per esperire l’esecuzione forzata) alle parti cui spetta, ovvero a quelle a cui favore è stabilita la prestazione nella sentenza o nel provvedimento.

Il titolo, a mezzo della spedizione, diventa esecutivo, ossia idoneo per l’esecuzione forzata. L’apposizione della formula esecutiva avviene non sull’originale del titolo, ma sulla prima copia da consegnare alla parte interes ...

leggi tutto ›
 

17/02/14

“VINCOLO DI DESTINAZIONE E OPPONIBILITA’ ”- Tribunale di Santa Maria Capua Vetere –– ordinanza 28/11/2013-Valentina ROSSI

Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere nell' ordinanza del 28/11/2013 ha affermato che l'art. 2645-ter cod. civ. non riconosce, sul piano sostanziale, la possibilità dell'auto-destinazione unilaterale ; poi, sotto il profilo sistematico, la portata applicativa della norma deve essere interpretata in senso restrittivo e, quindi, limitata alle sole ipotesi di destinazione "traslativa".

 

 

leggi tutto ›
 

09/02/14

Processo esecutivo: Il titolo esecutivo nella UE – di Marco Faccioli

Le sentenze ed i provvedimenti giudiziari, nonché gli atti pubblici formati in uno Stato membro della Unione Europea possono essere direttamente azionati in tutti i paesi che ne fanno parte, senza necessità di particolari procedure di riconoscimento del titolo. Al fine di consentire “la libera circolazione delle decisioni giudiziarie, delle transazioni giudiziarie e degli atti pubblici in tutti gli Stati membri senza che siano necessari, nello Stato membro dell’esecuzione, procedimenti intermedi per il riconoscimento e l’esecuzione” il Legislatore Comunita ...

leggi tutto ›
 

01/02/14

"PRECISAZIONI SUL VERBALE DI CONCILIAZIONE" - Trib. Bolzano 30/9/2013 - Vito AMENDOLAGINE

La vicenda esaminata dal Tribunale di Bolzano nel procedimento instaurato ex art. 669 terdecies c.p.c. trae origine dall’ordinanza con la quale il giudice di prime cure aveva dichiarato l’inammissibilità dell’istanza di determinazione delle modalità d’attuazione di quanto convenuto in un verbale di conciliazione sottoscritto nell’ambito di un procedimento di danno temuto.

     A tal riguardo, il primo giudice rilevava da un lato l’inapplicabilità dell’art. 669 duodecis c.p.c. in ordine all’attuazione dei verbali di conciliazione e dall’altro che nella fattispecie considerata, per conseguire l’es ...

leggi tutto ›
 

01/02/14

Processo esecutivo: I titoli esecutivi stragiudiziali – di Marco Facciol

A differenza di quelli esaminati nel precedente articolo (i titoli esecutivi giudiziali http://www.personaedanno.it/index.php?option=com_content&view=article&id=44410&catid=199), i titoli esecutivi in esame si formano al di fuori del processo o di qualsivoglia altra attività giurisdizionale. Per la loro formazione, quindi, non è necessario il provvedimento di alcun giudice. 

Sono titoli esecutivi stragiudiziali:

...
leggi tutto ›
 

25/01/14

Introduzione al processo esecutivo: I TITOLI ESECUTIVI GIUDIZIALI – di Marco Faccioli

Come dice il termine stesso, i titoli esecutivi “giudiziali” vengono formati nell’ambito di un processo, o comunque all’esito di un’attivitàˆ giurisdizionale che si conclude con l’adozione di un provvedimento suscettibile di divenire esecutivo. Per poterli ottenere è quindi necessario che il creditore procedente rivolga la propria istanza (atto di citazione o ricorso) ad un organo giudiziario.

Quello che segue è un elenco dei principali titoli esecutivi giudiziali, con una succinta descrizione delle situazioni giuridi ...

leggi tutto ›
 

24/01/14

"PIGNORAMENTO ESATTORIALE E PIGNORABILITA' DEI BENI" - Cass. Civ. 1113/2014 - Paolo M. STORANI

Istruttiva per gli amanti del processo esecutivo la pronuncia con cui la Cass. Civ., Sez. III, 21 gennaio 2014, n. 1113, Pres. RUSSO - Est. TRAVAGLINO ...bacchetta il Tribunale di Enna avuto riguardo alla qualificazione giuridica dell'opposizione proposta dall'ingiunto in relazione ad un pignoramento esattoriale presso terzi eseguito su istanza di Serit Sicilia.

Nell'energico passo finale l'autorevole Estensore evidenzia che nessuna altra ipotesi di impignorabilità risulta contemplata nella procedura speciale esattoriale, talché la soluzione "suggestivamente" adottata dal Tribunale ennese avuto riguardo ai crediti ave ...

leggi tutto ›
 

19/01/14

"INTRODUZIONE AL PROCESSO ESECUTIVO" – Marco FACCIOLI

Nel nostro ordinamento il credito è la situazione giuridica soggettiva attiva del rapporto di obbligazione, ovvero il diritto del creditore all’esecuzione della prestazione dovutagli dal debitore. Il diritto di credito fa parte della categoria del diritto soggettivo relativo quale posizione di spettanza giuridica correlativa all’altrui obbligo.

Esso si caratterizza per la sua relativitàˆ e patrimonialitˆà. In quanto diritto soggettivo riconosciuto,  tutelato dalla ...

leggi tutto ›
 

12/01/14

Quando la trattativa bonaria fallisce. Il recupero del credito nella fase giudiziale. Introduzione – di Marco Faccioli

Dopo aver succintamente analizzato le strategie e le modalitàˆ attuative del recupero del credito stragiudiziale, si passi ora a prendere in considerazione quelle relative al recupero giudiziale. Se la fase stragiudiziale poteva essere gestita su un piano puramente privatistico (creditore – debitore, professionista incaricato dal creditore – debitore), in quella giudiziaria si rende necessario il ricorso allo Stato, con la richiesta avanzata direttamente ad uno degli organi (giudice di pace o tribunale) con cui viene amministrata la giustizia. ...

leggi tutto ›
 

15/11/13

“ART 404 C.P.C. E LIMITI DELLA AZIONE DEL LITISCONSORTE PRETERMESSO” – Cass. ord. 25541/13 – G.G.

La S.c. rimette al Primo presidente la questione relativa alla tutela del terzo litisconsorte pretermesso che si veda coinvolto in una esecuzione forzata, la fine della assegnazione alle SS.UU.

Due i quesiti da dirimere, relativi alla definizione dell'ambito di operatività della tutela del litisconsorte necessario pretermesso dinanzi all'esecuzione del titolo conseguito nel processo in cui egli avrebbe dovuto prendere parte:

a) se sia in suo favore ammessa la facoltà di esperire l'opposizione ad esecuzione per il caso in cui il suo interesse concreto sia soltanto la declaratoria di inopponibilità del titolo e q ...

leggi tutto ›
 

29/07/13

"L'ACCERTAMENTO DELL'OBBLIGO DEL TERZO NON RETROAGISCE AL MOMENTO DELLA DOMANDA" - Trib. Sassuolo, ord. 19.7.2013, Alessio ANCESCHI

Con ordinanza del 19 luglio 2013 il Tribunale di Modena, sezione distaccata di Sassuolo ha dichiarato l'estinzione di un procedimento esecutivo riassunto a seguito dell'accertamento dell'obbligo del terzo, a seguito dell'intervenuto fallimento del debitore, ancorché la sentenza di accertamento dell'obbligo del terzo aveva dichiarato che le somme pignorate erano dovute ad una data precedente all'instaurazione del procedimento di accertamento.

Questa la vicenda processuale (riassunta): Attraverso un atto di pignoramento presso terzi, l'impresa ALFA, creditrice pignora le somme dovute all'impresa debitrice BETA da parte del ...

leggi tutto ›
 

22/07/13

"INESISTENZA DEL TITOLO ESECUTIVO E TUTELA DEI TERZI AGGIUDICATARI" - Cass. SS.UU. 21110/2012 - Alessandro GIARDETTI

Con la pronuncia in esame, la Suprema Corte definisce, così come espressamente statuito dal terzo comma dell’art 363 c.p.c, stabilisce un importante principio di diritto concernente la posizione dei terzi aggiudicatari di una vendita forzata a seguito dell’accertata inesistenza del titolo che legittima il perfezionamento della procedura esecutiva.

FATTO

A seguito dell’instaurazione di una procedura esecutiva nei confronti del ricorrente, colpevole, a parere della controparte del mancato pagamento di imposte da lui dovute, il medesimo proponeva opposi ...

leggi tutto ›
 

12/06/13

"PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE E TRUST" - Trib. Reggio Emilia 25.3.2013 - Paolo M. STORANI

Ringraziamo Vito AMENDOLAGINE per la segnalazione della pronuncia del Tribunale di Reggio Emilia, frutto dell'opera di Giovanni Fanticini, di data 25 marzo 2013 che dichiara improseguibile il processo esecutivo immobiliare a causa del pignoramento eseguito nei confronti di soggetto (trust) inesistente.

Ricordiamo che Vito Amendolagine è avvocato in Bari, autore di apprezzati saggi, articoli, note a sentenza ed approfondimenti.

A tacer delle restanti, anche recentissime opere edite d ...

leggi tutto ›
 

11/06/13

"ANCORA SUL FALLIMENTO DEL TERZO PIGNORATO" - Alessio ANCESCHI

Già in un precedente articolo (del 10.6.2011 riferito all'ordinanza del tribunale di Modena del 7.6.2011, n.d.r.) si aveva avuto l'occasione di parlare dell'ipotesi di fallimento del terzo pignorato.

A seconda dei casi, possono verificarsi diverse ipotesi:

1) fallimento del terzo verificatosi dopo il provvedimento di assegnazione;

2) fallimento del terzo verificatosi dopo il pignporamento ma prima dell'assegnazione;

3) pignoramento effettuato direttamente nei confronti del terzo fallito.

Occorre premettere che la disciplina sul pignoramento presso terzi è sensibilmente mutata a seguito de ...

leggi tutto ›
 

04/06/13

"IL CONTO CORRENTE DEL PENSIONATO E' PIGNORABILE NEL LIMITE DEL QUINTO" - Trib. Ferrara 24.4.2013 - Giulia GIOACHIN

Il Tribunale di Ferrara si pronuncia sulla pignorabilità del conto corrente sul quale il debitore riceve esclusivamente la pensione, limitando il vincolo al limite del “quinto” previsto dall'art. 545 c.p.c.

 

          L'ordinanza del giudice estense risolve in senso garantista l'impasse normativo venutosi a creare dopo l'entrata in vigore, lo scorso 1 ottobre 2012, dell'art. 12 della legge 214/2011 (c.d. Decreto Salva Italia), con cui si è imposto l'obbligo della tracciabilità per il pagamento delle pensioni e degli stipendi superiori ai 1.000,00 euro. ...

leggi tutto ›
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2014 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin

CSS Validity XHTML Validity