Lavoro  -  Redazione P&D  -  08/07/2021

Mobbing nei posti di lavoro - Maria Anile

Una tematica di particolare sensibilità il "Mobbing" in primis per la mancanza di una vera e propria legislazione, ancor più sensibile lo diventa e per cui richiede un ulteriore cautela, quando l’ambiente di lavoro presenta peculiarità come nel caso delle amministrazioni militari o gerarchicamente organizzate. Con pronuncia n. 33624 del 2007.  la Corte di Cassazione, riconosce il "Mobbing" come fattispecie relativa a una condotta che si protragga nel tempo con le caratteristiche della persecuzione, finalizzata all'emarginazione del lavoratore, una vera e propria condotta persecutoria posta in essere sul luogo di lavoro. La prima descrizione come "violenza psicologia " fu effettuata dallo psicologo tedesco Leymann da uno studio condotto nel 1992 violenza, manifestata attraverso una comunicazione ostile e un comportamento ostile, in modo continuo e sistemico, che suscita impotenza nella vittima, per mancanze di difese e protezione. Tante le teorie sul benessere nei luoghi di lavoro ma non sempre messe in atto, spesse volte il lavoratore nonostante la sua diligenza e senso di dovere a svolgere il proprio lavoro/servizio viene preso di mira dei suoi superiori, attaccato, calunniato, vessato. Fino ad arrivare alla morte psicologica al distacco totale e alla deresponsabilizzazione. Portandosi dietro vere e proprie patologie. Riuscire a garantire una cultura del benessere sul posto di lavoro è una sfida sempre più importante per molte organizzazioni. Va ricordato che il clima è un aspetto fondamentale della realtà delle amministrazioni, perché ha effetti sulla capacità di impiegare al meglio le risorse umane, strumento di consapevolezza e diagnosi organizzativa. Ovvero tutti quei valori e caratteristiche di cui una amministrazione deve pregiarsi come, politica di apertura sociale interna /esterna, supporto morale, spirito di squadra, coinvolgimento, responsabilità /autonomia, comunicazione, informazione, e LIBERTA' Di ESPRESSIONE. Mi rendo conto che c'è troppo lassismo, una politica di non curanza e avvolte anche di omertà. Un sistema chiuso quelle della amministrazioni militari o gerarchicamente organizzate, che a mio parere dovrebbero dare esempio di disciplina e correttezza, invece spesse volte si rimane incastrati in abusi e sopprusi di potere, derivate da frustrazioni che non fanno altro, se non  incentivare malessere all'interno dello stesso sistema, demotivando il personale, conducedolo fino alla deresponsabizzazione del proprio ruolo.





Articoli correlati

Altro dell'Autore