Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

Cultura, società

03/07/17

La fine dei "princìpi" e la caduta dei principi - Francesca Sassano

Leggo sempre con maggiore distanza quello che accade, voglio dire che oggi tutto è urlato prima di un'accurata riflessione.

Rimpiango il tempo delle poche parole, del silenzio sulla carta sporca - quella dei giornali - la cui dimensione era volutamente imbarazzante: una coperta, difficile da aprire, possedere e conservare, troppo rigida al pari delle righe nere. Bisognava avere l'età giusta, anche per una lettura guidata. Non tutti avevano, da piccoli, quel desiderio. Io, invece, sì. Sapevo che era carta non di pregio, ruvida e decisamente imbra ...

leggi tutto ›
 

13/06/17

Quando sarai vecchia di William Butler Yeats - Maria Beatrice Maranò

L'almanacco di oggi celebra l'anniversario di William Butler Yeats, ricordato come uno dei più grandi poeti della letteratura irlandese.

Nacque a Dublino il 13 giugno del 1865. Dopo pochi anni la sua famiglia si trasferì a Sligo. Yeats considerò Sligo la terra della sua infanzia e scrisse numerose poesie ispirandosi a questa zona e ai suoi dintorni. Furono le montagne, i laghi e il folclore del luogo a spingerlo a scrivere quella che è forse la sua poesia più famosa, L'isola sul lago di Innisfree. Dopo i primi componimenti ispirati al sogno e alle atm ...

leggi tutto ›
 

13/06/17

Il mio sguardo è nitido come un girasole di Fernando Pessoa - Maria Beatrice Maranò

L'almanacco di oggi ci ricorda che il 13 giugno del 1888 nasceva a Lisbona il grande poeta Fernando Pessoa.

Considerato uno dei maggiori poeti di lingua portoghese, ed insieme a Pablo Neruda, il poeta più rappresentativo del XX secolo. " Il peso della consapevolezza del mondo" è, in Pessoa, estremo e spinto fino allo spasimo. Vivere attraverso i sensi provoca sofferenza, una naturale sofferenza interna che è in noi per il solo fatto che siamo al mondo e che percepiamo quanto ci circonda ("Vedo le botteghe, vedo i marciapiedi, vedo le vettu ...

leggi tutto ›
 

11/06/17

Giacomo: un uomo del nostro tempo! - Maria Beatrice Maranó

Giugno è un mese speciale per questo immenso rappresentante della letteratura di ogni tempo, nato a Recanati il 29 giugno del 1798 e scomparso a Napoli il 14 giugno 1837 a soli 39 anni!
Nella bellissima ricostruzione cinematografica di Martone della vita del grande Recanatese, con un Elio Germano che ha vinto per l'interpretazione di Giacomo,  un David di Donatello, Tommaseo, in una scena del film lancia un'anatema : " ...di Leopardi nel '900 non rimarrà che la gobba " Mai affermazione fu così profetica al contrario e mai gli influssi ed i retaggi della poesia leopardia ...

leggi tutto ›
 

11/06/17

O mie rose ! di Renée Vivien - Maria Beatrice Maranò

L'almanacco di oggi ci ricorda Renée Vivien, pseudonimo di Pauline Tarn nata l'11 giugno 1877 a Londra nel Regno Unito.

Una vita all’insegna della trasgressione, durante la quale la giovane poetessa, di origini anglo-americane, non ha fatto mai mistero della sua omosessualità, manifestandola perfino con una certa grazia e un signorile ignorare i benpensanti. Tentò anche il suicidio, ingerendo una dose eccessiva di laudano e in quell'occasione sembra che si distese sul divano con un mazzolino di violette, fiore che amava moltissimo (fiore simbolico in cui sensualità e purezza, bellezza e lutto, si sp ...

leggi tutto ›
 

11/06/17

A Gennaro Lupo – uomo e artista meritevole della nostra terra ionica - Maria Beatrice Maranò

“ Miei cari, quella che voglio raccontarvi è la storia del vs bisnonno Gennaro Lupo morto ormai cinquant’anni fa, perché voi possiate conoscerlo, apprezzarlo e custodirne la memoria”….così cominciava il ricordo di zia Nini’ nella prefazione  del libro dedicato alla vita e alle opere  del padre Gennaro Lupo …noto nei miei ricordi di bambina come zio Gennaro ( fratello della mia bisnonna Rosa), autore di una deposizione ( in foto) che troneggiava nella stanza degli ospiti  dei  mie nonni Vincenzo e  Bice Corallo  e ora nella stanza da letto di  mia madre.
Egli nacque il ...

leggi tutto ›
 

08/06/17

Hospes comesque di Marguerite Yourcenar - Maria Beatrice Maranò

L'almanacco di oggi ci ricorda Marguerite Cleenewerck de Crayencour, meglio nota come Marguerite Yourcenar  nata a Bruxelles l'8 giugno del 1903: gran dama della letteratura francese, l'ultima aristocratica del pensiero,  la grande seduttrice, l'archeologa dell'anima, storica e memorialista, tessitrice di storie e miti, orgogliosa e con una buona dose di snobismo ereditato dal padre.

Scrittrice, non donna, alla quale piaceva inventarsi la vita, alla quale non importava vincere ma essere liberi, che affermava "scrivere è come fare il pane" e poi ancora "la poesia non è un extra ...

leggi tutto ›
 

07/06/17

ll "MIO" Pier Paolo - Maria Beatrice Maranò

Il sette giugno 2015, in un assolato pomeriggio domenicale, mentre tutti i miei conterranei si godevano il mare, mi sono ritrovata nel cinema Vittoria di Grottaglie, con un gruppo di amici e parenti  a fare cosa ? 

Dopo 38 anni (quest’anno quaranta) dal sequestro (avvenuto il sette giugno del 1977) del film Salò, avvenuto su ordine del pretore di Grottaglie dell'epoca, ero nello stesso luogo nel quale, per eseguire il sequestro, fecero irruzione i Carabinieri,  ...

leggi tutto ›
 

06/06/17

Era buio di Milo De Angelis - Maria Beatrice Maranò

L'almanacco di oggi ricorda una delle voci più significative della poesia italiana contemporanea.
A Milano dove è nato  il 6 giugno del 1951,  la poesia di Milo De Angelis si è imposta grazie ad una manifesta tensione verticale,ad una radicalità estrema della sua esperienza, ad una capacità di esprimere il profondo disagio. Una  poesia, che va al cuore delle cose e al loro mistero, che lotta con il buio e la perdita di senso dell’esistere, ma che sa anche trovare improvvisi squarci d’affettività e delicata sospensione.

Er ...

leggi tutto ›
 

05/06/17

Potessero le mie mani sfogliare di Federico Garcia Lorca - Maria Beatrice Maranò

L'almanacco di oggi celebra Federico Garcia Lorca nato il 5 giugno 1898 a Fuente Vaqueros.

È considerato il più grande poeta spagnolo e uno dei principali autori del teatro moderno. I suoi versi raccontano in modo semplice le umane passioni in un affresco in cui si mescolano sogno e realtà con temi quali il destino, l'amore  doloroso e la morte. La sua poesia è impregnata  di spirito andaluso con una commistione di aspetti arabi, gitani e spagnoli. I lavori teatrali, oltre i temi contenuti nella poesia, hanno per oggetto l'eterno conflitto tra la libertà dell'individuo e la ...

leggi tutto ›
 

04/06/17

Visioni insolite, perturbanti, curiose dal mondo attuale: uno strano hotel - Patrizio Sisto

È stato battezzato Henna hoteru, che letteralmente significa “lo strano hotel” o anche “l’hotel del cambiamento”, si trova in Giappone nei pressi di Nagasaki ed è un albergo molto particolare, se vogliamo adottare un eufemismo. È infatti interamente gestito da robot, androidi e braccia meccaniche, in ogni suo aspetto, dalla reception ai servizi in camera, al dispensamento dei pasti.

 Come si può vedere nei filmati disponibili su youtube i clienti -questi sì, per il momento, umani in carne e ossa- si trovano allora a relazionarsi e interloquire, in un ambient ...

leggi tutto ›
 

04/06/17

Getsemani di Arna Bontemps - Maria Beatrice Maranò

L'almanacco di oggi celebra Arna Wendell Bontemps nato il 4 giugno 1973. 

Poeta e scrittore statunitense, importante figura del Rinascimento di Harlem. Bontemps fu inserito in un elenco dei 100 più grandi afroamericani. Un importante congerie di testi di letteratura e cultura afroamericana, fu da lui raccolta in qualità di bibliotecario alla Fisk University è ció gli consentì un importante successo negli studi accademici. Autore di poesie nel periodo giovanile, si è successivamente dedicato alla letteratura infantile e alla storia dei negri d'America.  Ha curato, diverse anto ...

leggi tutto ›
 

04/06/17

"PSICOTERAPIA: LA FIDUCIA E LA SPERANZA" - Sara COSTANZO

Uno dei primi elementi che siamo chiamati a valutare nel corso di una terapia è la "fiducia" che l'altro ripone in noi e nell'esperienza della terapia stessa. Nel mondo della psicoterapia la fiducia è sostanzialmente la risposta ad un "incontro" ed implica, a mio avviso, due tipi di valutazione: una per cosi dire "generica" e dunque relativa alla competenza del terapeuta e l'altra più specifica e cioè relativa al tipo di relazione che si è creata con quello specifico professionista. Questi due tipi di valutazione s'influenzano a vicenda e, nella riposta di un particolare paziente, tendono sostanzialmente a coincidere ...

leggi tutto ›
 

03/06/17

Uomo tecnologico. E donna? - Maria Rosa Pantè

Massimo Temporelli, fisico, divulgatore scientifico, uno dei primi in Italia ad aver capito la potenza di quei luoghi di scienza e tecnologia che sono i fablab (http://www.thefablab.it/), è venuto a parlare agli studenti della scuola in cui lavoro.

Massimo è un personaggio di successo, perché è bravo, sa comunicare, sa parlare e sa cosa dice. Sa anche fare. È un uomo tecnologico. Io gli voglio bene perché è stato anche un mio allievo, alle superiori e certe cose restano. Ma non voglio ora soffermarmi su tutto il discorso tecnologico, il futuro che è già qui, la digitalizzazione degli oggetti, dop ...

leggi tutto ›
 

03/06/17

Alla vita! di Nazim Hikmet - Maria Beatrice Maranò

L'almanacco di oggi celebra Nazim Hikmet scomparso a Mosca il 3 giugno 1963. 

E' considerato il più importante poeta turco del Novecento. La bellissima raccolta "Poesie d’amore", contiene poesie scritte dal 1933 alla morte, poesie che sono state tradotte in italiano da Joyce Lussu, partigiana, politica, scrittrice, traduttrice e poetessa, che ebbe anche una 
corrispondenza epistolare col poeta. Hikmet trae ispirazione dai molteplici aspetti della vita, è un poeta a tutto tondo, che unisce abilmente l’impegno politico al dramma sentimentale: alcune delle sue opere sono artic ...

leggi tutto ›
 

02/06/17

La settimana di Thomas Hardy - Maria Beatrice Maranò

L'almanacco di oggi ci ricorda la nascita il 2 giugno 1840, nel Regno Unito di Thomas Hardy.

E' uno dei più grandi poeti del novecento inglese. Nelle sue opere siamo lontani  dalla visione ottimistica del periodo vittoriano e ciò gli procurerà non poca ostilità da parte dei critici e degli editori. La considerazione negativa per quel periodo lo porterà a volgere il suo sguardo, con romantica nostalgia, verso le antiche tradizioni rurali, le uniche che offrono all’uomo la possibilità di vivere in armonia e di sopravvivere dinnanzi ad un universo silente e ostile. La bellezza ...

leggi tutto ›
 

31/05/17

L’avvocato senza prole può occuparsi di diritto minorile? - Franco Longo

La domanda contenuta nel titolo di questo contributo può apparire provocatoria e forse un pochino lo è, ma appare in ogni caso interessante, involgendo aspetti non solo giuridici ma anche di altro stampo e significato. Lo spunto delle presenti osservazioni mi è stato dato definitivamente dall’ultima frase di Jean Marie  Le Pen in una intervista pubblicata sul settimanale L’espresso recentemente.

Si finiva di discutere sul fatto che la figlia Marine lo aveva espulso dal partito e gli si chiedeva quali fossero i loro rapporti ( ...

leggi tutto ›
 

30/05/17

Breve storia del diritto 2.0 – Michela del Vecchio

Nei miei studi universitari, nella preparazione ai corsi e concorsi e, successivamente, nella mia prima esperienza da avvocato mi sono trovata a compiere ricerche di giurisprudenza su volumi del Foro Italiano, su Repertori vari, a leggere la sentenza per esteso della Suprema Corte non soffermandomi solo alla massima.

Successivamente, nella mia esperienza da legale, per i stringenti tempi processuali, le scadenze che si sovrapponevano e la necessità di rapide e sintetiche verbalizzazioni, salvo cause complesse ed articolate, necessariamente ho dovuto approfondire eccezioni o questioni varie di diritto con la lettura delle ...

leggi tutto ›
 

30/05/17

Breve storia del diritto 2.0 – Michela del Vecchio

Nei miei studi universitari, nella preparazione ai corsi e concorsi e, successivamente, nella mia prima esperienza da avvocato mi sono trovata a compiere ricerche di giurisprudenza su volumi del Foro Italiano, su Repertori vari, a leggere la sentenza per esteso della Suprema Corte non soffermandomi solo alla massima.

Successivamente, nella mia esperienza da legale, per i stringenti tempi processuali, le scadenze che si sovrapponevano e la necessità di rapide e sintetiche verbalizzazioni, salvo cause complesse ed articolate, necessariamente ho dovuto approfondire eccezioni o questioni varie di diritto con la lettura delle ...

leggi tutto ›
 

30/05/17

Breve storia del diritto 2.0 – Michela del Vecchio

Nei miei studi universitari, nella preparazione ai corsi e concorsi e, successivamente, nella mia prima esperienza da avvocato mi sono trovata a compiere ricerche di giurisprudenza su volumi del Foro Italiano, su Repertori vari, a leggere la sentenza per esteso della Suprema Corte non soffermandomi solo alla massima.

Successivamente, nella mia esperienza da legale, per i stringenti tempi processuali, le scadenze che si sovrapponevano e la necessità di rapide e sintetiche verbalizzazioni, salvo cause complesse ed articolate, necessariamente ho dovuto approfondire eccezioni o questioni varie di diritto con la lettura delle ...

leggi tutto ›
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Cosa stai cercando?

Inserisci una parola per cercare i risultati che ti interessano.

Iscriviti per il 2016 a

iscriviti-persona-e-danno

 

Diventa un nostro associato

iscriviti ora 

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity
exsigma