Articoli, saggi, Responsabilità della p.a. -  Conzutti Mirijam - 2014-07-04

ART 1 BIS LEGGE 241 PRIME APPLICAZIONI - Mirijam CONZUTTI

In casi specifici il Legislatore ha voluto prevedere non già il risarcimento del danno ma il riconoscimento di un indennizzo per i soli casi di inosservanza del termine di conclusione del procedimento.

L"art 1 bis introdotto dall"art 28 d.l. n. 69/2013 convertito in l.n. 98/2013 prevede, infatti, che nei soli procedimenti ad istanza di parte, con esclusione di ipotesi di silenzio qualificato e di concorsi pubblici, il riconoscimento dell"indennizzo nei modi e nelle condizioni successivamente stabiliti in caso di inosservanza del termine di conclusione del procedimento.

Ne consegue che:

l"inosservanza del termine di conclusione procedimentale comporta il risarcimento del danno ingiusto, qualora, con la dimostrazione del nesso di causalità questo consegua alla predetta inosservanza colposa o dolosa della pubblica amministrazione ( art. 2 bis comma 1, legge 241/90) ; nei casi espressamente previsti, il riconoscimento di un indennizzo, il titolo a ricevere il quale, condizione prevista dalla legge, sorge per il solo fatto del superamento del termine e che, ove concorra con la distinta obbligazione risarcitoria, è determinato con la distinta obbligazione risarcitoria, è detratto dalla somme complessivamente riconosciute a tale ultimo titolo ( art 2 bis comma 1 bis, legge 241/90).

Sia il risarcimento del danno ingiusto, sia l"indennizzo nel considerare l"inosservanza di un termine per la conclusione di un procedimento, presuppongono che si verta nell"ambito di un procedimento amministrativo, non potendo le norme applicarsi a casi di attività della Pa diversa da quella procedimentalizzata.

Vale a dire a quella attività, costituente procedimento amministrativo, caratterizzata dalla presenza di un potere amministrativo da esercitare e di norma destinata a concludersi con l"emanazione di un provvedimento amministrativo.

CDS sez IV 22 maggio 2014, n. 2638



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati