Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

Diritto, procedura, esecuzione penale / reato

30/11/15

"DIFFAMAZIONE E PROVOCAZIONE" - Cass. pen. 12428/14 - A.G.

- diffamazione

- esimente provocazione

- annullamento fini civili

Con la sentenza in esame la Cassazione si è occupata di una accusa di diffamazione dalla quale il dirigente di un istituto scolastico era stato assolto. Gli veniva contestato di aver inviato ai genitori degli alunni una missiva contenente es ...

leggi tutto ›
 

27/11/15

"L'EVASIONE PUO' ESSERE FATTO DI LIEVE ENTITA'?" - Cass. pen. 45073/15 - A.G.

Non è la prima volta che un soggetto agli arresti domiciliari giustifica la sua assenza da luogo deputato a custodirlo asserendo di essersi allontanato per consentire al cane di soddisfare i propri bisogni fisiologici.

A prescindere se sia vero o solo una scusa, la giurisprudenza è netta nel ritenere che si tratti di evasione, un reato punito con una pena molto severa.

Nel caso di specie l'uomo si era allontanato di trenta metri da casa ed era in pigiama e ciabatte.

Il difensore ha proposto ...

leggi tutto ›
 

25/11/15

"STALKING: CORTEGGIATORE ASSILLANTE" - Cass. pen. 45453/15 - A.G.

Corteggia in modo assillante la giovane vicina di casa: nei guai un anziano signore perchè la donna ha paura.

La giovane donna si è sentita perseguitata, scegliendo di uscire solo accompagnata dal marito o dalle amiche.

I primi approcci sono divenuti, via via, più assillanti, fino al fatto più grave avvenuto un giorno in cui «seduto nella cucina della propria casa, spostata la tenda, si toccava le parti intime», cercando di farsi vedere dalla vicina di casa che si trovava sul balcone.

L ...

leggi tutto ›
 

18/11/15

"REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: ABUSO D'UFFICIO" - A.G.

L'intermediazione, da parte di un Carabiniere, tra arrestato e difensore, finalizzato alla nomina dell'avvocato quale difensore di fiducia del soggetto tratto in arresto, costituisce abuso d'ufficio, a prescindere da quale sia il movente intimo che spinge il pubblico ufficiale a tenere quella condotta, in quanto, da tale intermediazione, scaturisce un vantaggio patrimoniale indebito – dato da un rapporto professionale produttivo di oneri economici e correlativo guadagno – che viola il divieto di accaparramento di clienti di cui all'art. 19 codice deontologico forense e che non è obliterato dall'e ...

leggi tutto ›
 

16/11/15

"REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PRETESE SESSUALI IN CASERMA" - A.G.

Appartenenti alle forze dell'ordine, esercitando i poteri loro attribuiti in modo deviato rispetto al fisiologico schema funzionale, costringevano alcune prostitute a consumare rapporti sessuali, dopo averle pretestuosamente accompagnate in caserma per procedere a foto-segnalamento. I comportamenti realizzati – quali quelli di introdurre le donne in ambienti riservati – erano mirati univocamente a porre le vittime in condizione di inferiorità per ottenerne prestazioni sessuali.

Continua, Gasparre, L'attività deviata della pubblica amministrazione, Ottobre 201 ...

leggi tutto ›
 

14/11/15

"STALKING: UNA SENTENZA, TRE PRINCIPI" - Cass. pen. 45648/13 - Annalisa GASPARRE

- stalking: necessaria la ripetizione della condotta

- reiterato non significa seriale: ad integrare gli atti persecutori bastano due atti

- la reciprocità delle condotte moleste non esclude il reato

- non è necessario accertare lo stato patologico ...

leggi tutto ›
 

11/11/15

"STALKING: UN'ASSOLUZIONE PER INCERTEZZA" - Trib. Padova, 20.3.2015

- atti persecutori

- frequenti e ingiustificati passaggi nei pressi dell'abitazione della ex moglie + atti vandalici


L'imputato è stato assolto dal reato di atti persecutori a lui ascritto perchè con condotte reiterate consistenti in particolare in frequenti e ingiustificati passaggi nei pressi de ...

leggi tutto ›
 

09/11/15

"COINQUILINI... VIOLENTI: QUANDO IL PERICOLO E' IN CASA" - Trib. Genova, 8.11.2011 - A.G.

Un appartamento con coinquilini turbolenti il teatro dell'imputazione a carico di un uomo accusato di violenza privata, lesioni personali volontarie e ingiurie a carico del coinquilino.

Non è noto in quale clima sia maturato il reato, ma abbiamo solo l'ultimo flash di una convivenza che, per qualche ragione, deve essersi trasformata in un inferno.

E' dato intuire che i protagonisti (l'autore, la vittima, il testimone) fossero coinquilini che avevano in affitto una stanza all'interno di un appartamento. Una notte di giugno, uno ...

leggi tutto ›
 

09/11/15

"SI INTERROMPE LA RELAZIONE STABILE E SI FINISCE IN TRIBUNALE PER STALKING" - Cass. pen. n. 10393/15 - Annalisa GASPARRE

Quella che segue è una storia tra tante: la relazione finisce, uno dei due non lo accetta.

Quel che è peculiare è però la tempistica e le modalità dei fatti narrati.

La vicenda infatti riguardava due protagonisti che avevano una relazione stabile, tanto che avevano già arredato un'abitazione che avrebbero dovuto occupare.

Improvvisamente lei interrompeva la relazione e lui reagiva con ripetuti sms e richieste di incontro. Aveva poi preso ad insultarla e ad aggredirla, cercando anche di ...

leggi tutto ›
 

06/11/15

"DOMICILIARI: EVASIONE PORTARE FUORI IL CANE A FARE PIPì" - Cass. pen. 38275/15 - A.G.

- arresti domiciliari

- convivere con un cane

- "pipì break" (del cane) è evasione

Accusa pesante di evasione in capo all'uomo che si trovava agli arresti domiciliari: il fatto di aver portato fuori casa il cane costituisce violazione della misura cautelare.

Per i giud ...

leggi tutto ›
 

04/11/15

"STALKING: ANCHE SE GLI INCONTRI SONO CASUALI" - Cass. pen. 43085/15 - Annalisa GASPARRE

- atti persecutori

- reiterazione

- incontri occasionali

A seguito di una denuncia per stalking era stata applicata all'indagato la misura cautelare della custodia in carcere: l'uomo si era reso autore di almeno cinque episodi in danno della ex partner ( con cui aveva avuto un figlio) e dei suoi familiari, ...

leggi tutto ›
 

03/11/15

"ANIMALI&DIRITTO: LUCI E OMBRE INTORNO A UN VETERINARIO" - Annalisa GASPARRE

Storia n. 2

Chiaro

Un medico veterinario spesso disposto a visite domiciliari, due studi, numerosi collaboratori, stimato dai clienti che, increduli delle accuse che gli vengono rivolte, non esitano a fare raccolte firme (?), manifestazioni (anche durante la prima udienza in tribunale).

Scuro

A porte chiuse il veterinario si "trasformava" in un individuo impietoso nei confronti di alcune categorie di pazienti e nei confronti delle collaboratrici, collezion ...

leggi tutto ›
 

03/11/15

"STALKING E ALTRI REATI" - Cass. pen. 20895/2011

"se la norma incriminatrice di cui all'art. 612 bis è speciale rispetto a quelle che prevedono reati di minaccia o molestia, non lo è rispetto all'art. 610 c.p.. La violenza privata anzitutto può essere commessa con atti per sé violenti ed è poi soprattutto finalizzata a costringere la persona offesa a fare, non fare, tollerare o omettere qualche cosa, cioè ad obbligarla ad uno specifico comportamento.
La previsione dell'art. 610 c.p. perciò non genera solo il turbamento emotivo occasionale dell'offeso per il riferimento ad un male futuro, ma esclude la sua stessa volontà in atto di deter ...

leggi tutto ›
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity