Articoli, saggi, Obbligazioni, contratti -  Bedeschi Ilaria - 2014-11-03

CERA UNA VOLTA IL TERZO IN BUONA FEDE – Ilaria BEDESCHI

All"anagrafe Terzo (nome) In Buona Fede (cognome), era una persona molto disponibile. Aperto agli altri, difficilmente si faceva grossi problemi. Non giudicava dall"aspetto o da quella che gli psicologi chiamerebbero "prima impressione" o "sesto senso".

Se voleva una cosa cercava un referente. Si contrattava e poi si eseguiva.

Era una persona educata, a volte anche troppo. Gentile quanto necessario al suo tornaconto e altruista quando bastava per essere nella grazia di Dio.

Uno normale insomma.

Terzo faceva il commerciante, almeno così si dice. Non si hanno sue notizie da molto tempo.

Ancora si racconta del giorno in cui, all"improvviso, ricevette la lettera della compagnia telefonica in cui si notificava che nel mese corrente era stato registrato un traffico dati e telefonico che aveva raggiunto un costo esorbitante.

Terzo chiamò immediatamente la compagnia telefonica. Ma, non si spiegava come mai rispondesse solo un computer.

Allora, sempre con la sua calma e pacatezza, attese ancora.

All"improvviso, una voce umana gli chiese se poteva essergli utile.

Mi chiamo Terzo In Buona Fede disse, ho stipulato con voi un contratto, ecc..

Al telefono si sentì rispondere che, tuttavia, a loro risultava ogni cosa in ordine. L"avviso era corretto. La cifra esorbitante andava pagata.

Incredulo, andò a verificare i termini contrattuali.

Ho tutto senza limiti disse tra sé e sè; un pò acciaccato dopo la notizia.

Come posso avere speso dei soldi, se ogni cosa che faccio è inclusa?

Prese una lente di ingrandimento (per fortuna suo papà ne teneva sempre una a portata di mano, data l"età).

Alla terzultima riga lesse queste parole "Non si ritengono incluse le chiamate effettuate verso servizi erotici, poker, ricerca numeri telefonici, paesi non appartenenti all"Unione Europea, ecc.."

Allora Terzo iniziò a fare mente locale e scoprì che qualche categoria esclusa l"aveva colpita in pieno.

Un senso di colpa lo pervase. Si chiese come avesse fatto a non pensarci prima.

Era logico che qualcosa potesse essere escluso dal suo piano tariffario. Però avrebbero dovuto scriverlo più in grande, pensò.

E adesso?

La leggenda finisce qui.

Si persero le tracce di Terzo In Buona Fede; anche se qualcuno  disse di averlo visto per l"ultima volta entrare in uno studio legale, senza uscire mai più.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati