Changing Society, Intersezioni -  Pant√® Maria Rosa - 2015-10-04

BUON COMPLEANNO – Maria Rosa PANTÉ

Una volta ho fatto quei giochi dove tu devi indicare un numero, un nome per ogni numero o un colore o chissà che altro. Alla fine alla voce "la tua stella" venne fuori il nome di Lucilla.

Lucilla è bionda e ha gli occhi azzurri, ma soprattutto quel che brilla è il sorriso.

Lucilla è la mia stella, ma è una stella per molti, ha la luce nel nome.

Lucilla è piccola, oggettivamente, non è alta. Non so bene se se ne duole. Non dovrebbe perchè quando sale sul palco diventa così grande che, se fosse più alta, non ci sterebbe più e diverrebbe troppo troppo lontana. Invece è un gigante sul palco, ma è anche una donna minuta e bella.

Lucilla ha una voce che, ogni tanto ancora dopo molte telefonate, mi stupisce. Perché è bella.

E una pronuncia che persino io talvolta pronuncio le e aperte o chiuse con cognizione di causa.

Lucilla ha una capacità di lavoro e concentrazione incredibili.

Lucilla quando corre ascolta conferenze.

Lucilla quando è in treno, e lo è spesso, prepara conferenze, incontri, spettacoli e osserva le persone. Ci parla anche. Magari mentre telefona a me o a qualcun altro.

Lucilla fa il sapone, cucina benissimo, e cucina per le esigenze varie di ognuno. Quando è a casa ha la casa piena. Perchè sa accogliere.

Lucilla da consigli su come vestirsi, su cosa leggere, su come vivere i cambiamenti.

Ma non sembra nemmeno che siano consigli.

Lucilla dice che non sa consolare ma non è vero.

Dice che non sa accudire ma la vita la smentisce.

Dice che è dura e questo è anche vero. Mi ha sgridato due o tre volte, e me le ricordo eccome.

Non abbiamo sino a ora mai litigato.

Ma se accadesse non ne avrei spavento. E questa è amicizia io credo. Se tra due persone si esclude lo spavento.

Lucilla si prepara allo spettacolo parlando di un altro spettacolo, o di un libro o dei problemi delle altre persone.

Lucilla mangia prima dello spettacolo e tutte le volte dice: "Ho mangiato troppo".

Ma nessuno se ne accorge, solo lei.

Lucilla dopo lo spettacolo è una diva. Lucilla ha il narcisismo del grande attore, non v'è dubbio. Tutti le stanno intorno a bere da lei la sua emozione, la sua comunicativa, il suo talento totale.

Ormai siccome le voglio molto bene, quando sta sul palco ho paura che non ricordi il testo. E sto sulle spine. Ma lei se lo ricorda sempre. La mia è una paura senza motivo e senza risposte, io non saprei suggerire.

Lucilla è curiosa di tutto e di tutti e racconta anche le cose più piccole come fossero grandi. Le fa interessanti.

Lucilla guarda le persone davvero. Le capisce nel profondo. Le ascolta.

Lucilla legge e studia, entra nelle cose e ha la passione della lingua: penetrare nelle lingue delle radici per arrivare all'essenza di quel che siamo.

(Cioè non so se è così per lei, mi pare, credo, forse... forse molto di più).

Lucilla scrive cose belle, Lucilla pensa e progetta cose grandi. Che fanno crescere tutti.

Me prima di tutti, quante cose ho scoperto e studiato grazie a lei!

Lucilla è una grande attrice, nulla le è impossibile, dice che è il suo mestiere, secondo me è il suo genio. La sua è Arte.

Oggi è il suo compleanno e questo è il mio biglietto di auguri.

Lucilla è Lucilla Giagnoni.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati