Legislazione e Giurisprudenza, Beni, diritti reali -  Mazzon Riccardo - 2014-02-11

COMUNIONE FORZOSA DEL MURO A CONFINE: MURO SUL CONFINE E NON A CAVALLO DELLO STESSO - RM

Prima ed indefettibile condizione (di diritto) affinché sorga il diritto ad ottenere la comunione forzosa ex articolo 874 del codice civile è che i regolamenti locali, richiamati dall"articolo 873, stesso codice, consentano la costruzione in aderenza:

"in tema di costruzioni su fondi finitimi, il diritto di uno dei confinanti di edificare in prevenzione e, correlativamente, il diritto dell'altro di realizzare il proprio fabbricato in appoggio in aderenza sul confine, secondo la previsione degli art. 874-877 c.c., trovano deroga nelle norme dei regolamenti locali soltanto quando queste fissino un distacco obbligatorio rispetto al confine o tra le costruzioni, ma non anche quando, invece, espressamente prevedono la possibilità di costruire in aderenza o appoggio" Cass. 22.3.95, n. 3263, GCM, 1995, 655; - cfr., amplius, "I rapporti di vicinato e le distanze legali: tutela e risarcimento" - Riccardo Mazzon - CEDAM 2013, in Collana SapereDiritto, specie ai capitoli ottavo, nono, decimo ed undicesimo.

Premesso che

"in tema di limitazioni legali della proprietà, ove due fondi siano delimitati da un muro comune, la linea di confine non si identifica con la linea mediana del muro medesimo, giacché su di esso, e sull'area di relativa incidenza, i proprietari confinanti esercitano la contitolarità del rispettivo diritto per l'intera estensione ed ampiezza. Ne consegue che, ai fini della misurazione della distanza legale di una siepe dal muro comune, si deve avere riguardo alla facciata del muro stesso prospiciente alla siepe, e non calcolarsi detta distanza rispetto alla linea mediana del muro comune" Cassazione civile, sez. II, 27/04/2010, n. 10041 Di Dio ed altro c. Cammalleri Giust. civ. Mass. 2010, 4, 617,

ulteriore condizione (questa volta "di fatto") affinché sorga il diritto ad ottenere la comunione forzosa ex articolo 874 del codice civile è che il muro de quo sia posto sul confine e non a cavallo del confine:

la norma dell'art. 874 c.c. per la quale il proprietario del fondo contiguo può chiedere la comunione del muro del vicino pagando la metà del valore del muro o della parte di questo resa comune e la metà del valore del suolo su cui il muro è costruito, riguarda la sola ipotesi del muro posto sul confine, mentre nel caso del muro costruito a cavallo del confine deve trovare applicazione la diversa norma dell'art. 886 c.c. a norma della quale, l'obbligo di contribuire per metà alla relativa spesa di costruzione si configura come obbligazione propter rem, incombente sul soggetto titolare dell'immobile al momento della domanda indipendentemente dal tempo dell'acquisto Cass. 8.9.86, n. 5467, GCM, 1986, fasc.8 – 9.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati