Diritto, procedura, esecuzione penale - Generalità, varie -  Redazione P&D - 26/01/2018

Detenzione inumana, prescrizione del diritto al risarcimento - Tribunale di Cagliari 20.12.2017

Attraverso il decreto legge n. 92 del 2014 è stato introdotto, fra le disposizioni dell’Ordinamento Penitenziario, l’art. 35 ter relativo ai rimedi risarcitori conseguenti alla violazione dell’art. 3 della convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali nei confronti dei detenuti ed internati.
L’impostazione delineata dal legislatore per tale rimedio risarcitorio (la novella avrebbe inciso sia il diritto sostanziale che gli aspetti processuali dell’azione risarcitoria) comporta, peraltro, alcune conseguenze importanti in tema di prescrizione.
Nella pronuncia che si allega, in particolare, si afferma che la fattispecie si inquadra nell’ambito della responsabilità da inadempimento dell’obbligazione e che, pertanto, il termine di prescrizione debba essere quello decennale “decorrente dalla data della verificazione della violazione causa del pregiudizio”.