Diritto tributario - Statuto del contribuente -  Redazione P&D - 14/01/2020

In tema di soggezione passiva all’IMU in seguito a separazione personale - C.T.R. di Bologna Sez. 11; sentenza 13/12/2019-10/1/2020, n. 88/2020

Commissione Tributaria Regionale di Bologna Sez. 11; sentenza 13/12/2019-10/1/2020, n. 88/2020; Pres. Mainini Rel. est. Morlini; omissis (avv. Parigi) c. Provincia di omissis (dott.ssa Pizzigallo).

Articolo 4 comma 12 quinques D.L. n. 16/2012 - traslazione soggettività passiva IMU da proprietario ad assegnatario - imposizione in capo all’utilizzatore.
Articolo 4 comma 12 quinques D.L. n. 16/2012 – possibilità interpretazione estensiva – sussiste.
Artt. 4 comma 12 quinques D.L. n. 16/2012

L’articolo 4 comma 12 quinques D.L. n. 16/2012 conv. in L. n. 44/2012, sancisce la traslazione della soggettività passiva dell’IMU dal proprietario all’assegnatario dell’alloggio a seguito di separazione, cosicché l’imposizione ricade sempre in capo all’utilizzatore, anche nel caso in cui la proprietà dell’immobile sia di un terzo e non già del coniuge non assegnatario.
La disposizione normativa in parola, non integrando una norma tributaria disciplinante un’ipotesi di agevolazione o di esenzione, ovvero di norma speciale, può essere interpretata estensivamente e non vale per la stessa il divieto di interpretazione analogica nonché di interpretazione estensiva ai sensi dell’art. 14 delle disposizioni preliminari del codice civile.