Varie - Varie -  Angelo Marra - 13/08/2017

Letture estive: Cos'è il Diritto Comparato

Estate, alla ricerca di svago e divertissements. Dopo aver frequentato la Summer school di Comparative Legal Studies all'università della mia Città (nella quale nei mesi invernali lavorerò ad un progetto sui diritti delle persone disabili), mi imbatto di nuovo in un volumetto del maestro.

Copertina verde, poco accattivante, tipica dell'Editore.

Titolo: Che cos'è il diritto comparato di Rodolfo Sacco

Curatore: P. Cendon

Editore: Giuffrè

Collana: Lo studio del diritto

Anno edizione: 1992

Pagine: XXI-302 p.

EAN: 9788814035883

Il volumetto decisamente non è recente - ha più di 20 anni! - ma, credetemi, è una interessante raccolta di voci diverse e prospettive che s'intrecciano.

Io me ne sono innamorato sin dalla introduzione in cui Paolo Cendon ci intrattiene, come solo lui sa fare, con un "dietro alle quinte" su come è nato il volume è come sia riuscito a coinvolgere Sacco - che in modo minimalista chiama solo S. - nell'opera.   Paolo Cendon continua,  raccontando  al lettore che vi sono diversi generi letterari anche nel diritto e con questo, lui che li maneggia tutti con destrezza, ci invoglia ad una lettura.

Il discorso sui generi letterari mi ha molto colpito: Per me, lo confesso, scrivere è difficile.  Per lui, che scrive di diritto come se fosse un Romanzo, non sembra esserlo. Anche se, una volta, proprio come, ha sostenuto il contrario. 

In ogni caso, vedere il maestro alla ricerca dello stile più opportuno, più idoneo a comunicare con efficacia e scioltezza mi ha affascinato.

Anch'io, nel mio piccolo, cerco sempre di trovare il modo di scrivere di diritto - o dovrei dire parlare? - nel modo più agile e colloquiale possibile per far capire meglio al lettore laico concetti tecnici non sempre semplicissimi. Tante volte ho pensato quanto sarebbe bello "fare diritto" con uno stile dialogico anziché con piglio istituzionale da manuale… Vedere la  medesima tensione in Paolo Cendon mi ha fatto piacere e mi ha convinto che, tutto sommato, sono sulla buona strada.

Ma sta divagando, colpa forse del caldo più intenso secolo. Il volume verde del 1992 lo trovate nella maggior parte dei negozi online. 

non voglio togliere il gusto della lettura, come pare sia capitato a chi ha scritto l'introduzione di un recente libro della Sellerio raccontando la trama del romanzo per intero, perciò, taccio. Come diceva una pubblicità di qualche anno fa: "Accattatevillo!"

Buona lettura



exsigma