Deboli, svantaggiati - Minori, donne, anziani -  Carol Comand - 25/02/2018

Notizie in tema di soggetti vulnerabili 19-25 febbraio

Il 22 febbraio si è insediato il consiglio nazionale del terzo settore.
Le funzioni di vigilanza, monitoraggio e controllo pubblico sugli enti, relativamente al terzo settore devono di norma essere esercitate dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali in collaborazione con i diversi Ministeri interessati (ovvero, per quanto di competenza, con il Dipartimento della Protezione civile e con l’Agenzia delle entrate).
I menzionati enti, devono, inoltre, collaborare con il Consiglio nazionale del Terzo Settore quale organismo di consultazione nazionale (fra le diverse funzioni anche quella di rilascio di pareri).
Esso è composto da 33 membri effettivi e 33 membri supplenti “espressione delle associazioni e delle reti associative più rappresentative sul territorio nazionale, delle Regioni ed Enti locali, di altre Istituzioni pubbliche, nonché da esperti qualificati in materia”.
Maggiori informazioni sono reperibili presso il sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
http://www.lavoro.gov.it/stampa-e-media/comunicati/pagine/insediato-il-consiglio-nazionale-del-terzo-settore-sara-un-vero-partner-nell-attuazione-della-riforma.aspx/


Il Parere del Comitato economico e sociale europeo relativo ad una nuova strategia per le persone con disabilità nell’Unione europea aveva già posto in evidenza la necessità di adottare misure efficaci per porre fine a situazioni quali la sterilizzazione forzata e la privazione della libertà delle persone con disabilità (parere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale UE il 2.2.2017) ed incentivato la raccolta di dati in materia sensibilizzando, dunque, sull’argomento.
Nei giorni scorsi è stato l’EDF, assieme a CERMI, a presentare un report su come migliorare la consapevolezza sulla prevenzione e l’eliminazione della sterilizzazione forzata sulle donne.
Maggiori informazioni sono reperibili presso il sito di EDF
http://www.edf-feph.org/newsroom/news/report-ending-forced-sterilisation-women-and-girls-disabilities

Si segnala, infine, la recente pubblicazione in tema di malattie terminali: Alla fine della vita. Morire in Italia di Marzio Barbagli, relativo alla situazione dell’assistenza sanitaria dei malati terminali in Italia.
Nel quale si rileva, fra l’altro, che un numero minore di anziani rispetto alla media fa ingresso negli hospice “perché la probabilità che un paziente entri in un hospice diminuisce leggermente con l’età”. Si tratta inoltre più frequentemente di uomini che di donne.
Per maggiori informazioni:
http://www.grusol.it/apriInformazioniN.asp?id=5535