Cultura, società  -  Redazione P&D  -  01/12/2021

Berlusconi al Quirinale?

Non ho mai votato Berlusconi, non credo che lo farò mai, seguo come tutti i suoi disperati tentativi di rifarsi il maquillage, e convincere gli ex avversari di sempre a votarlo.

Devo dire però che credo un po’ anche all’effetto Becket.  Ricordate?

----

Tommaso Becket arcivescovo cattolico inglese. Lord cancelliere del Regno d'Inghilterra dal 1154, grande amico del futuro re, forse suo compagno di bisboccia, venne eletto arcivescovo di Canterbury e primate d'Inghilterra nel 1162. Ostile ai propositi di Enrico II di ridimensionamento dei privilegi ecclesiastici, ne pagò il prezzo e venne assassinato dagli sgherri del suo ex amico.

----

Cioè Berlusconi che diventa Presidente della Repubblica, e che – invece che fare i suoi interessi come al solito (costruzioni disinvolte a Milano, prescrizioni accorciate, presidi vari alle sue televisioni,  nipoti di Mubarak, incitatore di telegiornali alla Emilio Fede, fondi misteriosi, bunga bunga, e quant’altro) – diventa il garante di tutti, il difensore dei sindacati, l’uomo dei soggetti deboli, il laico lungimirante, un esempio di cittadino per tutti. 

Chissà….

A quali altre giravolte, secondo voi,  assisteremo comunque prossimamente?

  • Berlusconi iscritto all’Associazione Luca Coscioni
  • Berlusconi interista
  • Berlusconi senza denti finti e capelli tinti
  • Berlusconi che fa il voto di castità
  • Berlusconi che va abitare in un condominio
  • Berlusconi che l’imitazione di Crozza
  • Berlusconi che pubblica un’autobiografia col fido Vespa in cui scopre tutti gli altarini