Giustizia civile - Generalità, varie -  Redazione P&D - 06/12/2020

Improponibilità della domanda per inosservanza del principio di alternatività - sentenza Giudice di Pace di Palermo n. 2458-2020 - Diego Ferraro

Una interessante sentenza emessa dal Giudice di Pace di Palermo che ha sancito la "improponibilità" della "domanda giudiziale"  per inosservanza del "principio dell'alternatività" nell'ipotesi in cui il danneggiato, "nella fase extragiudiziale", abbia "cumulativamente messo in mora" sia il proprio assicuratore (ex art. 149 C.d.A.) sia l'assicuratore del responsabile civile (ex art. 148 C.d.A.).
Tale condotta, infatti,  si riverbera anche nella “fase processuale” e rende la relativa domanda giudiziale, anche se poi formulata ad una sola assicurazione, “improponibile".