Danni - Danno biologico -  Antonello Negro - 17/10/2019

La nuova tabella INAIL per l’indennizzo del danno biologico

Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali n. 45 del 23.4.2019 (qui riportato), è stata approvata la nuova tabella di indennizzo del danno biologico in capitale.

Si tratta di una tabella valida per il triennio 2019-2021 in sostituzione della precedente.

Tra le novità, si segnala la fine della differenziazione tra uomini e donne.

La nuova Tabella di indennizzo del danno biologico in capitale, infatti, è unica sia per gli uomini che per le donne, mentre gli importi continuano a essere individuati per classi di età e per grado di menomazione dell’integrità psico-fisica compreso fra il 6% e il 15%.

I nuovi importi del valore degli indennizzi derivano dalla ponderazione delle due precedenti tabelle distinte per sesso, sulla base degli indennizzi pagati nel periodo di osservazione (2000-2017).

Il nuovo punto INAIL è stato rideterminato partendo dal punto base unitario annuale definito nel 2000 sulla base della speranza di vita desunta dalle nuove tavole di mortalità.

Il valore finanziario del punto INAIL, riferito al grado ed alla classe di età iniziali, è pari ad euro 1.430,68 e cresce in misura progressiva all’aumentare del grado, prevedendo indennizzi mediamente più alti di circa il 40% rispetto alle Tabelle del 2000 comprensive degli aumenti straordinari intervenuti.

Gli importi degli indennizzi del danno biologico in capitale sono rivalutati annualmente, con decorrenza 1° luglio di ciascun anno di riferimento, sulla base della variazione dell’indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati.

Con la circolare 27 dell'11 ottobre 2019 (qui allegata) è stata indicata la decorrenza della nuova tabella (che si applica a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge 30 dicembre 2018, n. 145 e cioè per gli infortuni verificatisi e le malattie professionali denunciate dal 1° gennaio 2019).