Legislazione e Giurisprudenza, Responsabilità oggettiva, semioggettiva -  Mazzon Riccardo - 2014-03-12

DANNI E COSE IN CUSTODIA: IL PAVIMENTO DI LOCALI APERTI AL PUBBLICO (AD ESEMPIO UNA BANCA...) - Riccardo MAZZON

L'interessante pronuncia cassa la sentenza (del 31-7-2008) con la quale la Corte di Appello di Torino aveva respinto l'impugnazione, proposta avverso la sentenza del Tribunale di Verbania, volta ad ottenere il risarcimento dei danni riportati a seguito di una caduta dell'attrice occorsa all'interno di una Banca, per essere inciampata in un cordolo metallico, sporgente dal pavimento; la Corte di Appello, in particolare, sul rilievo che era stata evocata la responsabilità della Banca ed art. 2051 c.c., aveva rigettato l'impugnazione ritenendo che l'appellante non avesse fornito la prova di quanto dedotto, vale a dire di essere caduta mentre entrava in banca, avendo invece il teste escusso riferito che ella era caduta uscendo dalla banca medesima.

Secondo la ricorrente,

"la Corte di merito non ha rilevato che, data la prova dell'evento dannoso (caduta) verificatosi all'interno dei locali della banca, incombeva alla convenuta l'onere della prova, per liberarsi della presunzione di responsabilità del custode ex art. 2051 c.c., che detto evento dannoso si era verificato per caso fortuito o per fatto della stessa attrice. Con il secondo motivo viene denunziata omessa e insufficiente motivazione su un fatto controverso decisivo per il giudizio individuato nella caduta della ricorrente all'interno della banca in relazione all'art. 360 c.p.c., n. 5. Il motivo si chiude con il seguente momento di sintesi: la motivazione risulta omessa e comunque del tutto insufficiente a reggere la decisione nel punto in cui dopo aver affermato che la ricorrente avrebbe dato prova di un fatto diverso, non precisa quale è il fatto diverso da quello generatore di danno (caduta all'interno dei locali della banca) di cui la ricorrente avrebbe dato prova, assumendo come rilevante ai fini della decisione la circostanza del tutto secondaria e come tale irrilevante ai fini dell'esonero della responsabilità ex art. 2051 c.c., secondo la quale la U. sarebbe caduta mentre usciva e non mentre entrava nei locali della banca" Cassazione civile, sez. III, 20/09/2011, n. 19131 U.M.C. c. Banca pop. di Intra S.p.A. Diritto & Giustizia 2011- cfr., amplius, da ultimo, "Responsabilita' oggettiva e semioggettiva", Riccardo Mazzon, Utet, Torino 2012 -.

In effetti, la Suprema Corte ritiene che i due motivi, esaminati congiuntamente, per la loro connessione logico-giuridica, siano fondati, in quanto la ricorrente ha fornito la prova di essere caduta, mentre transitava all'ingresso della banca, per essere inciampata su di una traversa in ottone sporgente dal pavimento, circostanza ammessa dalla stessa banca fin dalla costituzione in primo grado, sede nella quale ha contestato solo la natura di insidia o trabocchetto del cordolo metallico in quanto era ben visibile (e il fatto è stato poi confermato dal teste escusso, che ha dichiarato di aver visto l'attrice cadere, inciampando sul cordolo mentre usciva dalla banca).

Di conseguenza, prosegue la pronuncia in esame, la ricorrente ha assolto l'onere probatorio che le incombeva, provando il fatto generatore della responsabilità della banca, vale a dire la caduta all'interno dei locali a causa di un cordolo metallico sporgente dal pavimento, essendo del tutto indifferente la circostanza che ella stava entrando o uscendo, modalità del fatto che non incidono sulla circostanza della caduta, di cui vi è prova certa.

La Corte di merito ha dunque violato l'art. 2051 c.c., nel rigettare la domanda sul rilievo che la ricorrente ha fornito la prova di un fatto diverso da quello generatore del danno, in quanto il fatto generatore del danno è la caduta all'interno della bnca, e non la circostanza che l'attrice stava uscendo o entrando; pertanto,

"in base all'art. 2051 c.c. era onere della banca fornire la prova che l'evento si era verificato per caso fortuito o per fatto del terzo per liberarsi della presunzione di responsabilità che incombeva su di essa i due motivi vanno accolti e la sentenza va cassata con rinvio alla Corte di Appello di Torino che deciderà la causa in base ai principi esposti e provvederà anche sulle spese del giudizio di cassazione. P.Q.M. La Corte accoglie il ricorso e cassa a rinvia, anche per le spese del giudizio di cassazione, alla Corte di appello di Torino in diversa composizione. Così deciso in Roma, il 4 luglio 2011" Cassazione civile, sez. III, 20/09/2011, n. 19131 U.M.C. c. Banca pop. di Intra S.p.A. Diritto & Giustizia 2011.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati