Legislazione e Giurisprudenza, Obbligazioni, contratti -  Colpo Elide - 2013-07-31

ANNULLABILITA' DEL CONTRATTO E PRESCRIZIONE- Cass.civ.18223/2013 - Elide COLPO

Con sentenza n. 18223 del 29 luglio 2013 la III sezione civile della Corte di Cassazione si è occupata dell'azione di annullamento del contratto, in particolare del termine di prescrizione della domanda giudiziale.

La Suprema Corte ha precisato come l'annullabilità del contratto, fatta valere attraverso la proposizione di una apposita domanda giudiziale, soggiace al termine di prescrizione quinquennale.

L'annullabilità può però essere dedotta anche in via d'eccezione nel caso in cui il convenuto tenda all'esclusivo fine della reiezione, totale o parziale, della domanda dell'attore opponendo al diritto da questi fatto valere una situazione giuridica idonea a paralizzarlo. L'art. 1442 ultimo comma c.c. consente a chi sia convenuto per l'esecuzione, compreso il caso del debitore che resista alla pretesa esecutiva con l'opposizione come nella fattispecie oggetto della presente sentenza, di far valere detto vizio, non per pervenire all'annullamento del contratto, ma all'unico fine di paralizzare la pretesa della contraparte all'adempimento. In tale caso, a differenza della domanda giudiziale di annullamento del contratto che soggiace al termine di prescrizione quinquennale, l'eccezione di annullamento può essere avanzata in ogni tempo non essendo sottoposta ad un termine di prescrizione.

Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 3 aprile - 29 luglio 2013, n. 18223
Presidente Petti – Relatore Scrima

Svolgimento del processo

Con ricorso depositato in data 25 febbraio 2002, B.D.  proponeva, al Tribunale di Modena, opposizione all'esecuzione promossa dalla Banca P. esponendo che: S.F. nel 1980 aveva acquistato dall'istituto autonomo per le case popolari della provincia di M. una porzione immobiliare ubicata a ..., costituita da un appartamento e cantina; la S.  era stata ricoverata più volte per problemi psichiatrici e, in costanza di "incapacità di intendere e volere", aveva stipulato con la Banca P., mediante rogito notarile del 25 giugno 1982, un contratto di mutuo per l'importo di L. 30.000.000 con concessione di garanzia ipotecaria sul già indicato immobile; la predetta banca, in data 8 gennaio 1998, aveva notificato atto di precetto, intimando alla mutuataria il pagamento del residuo importo mutuato e non soddisfatto, pari a L. 11.094.141, oltre accessori e spese; rimasta senza esito tale intimazione, il medesimo istituto di credito aveva proceduto a pignoramento immobiliare sul detto bene gravato da prelazione ipotecaria; la S.  era deceduta il (omissis) , lasciando erede la ricorrente che intendeva "far giudizialmente accertare e dichiarare lo stato di incapacità di intendere e di volere di S.F. al momento della sottoscrizione dell'atto del 25.06.1992" e "conseguentemente l'annullabilità, ex artt. 428, 1 comma, e 1425, II comma, del codice civile, di detto contratto con ogni conseguente effetto di legge".
Nel giudizio di merito si costituiva la banca opposta chiedendo il rigetto dell'opposizione ed eccependo la prescrizione dell'azione.
Nelle more il GÈ accoglieva l'istanza di conversione del pignoramento immobiliare con la somma di Euro 17.802,24 presentata da B.D. , la quale provvedeva al versamento di tale importo che veniva assegnato alla banca.
Il Tribunale di Modena, con sentenza del 15 marzo 2004, rigettava l'opposizione ad esecuzione immobiliare proposta dalla B. .
Riteneva il primo Giudice che non era stata adeguatamente acquisita la prova della dedotta incapacità di intendere e di volere della S.  al momento della stipulazione dell'atto notarile ricordato, non era stato dimostrato il grave pregiudizio conseguito alla predetta dalla stipulazione del medesimo contratto e neppure risultavano provate la conoscenza dell'asserito stato di incapacità naturale e la mala fede in capo alla banca mutuante; riteneva, altresì, ormai prescritta l'azione di annullamento del contratto in parola.
Avverso tale decisione B.D.  proponeva impugnazione, cui resisteva l'appellata.
La Corte di appello di Bologna, con sentenza del 15 novembre 2005, rigettava il gravame.
Avverso la sentenza della Corte di merito B.D.  ha proposto ricorso per cassazione sulla base di due motivi.
Ha resistito con controricorso la Banca P.
Entrambe le parti hanno depositato memorie ex art. 378 c.p.c..

Motivi della decisione

1. Al ricorso in esame non si applica il disposto di cui all'art. 366 bis c.p.c. - inserito nel codice di rito dall'art. 6 del d.lgs. 2 febbraio 2006, n. 40 ed abrogato dall'art. 47, comma 1, lett. d) della legge 18 giugno 2009, n. 69 - in considerazione della data di pubblicazione della sentenza impugnata (15 novembre 2005); pertanto, va disattesa l'eccezione di inammissibilità del ricorso in parola ex art. 366 bis c.p.c. sollevata dalla controricorrente e a cui ha pure fatto riferimento il P.M. in udienza nelle conclusioni formulate in via principale.
2. Con il primo motivo, denunciando "violazione e falsa applicazione dell'art. 112 c.p.c. in relazione all'art. 360, n. 4, c.p.c.; error in procedendo", la ricorrente censura la sentenza impugnata nella parte in cui ha ritenuto che "costei [B.D. ] - avendo in giudizio spiegato vera e propria azione intesa ad ottenere pronuncia giudiziale di annullamento del contratto di mutuo ipotecario de quo per l'asserita incapacità naturale della de cuius e sua dante causa a titolo successorio ereditario S.F.  , senza limitarsi a formulare in proposito una mera eccezione — non possa prescindere dal rispetto del termine quinquennale di prescrizione" di cui all'art. 1442 c.c.0
Ad avviso della B.  la Corte di merito sarebbe incorsa in error procedendo, contravvenendo al potere-dovere di accertare e valutare il contenuto sostanziale della pretesa da lei fatta valere ed omettendo di attribuire "alla domanda/eccezione" da lei spiegata "l'efficacia, quantomeno, di eccezione di annullabilità del contratto de quo" ed omettendo di "invalidare e paralizzare l'iniziativa in executivis assunta dalla Banca P.".
3. Con il secondo motivo la ricorrente lamenta "contraddittoria e perplessa motivazione (art. 360 n. 5 c.p.c.)", assumendo che la Corte di merito, pur aderendo nella prima parte della motivazione della sentenza impugnata alla tesi difensiva della B. , negherebbe poi "la qualificazione giuridica attribuita al rapporto controverso e giungerebbe ] ad una diversa, controversa e perplessa motivazione".
4. I motivi, che per la loro connessione possono essere esaminati congiuntamente, sono entrambi infondati.
4.1. L'annullabilità di un contratto può essere fatta valere attraverso la proposizione di apposita domanda giudiziale, ma può essere dedotta anche in via di eccezione, quando il convenuto tenda con le sue difese all'esclusivo fine della reiezione, totale o parziale, della domanda dell'attore, opponendo al diritto da questi fatto valere una situazione giuridica idonea a paralizzarlo (cfr. Cass. 30 marzo 1989 n. 1556).
L'annullabilità di un contratto, ove fatta valere in via di azione, è sottoposta a precisi limiti temporali e tende alla eliminazione dell'atto che si assume viziato. Ma, quando ricorra l'esistenza di un vizio comportante l'annullamento del contratto, anche ove la apposita azione non sia stata esperita, l'ordinamento (art. 1442, ultimo comma, c.c.) consente a chi sia convenuto per l'esecuzione (e tale deve intendersi anche il debitore che resista alla pretesa esecutiva con l'opposizione, v. Cass. 2 marzo 1971, n. 522), di fare valere detto vizio, per pervenire non già all'annullamento dell'atto, ma all'unico fine di paralizzare la pretesa della controparte all'adempimento. La parte convenuta per l'adempimento ha dunque la facoltà, di chiedere l'annullamento del contratto, ove non sia decorso il termine prescrizionale, ovvero di sollevare eccezione di annullamento, che può peraltro essere avanzata in ogni tempo, limitandosi a denunciare il vizio, allo scopo di frustrare la pretesa dell'attore.
4.2. Nella specie, non sussiste la lamentata violazione dell'art. 112 c.p.c., avendo la Corte di merito, nel rigettare l'appello proposto avverso la sentenza di primo grado, correttamente ritenuto che la B.  non si è limitata ad una pretesa diretta ad invalidare e paralizzare l'iniziativa in executivis assunta dalla Banca P., id est a sollevare l'eccezione di annullamento al solo scopo di paralizzare la pretesa della controparte all'inadempimento, ed ha altrettanto correttamente qualificato l'istanza formulata dall'attuale ricorrente quale, invece, domanda di annullamento dell'atto del 25 giugno 1992 per essere al momento della stipula di tale atto la S.F. incapace di intendere e di volere, istanza peraltro da ritenersi - diversamente da quanto indicato dalla Corte distrettuale - già sostanzialmente desumibile dall'atto di opposizione, avendo in esso (v. p. 5) la B.  premesso che "intendeva] far giudizialmente accertare e dichiarare lo stato di incapacità di intendere e di volere di S.F. al momento della sottoscrizione dell'atto del 25.06.1992" e "conseguentemente l'annullabilità, ex artt. 428, I comma, e 1425, II comma, del codice civile, di detto contratto con ogni conseguente effetto di legge"; domanda, questa, poi precisata nelle note ex art. 183, quinto comma, c.p.c. (v. p. 10 e 11 delle note in parola).
4.3. Correttamente qualificata quella proposta dall'opponente all'esecuzione come domanda di annullamento e non come mera eccezione, altrettanto correttamente la Corte di merito ha ritenuto fondata l'eccezione di prescrizione dell'azione di annullamento sollevata dall'istituto di credito, essendo trascorso il termine di cinque anni decorrente dalla conclusione del contratto (25 giugno 1992) già prima del decesso di S.F.  , avvenuto il (OMISSIS) , e, quindi, ben prima della proposizione della domanda in questione.
4.4. Neppure sussiste il lamentato vizio motivazionale, avendo la Corte territoriale motivato la sua decisione in modo adeguato e congnio, privo di vizi logici e da errori giuridici, senza cadere nella contraddizione di cui si duole la ricorrente. A tale ultimo riguardo i giudici di secondo grado, lungi dall'aderire alla tesi difensiva della B.  come da questa, invece sostenuto, a p. 9 e 10 della sentenza, dopo aver sottolineato che, ai sensi dell'art. 1442 c.c., in ossequio alla principio quae temporalia ad agendum perpetua ad exiplendum, la parte convenuta per l'esecuzione del contratto può opporre l'annullabilità anche se è prescritta l'azione per farla valere, hanno poi evidenziato che tali considerazioni non giovano all'attuale ricorrente che non si é limitata a formulare una mera eccezione di annullabilità ma ha spiegato una vera e propria domanda volta ad ottenere la pronuncia giudiziale di annullamento del contratto di mutuo ipotecario in questione, per asserita incapacità naturale della de cuius, sicché non può prescindersi dal rispetto del termine quinquennale di prescrizione cui si é già fatto riferimento. Il ricorso deve essere, pertanto, rigettato.
Le spese del giudizio di cassazione, liquidate come da dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento, in favore della banca controricorrente, delle spese del presente giudizio di legittimità, che liquida in complessivi Euro 1.500,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre accessori di legge.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati