Cultura, società  -  Redazione P&D  -  11/01/2022

Siamo riconoscenti ai medici, a Pfizer, alle infermiere

 -  A MODERNA, AL SISTEMA SANITARIO, AI FARMACISTI -  A SPERANZA, AGLI ESPERTI, A TUTTI QUELLI CHE NON CI FANNO MORIRE?

Colmare di benefici un uomo volgare è caricarlo d'un peso di riconoscenza del quale egli si libererà alla prima occasione.

 

È molto più facile ricambiare un torto che un favore, perché la riconoscenza costa mentre la vendetta è considerata un guadagno

 

A chi ti dà il cappone dagli la coscia e il codrione.

 

Dimostra la tua gratitudine con i fatti al tuo benefattore.

 

La  riconoscenza invecchia presto.

 

La riconoscenza non esiste in natura, è dunque inutile pretenderla dagli uomini.

 

Chi regala qualcosa di grande non trova riconoscenza, perché chi lo riceve ha già troppo peso nell'accettarlo.

 

La riconoscenza è il danaro del povero.

 

La riconoscenza della maggior parte degli uomini non è che un segreto desiderio di ricevere benefici maggiori.

 

La riconoscenza è la memoria del cuore.

 

Proviamo riconoscenza più verso un nemico che per calcolo ci loda che verso un amico che a ragione ci critica.

 

Niente stanca di più che essere riconoscente per tutto il tempo.

[Nothing tires a man more than to be grateful all the time].