Varie  -  Redazione P&D  -  02/12/2021

Aggiornamento giurisprudenziale dicembre 2021

AGGRESSIVI VERSO L’EX NUORA: obbligati a stare lontani da lei e dalle nipotine

>>>>>>>>>>  Confermato il divieto di avvicinamento per una coppia di anziani che hanno preso di mira l’ex moglie del figlio e che ora sono indagati per stalking. Acclarati i comportamenti da loro messi in atto e che hanno arrecato danno anche alle nipotine.

-----

ORDINAMENTO PENITENZIARIO - L’Amministrazione penitenziaria deve fornire al detenuto i mezzi adeguati per l’igiene personale e la pulizia della propria ‘camera’

>>>>>>>>>>  L’Amministrazione penitenziaria ha «il dovere incondizionato di fornire ai reclusi i prodotti e gli utensili necessari per la cura e la pulizia, rispettivamente, della persona e della camera di pernottamento, senza alcuna discriminazione su base censitaria. Tale regolamentazione generale non sarebbe derogabile da disposizioni interne emanate dal singolo istituto di pena».

------

DIVORZIO - Il lavoro post separazione all’insaputa del marito non basta a mettere in discussione l’assegno divorzile in favore dell’ex moglie

>>>>>>>>>> Respinte le obiezioni proposte dall’uomo. Ciò che conta è la maggiore solidità economica da lui dimostrata, mentre l’ex moglie è attualmente disoccupata, anche perché deve occuparsi delle due figlie minorenni.

----

RISARCIMENTO DANNI - La violazione delle norme sul litisconsorzio necessario in tema di risarcimento danni in seguito ad un incidente stradale

>>>>>>>>>  «Quando risulta integrata la violazione delle norme sul litisconsorzio necessario, non rilevata né dal giudice di primo grado, che non ha disposto l’integrazione del contraddittorio, né da quello di appello, che non ha provveduto a rimettere la causa al primo giudice ai sensi dell’art. 354, comma 1, c.p.c., resta viziato l’intero processo».

----

DISCIPLINARE AVVOCATI  - Sospeso l'avvocato che emette assegni privi di copertura per conto del proprio assistito

>>>>>>>>>>  «L'inadempimento derivante da assegni privi di copertura, pur avendo i caratteri di un illecito comune, è da ricondurre nell'alveo disciplinare perché idoneo per modalità e gravità a compromettere il rapporto di fiducia con il difensore per la stretta connessione con l'assolvimento dei propri doveri professionali».

----

IMPUTABILITÀ  - Dal 14 dicembre 2021 rafforzata la presunzione di innocenza

>>>>>>>>>>  Dopo un travagliato iter normativo, in esecuzione della delega conferita con l. 22/4/2021 n. 53, il Governo ha adottato il d.lgs. 8/11/2021, recante Disposizioni per il compiuto adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni della direttiva (UE) 2016/343 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2016, sul rafforzamento di alcuni aspetti della presunzione di innocenza e del diritto di presenziare al processo nei procedimenti penali, pubblicato in G.U. n. 284 del 29/11/2021, in vigore dal 14/12/2021.

---

COVID  - Il Parlamento dell’UE, come altri luoghi di lavoro, è accessibile solo con green pass

>>>>>>>>>>  Il Tribunale dell’UE ha dato semaforo verde alla certificazione verde ed ai tamponi nasofaringei per accedere alle tre sedi del Parlamento europeo (Bruxelles, Strasburgo e Lussemburgo). La lettura del codice QR del green pass non viola la privacy dei titolari, poiché i dati sensibili sono processati solo per questo fine secondo rigidi protocolli.

----

DISTANZE - I regolamenti comunali che individuano zone territoriali sottoposte a vincolo devono osservare le prescrizioni in materia di distanze minime tra fabbricati

>>>>>>>>>  Il principio che anche la costruzione realizzata in zona soggetto a vincolo edilizio, deve osservare le norme in materia di distanze previste dalla legislazione speciale o dal codice civile, non può venir meno per il fatto che la pubblica amministrazione ometta o ritardi di sanzionare con provvedimenti a carattere reale la violazione del vincolo di inedificabilità.

----

COLLABORATORE DI GIUSTIZIA: senza scorta, il processo è nullo

>>>>>>>>>>>  In relazione all’imputato ammesso al programma di protezione ex art. 11 d.l. n. 8/1991 (c.d. collaboratore di giustizia) che abbia manifestato la sua intenzione di partecipare all’udienza, la mancata attivazione del servizio di protezione è assimilabile alla mancata traduzione all’udienza camerale dell’imputato detenuto, con conseguente nullità processuale.

 





Articoli correlati