Legislazione e Giurisprudenza, Responsabilità della p.a. -  Mazzon Riccardo - 2014-06-24

APPALTO PUBBLICO E RESPONSABILITA' EX ART. 2049 DEL CODICE CIVILE - RM

Anche nell'appalto pubblico, così come in quello privato, non è configurabile, a carico della stazione appaltante,

"l'appaltatore assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento di un'opera o di un servizio verso un corrispettivo in danaro: è, pertanto, da escludersi la responsabilità civile della USL appaltante e del comune, titolare in senso statico-formale della proprietà dei beni immobili destinati alla cura della salute pubblica, in relazione ai danni subiti da un terzo incaricato della vigilanza dei cantieri da parte della società appaltatrice" (Trib. Latina 23 aprile 1992, FI, 1992, I, 2522 - cfr., amplius, il volume "Responsabilita' oggettiva e semioggettiva", Riccardo Mazzon, Utet, Torino 2012 -)

una responsabilità indiretta per fatto illecito dell'appaltatore, il quale, data la sua posizione di autonomia, non è un semplice esecutore degli ordini del committente, ma assume il rischio organizzativo ed economico dell'opera, a meno che, in base ai patti contrattuali, l'esecuzione dei lavori sia sottratta all'autonomia propria dell'appaltatore e riservata all'immediata ed esclusiva direzione del committente, giacché in tal caso il primo si presenta quale mero esecutore degli ordini del secondo, in modo non dissimile da un lavoratore dipendente (nella pronuncia che segue, in base al principio suddetto, la Suprema corte ha confermato la sentenza di merito che aveva affermata la responsabilità dell'appaltatore per i danni arrecati ad un fondo dalla mancata progettazione e realizzazione, nella costruzione di un impianto sportivo, di un sistema di convogliamento e raccolta delle acque meteoriche, in base al rilievo che i requisiti tecnico-operativi e professionali dell'appaltatore avrebbero dovuto consentirgli di rendersi conto dei pericoli insiti nella lacuna anzidetta e di segnalarli a committente):

"in materia di appalto, anche di opera pubblica, non è configurabile a carico dell'appaltante una responsabilità indiretta per fatto illecito dell'appaltatore, il quale, data la sua posizione di autonomia, non è un semplice esecutore degli ordini del committente ma assume il rischio organizzativo ed economico dell'opera. Pertanto, anche nell'appalto di opera pubblica l'appaltatore, essendo tenuto a rilevare, nei limiti delle sue capacità tecniche e delle cognizioni richiestegli quale imprenditore del particolare ramo, eventuali carenze ed errori, nelle disposizioni impartitegli dal committente o dal direttore dei lavori nominato dallo stesso, è responsabile per i danni cagionati a terzi nell'esecuzione dell'opera anche se derivanti dall'imperfezione del progetto, a meno che non dimostri di aver manifestato il proprio dissenso e di essere stato indotto a seguirlo, quale nudus minister, nella ragionevole opinione che dalla fedele attuazione di esso non sarebbe derivato alcun danno a terzi " (Cass. civ., sez. II, 19 gennaio 1995, n. 616, GCM, 1995, 105).

Restano fermi, anche in questo caso, i possibili, diversi titoli di responsabilità; si confronti, a tal proposito, la seguente pronuncia, con la quale la Corte di Cassazione ha confermato la pronunzia di merito che aveva ritenuto il dirigente comunale colpevole di omicidio colposo ai danni del conducente di un ciclomotore, caduto a causa del cattivo stato della strada, posto che era stato accertato che l'imputato aveva omesso di effettuare il controllo sui lavori di manutenzione dal Comune dati in appalto ad una ditta privata):

"il pubblico amministratore committente non perde, in conseguenza dell'appalto dei lavori di manutenzione e sorveglianza delle strade, l'obbligo di vigilanza la cui omissione è fonte di responsabilità qualora concorrano le circostanze della conoscenza del pericolo, dell'evitabilità dell'evento lesivo occorso a terzi e dell'omissione dell'intervento diretto all'eliminazione del rischi" (Cass. pen., sez. IV, 5 giugno 2007, n. 37589, CP, 2008, 237772).



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati