Cultura, società - Opinioni, ricerche -  Paolo Cendon - 01/04/2020

CAPACE CHE FRA UN MESE …

===

….usciamo sì, poi qualche tratto di libertà in più, finalmente, passeggiate sì, contenti di essere ancora vivi, sollievo sì … giugno tutto già aperto, ebbrezza, librerie, gita fuori porta, parrucchieri, concerti, a luglio si può tornare al mare, al cinema, agosto montagna o grandi viaggi, ristoranti, brindisi, luna park, settembre festival, tennis, cocktail, campionato che ricomincia … ottobre sfilate di moda, convegni, nuove conoscenze, novembre simposi, safari, marce, gare di ballo, poi dicembre fine anno, ripensiamo tutto quello che è successo nel 2020, e quando qualcuno ci chiederà

- E tu quando sei stato peggio l’anno che è passato? Marzo vero? -

Ci capiterà dentro di noi di pensare

- mah, in fondo marzo, anche aprile, ero in casa … non si usciva, era poi così male??? Chissà, quelle nuove abitudini, le foto riscoperte, i piattini che ci cucinavamo, Jole e io, due libri della gioventù riletti, quel senso di pace, il gatto, le piante … certo ansia, nervosismo, apprensioni varie, però anche quel senso di pace, di focolare, di assurda serenità domestica, i giochi inventati coi bambini, tepori … lentezza, guardarsi, ascoltarsi, il tempo per ripensare tante cose, mai stato così felice -

chissà se sarà così, chissà se lo confesseremo a noi stessi …