Legislazione e Giurisprudenza, Beni, diritti reali -  Mazzon Riccardo - 2015-01-08

CONFINE TRA PROPRIETA': C'E' DIFFERENZA TRA INTERCAPEDINE E MURO DIVISORIO? - Riccardo MAZZON

l'intercapedine sul confine e sua differenza con il muro divisorio

anche l'intercapedine si presume comune?

no, non si applica l'articolo 880 del codice civile, essendo costituita da uno spazio vuoto e non pieno

In carenza di disciplina specifica, l'intercapedine (sotterranea o non) tra due proprietà limitrofe non si può presumere di proprietà comune per il solo fatto di essere stata realizzata sulla linea di confine.

Solitamente, per tale questione, la giurisprudenza ritiene necessario fare riferimento ai principi generali in materia di proprietà, tenendo conto delle finalità che all"intercapedine ha assegnato chi l'ha realizzata e delle sue caratteristiche oggettive:

"l'intercapedine, sotterranea o non, non può presumersi di proprietà comune (come il muro divisorio, ex art. 880 c.c.) per il solo fatto di essere realizzata sul confine, essendo costituita da uno spazio vuoto e non pieno (a differenza del muro), così che essa (purché di dimensioni apprezzabili per essere definita tale) va considerata parte dell'una o dell'altra proprietà frontistante (ovvero di entrambe, a seconda dell'andamento della linea di confine che le separi), in considerazione della sua attuale funzione e della finalità originariamente riservatale da chi ebbe a realizzarla, secondo le sue caratteristiche oggettive, potendo in relazione ad essa configurarsi, di volta in volta (e ricorrendone i presupposti), un vincolo pertinenziale ovvero un asservimento di fondi reciproco ed incrociato" Cass. 22.5.98, n. 5115, GI, 1999, 933 - cfr., amplius, il volume "I rapporti di vicinato e le distanze legali: tutela e risarcimento" - Riccardo Mazzon - CEDAM 2013, in Collana SapereDiritto -.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati