Legislazione e Giurisprudenza, Conciliazione -  Cuzzola Paolo Fortunato - 2016-02-05

CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO: LA CASSAZIONE INDIVIDUA LA NOZIONE DI DEBITORE – Cass. 1869/2016 di Paolo F. CUZZOLA

Crisi da sovraindebitamento

Debitore, criterio soggettivo, piano di sovraindebitamento

Corte di Cassazione sentenza n. 1869 del 01.02.2016

"Rileva non è tanto l'avere svolto - la persona fisica - attività d'impresa o professionale quanto piuttosto l'avere contratto obbligazioni per far fronte ad esigenze personali o familiari o della più ampia sfera attinente agli impegni derivanti dall'estrinsecazione della propria personalità sociale, dunque anche a favore di terzi, ma senza riflessi in un'attività d'impresa o professionale propria".

Con il principio espresso nella sentenza n. 1869 del 01.02.2016 i giudici della Corte di Cassazione hanno fissato un importante principio inerente l'individuazione del criterio soggettivo che deve avere un soggetto al fine di potere proporre un piano di sovraindebitamento.

Da tale caposaldo ne consegue che anche l'imprenditore o il lavoratore autonomo può proporre un piano del consumatore, purché finalizzato a pagare debiti sorti per ragioni familiari in senso ampio.

Il caso che gli Ermellini provano a dissipare, con la sentenza in esame, è quello di individuare in maniera incontrovertibile i requisiti soggettivi ed oggettivi del debitore, che molteplici dubbi interpretativi ha sollevato in dottrina e giurisprudenza.

Fino alla pubblicazione della sentenza si era soliti affermare che il piano del consumatore fosse riservato ai soggetti che, privi di partita iva, contraevano debiti di natura privata e per ragioni legate alla vita quotidiana.

In tal senso si era orientata la giurisprudenza di merito quando ha ritenuto applicabile la norma a consumatori che contraevano debiti per ristrutturare casa (Tribunale di Catania, decreto 17.6.2014) ovvero aiutavano familiari malati (Tribunale Verona, decreto 8.5.2015), fermo restando il requisito della meritevolezza e, quindi, la ragionevole previsione di poterli assolvere al momento della loro insorgenza.

Dissimile è l'ipotesi del lavoratore autonomo o dell'imprenditore non fallibile la cui posizione debitoria è eterogenea (obbligazioni familiari e professionali/imprenditoriali).

In questo periodo di prima applicazione della norma la posizione pressoché unanime degli interpreti è stata quella di poter ricorrere al solo accordo di ristrutturazione e non anche al piano del consumatore.

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 1896/16 offre una stimolante lettura in virtù della quale è possibile distinguere la natura dei debiti, recludendoli in due differenti species, una privata ed una imprenditoriale o professionale. E tale circostanza non preclude la possibilità di definire il debitore "consumatore" e consentirgli l'accesso al piano.

I Giudici di legittimità effettuano una lettura alternativa e nel contempo restrittiva della questione, ma precisano di non condividere l'opzione volta ad affermare un intento precettivo assoluto dell'art. 6, comma 2, lett. b) della L. 3/2012, che circoscriverebbe la figura del consumatore a chi intende ristrutturare debiti preesistenti che non sono sorti da attività d'impresa o professione, nemmeno in parte.

Infatti la legge non menziona una origine omogenea assoluta dell'insolvenza, altri essendo i requisiti scrutinabili a questo fine, come soprattutto all'art. 12 bis c. 3, se il giudice "esclude che il consumatore ha assunto obbligazioni senza la ragionevole prospettiva di poterle adempiere ovvero che ha colposamente determinato il sovra indebitamente, anche per mezzo di un ricorso al credito non proporzionato alle proprie capacità professionali".

Il richiamo è dunque più alla qualità dei debiti da ristrutturare, in sé considerati nella loro composizione finale, piuttosto che nell'attività svolta dal soggetto proponente.

Sostiene la Cassazione che "non vi sono margini per escludere dall'accesso a tale procedura (...) tutti quei soggetti che abbiano assunto obbligazioni composite e che vogliano in tal modo, cioè come consumatori, ristrutturarle".

In tale contesto il piano del consumatore si offre come modello di composizione della crisi della persona fisica, che non consente però di dedurre debiti d'impresa o professionali; in questo caso il sovraindebitato rinuncia all'accordo con tutti i creditori e punta ad un accordo unilaterale alla stregua di una proposta di ristrutturazione dei debiti e di soddisfacimento dei crediti rivolta al tribunale, al quale compete poi di approvarla attraverso l'omologazione.   Si spiega così la necessità di una puntuale ricognizione della nozione di consumatore al fine di valutare quella meritevolezza che giustifica la deroga alla regola del voto dei creditori.

Risulta quindi necessaria la tracciabilità delle cause dell'insolvenza, che non devono avere origine in attività d'impresa o di lavoro autonomo, che consentano "un sicuro ancoramento tipologico alla figura del debitore compromesso in atti di rischio non speculativo o comunque proprio dell'intermediazione organizzativa".

Conclude la Corte di Cassazione affermando il principio di diritto che: "la nozione di consumatore (e dunque di soggetto abilitato al piano) non deve avere riguardo in sé e per sé ad una persona priva dal lato attivo di relazioni d'impresa o professionali, attuali o pregresse, purché le stesse non abbiano dato vita ad obbligazioni residue non ancora soddisfatte al momento della presentazione del piano". Diversamente, il debitore – non più consumatore - potrà fruire dell'accordo di ristrutturazione e dovrà ottenere il consenso dei creditori (60%).

Da notare infine un'importante inciso della sentenza che, laddove richiama "le esigenze personali o familiari o della più ampia sfera attinente agli impegni derivanti dall'estrinsecazione della propria personalità sociale, aggiunge la precisazione dunque anche a favore di terzi, ma senza riflessi in un'attività d'impresa o professionale propria". Sembrerebbe aprirsi la porta alla possibilità di considerare nel piano anche i debiti derivanti da impegni presi a favore di terzi, quali garanzie o fideiussioni, purché gli stessi non abbiano riflessi in una propria attività d'impresa.

Cosa si intende con tale affermazione? Potranno essere considerate le somme sborsate a fronte di garanzie rilasciate a società di parenti e amici, purché non siano proprie società? Ad oggi tale possibilità sembrava esclusa dalla giurisprudenza: il Tribunale di Bergamo (Decreto 12.12.2014) e quello di Milano (Ord. 16.5.2015) avevano escluso tale possibilità. La Cassazione sembra invece di diverso avviso, con ciò accrescendo il potenziale interesse per la procedura di sovraindebitamento.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati