Legislazione e Giurisprudenza, Responsabilità oggettiva, semioggettiva -  Cardani Valentina - 2015-03-30

ART. 2051 C.C.: INTEGRA IL CASO FORTUITO IL LANCIO DI SASSI DAL CAVALCAVIA– Cass. Civ., n. 6095/2015 – V. CARDANI

- Art. 2051 c.c.

- Risarcimento danni

- Lancio di sassi dal cavalcavia

Integra il caso fortuito, idoneo ad escludere la responsabilità del custode, il lancio di sassi dal cavalcavia verso i veicoli che percorrono l"autostrada sottostante.

Questa la conclusione della Suprema Corte di Cassazione nella pronuncia in oggetto, che ha visto la vittima del tragico "tiro al bersaglio" vedersi rigettare la propria domanda di risarcimento dei danni subiti mossa nei confronti della società avente in gestione il tratto stradale interessato.

In particolare, oggetto di valutazione del Giudice delle leggi è stata la possibilità di qualificare come "caso fortuito" l"evento lesivo.

Parte attrice, a questo proposito, sosteneva nel proprio ricorso, che l"addebito di responsabilità mosso al gestore dell"autostrada sarebbe scaturito dalla presenza di buchi nella rete metallica di accesso alla zona. Da ciò, sarebbe dipesa la possibilità, per gli ignoti delinquenti, di porre in essere la condotta pregiudizievole.

Precisa la Corte di Cassazione che in caso di responsabilità per cose in custodia, l"attore è onerato unicamente di provare il nesso causale tra la cosa e il danno; spetta invece a parte convenuta dar prova del caso fortuito, ossia di un avvenimento improvviso e imprevedibile idoneo ad interrompere il nesso di causalità.

Nel caso di specie, gli Ermellini hanno ritenuto operare proprio questo caso di esclusione della responsabilità, a nulla valendo, l"asserita mancata manutenzione dello stato dei luoghi; secondo le testuali parole della Corte, "proprio il rapporto di "immediatezza" ed "assoluta contestualità" tra il lancio e l'incidente permette di escludere che si fosse consolidata (trascorso il tempo ragionevolmente necessario al gestore per la rimozione dei sassi dalla carreggiata) una situazione di pericolo immanente alla cosa".



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati