Cultura, società - Generalità, varie -  Redazione P&D - 11/08/2017

Cos’è la Politica, cos’è la demagogia - Emy M.

La Politica non è demagogia, ma è la Capacità della classe politica di saper organizzare, tutelare e distribuire, con Onestà, Uguaglianza e Giustizia, le risorse e i beni del territorio perseguendo il Benessere Collettivo!

La sfiducia dei cittadini nei confronti  dell’attività politica é così tristemente diffusa a tal punto che, come tutti avranno avuto modo di costatare in diverse occasioni, al pronunciare la semplice ma tanto odiata parola politica, nell’intento di voler iniziare uno scambio di opinioni con il concittadino di turno, ci s’imbatte nell'ennesimo sfogo di rabbia che, comprensibilmente, manifesta il disagio economico e/o lavorativo al quale si collega, per conseguenza dei fatti, un malessere sociale e psicologico, il tutto accompagnato in molti casi da un colorito linguaggio, per arrivare alla scontata conclusione che dire politica è dire danno.
E' sempre più evidente come alla parola politica venga attribuito un significato pessimo!
Ma occuparsi di politica, nel suo significato etimologico, non significa l'arte o la tecnica di come conquistarsi il potere, fine a se stesso, come purtroppo è oramai percepito dal popolo per colpa di chi è chiamato a rappresentarlo, ma volendo fare un'analisi della parola politica, si fa notare che essa deriva dal greco antico politikḗ  dove per polis s'intende la città-stato, mentre la restante parte della parola sottintesa  téchnē si riferisce all'arte o alla tecnica; pertanto volendo ricollegarsi alla definizione di apertura del presente capitolo, la Politica è l'arte o la tecnica di saper organizzare uno stato e la comunità dei cittadini.
Per questo mi sembra utile dover spiegare la differenza tra il concetto di politica, come già specificato, e il concetto di demagogia che, a quanto pare, è quella politica degenerata diffusa in molti stati.
La demagogia, chiunque può trovare il significato di tale parola su un qualsiasi vocabolario, può essere definita, all'opposto della sana politica, l'arte di saper raggirare e pilotare con abili e false argomentazioni l'opinione dei cittadini con lo scopo di ottenere il potere, non avendo in realtà nessun interesse verso i bisogni del paese.
Forse sembra banale questa piccola comparazione, ma confrontandomi con la gente riscontro come essi percepiscano la politica, non nel suo reale e sano significato fin qui spiegato, ma nella sua forma degenerata, che oscura il suo reale e nobile fine.
Questo è non solo un grave errore ma, soprattutto, una sconfitta del sistema politico perché manifesta l’incapacità di assolvere i suoi doveri, suscitando non ammirazione e fiducia, come sarebbe in un sistema politico sano, ma delusione, rabbia e malcontento, a tal punto da suscitare nei cittadini non il senso di appartenenza a un sistema politico nel quale essi sono compartecipi, ma inadeguatezza e rifiuto.
Il vero senso della Politica è la collaborazione all’unisono di tutti i suoi membri, cittadini e rappresentanti.
I rappresentanti hanno il dovere di garantire il Diritto di vivere, e non di sopravvivere, adottando tutte le misure idonee e necessarie affinché i cittadini possano provvedere, innanzitutto, al proprio benessere e, in questo modo, permettere agli stessi di assolvere i propri doveri per contribuire al benessere della collettività.
In questo modo, ogni aspetto della vita associativa ne trarrà i benefici, dall’economia alla convivenza, in un clima di Uguaglianza e Giustizia per tutti.
La classe politica deve essere consapevole della sua missione, deve avere la passione e l’abilità di saper dirigere la comunità, facendo il possibile per trovare soluzioni e non, al contrario, di creare nuovi problemi oltre a quelli che esistono.
Questa è Politica sana!
E’ importante che i cittadini non confondano il vero senso della politica, per la quale essa è stata pensata e fin qui descritta, con quella di demagogia.
Quella che stiamo vivendo non è la vera Politica, ma la sua degenerazione, in altre parole la cattiva gestione delle risorse e l’abuso del potere per soddisfare gli interessi dei pochi, a danno dell’intera comunità dei cittadini i quali sono costretti non più a vivere, ma a sopravvivere.
Ripeto, la demagogia è l’abilità dei pochi, chi dirige la nazione, di ingannare, con false promesse per arrivare al potere e, in seguito, ricorrere a diverse scuse per giustificare la loro impossibilità nel mantenere le promesse fatte durante la campagna elettorale.
Il problema che emerge da quanto sin qui scritto, è la mancanza di una Vera e Onesta classe politica che sia dedita all’importante compito cui è chiamata, dedita al benessere della comunità.
Questo è il dramma!