Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

Diritto, procedura, esecuzione penale / procedura penale

16/01/17

Custodia in carcere per la violenza sessuale – Cass. pen. 18495/16 – Annalisa Gasparre

La vicenda riguardava un uomo indagato di violenza sessuale in danno di una ragazza minore degli anni 18. Il reato era aggravato dalla circostanza che l’indagato aveva simulato la propria qualità di pubblico ...

leggi tutto ›
   

25/12/16

Parte civile: qualificazione giuridica dei fatti ed interesse all'impugnazione - Cass. pen. 54138/16 - Carol Comand

I successori del danneggiato possono esperire impugnazione coltivando dei motivi inerenti alla diversa qualificazione del fatto ascritto solo in presenza di una possibile concreta incidenza sulla determinazione del danno.

Il soggetto al quale il reato ha recato danno o i suoi successori universali sono legittimati all'azione civile nel processo penale per le restituzioni e per il risarcimento del danno.

Appare naturale conseguenza di ciò che la parte civile possa esperire impugnazione contro i soli capi c ...

leggi tutto ›
 

20/12/16

Imputato detenuto per altra causa e “assenza” - Cass. pen. 51740/16 – Annalisa Gasparre

Condannato per furto aggravato, l’imputato ricorreva per cassazione invocando la rescissione del giudicato. A sostegno deduceva che la sua assenza durante il processo di merito era stata determinata dalla incolpevole mancata conoscenza della celebrazione del giudizio: mai avrebbe ricevuto notifica dell’avviso di conclusione delle indagini e del decreto di citazione a giudizio. È vero, argomentava, che aveva eletto domicilio, ma era assente dallo stesso perché detenuto per altra causa ...

leggi tutto ›
 

19/12/16

Procedimenti speciali: rito abbreviato ed impugnazione dell'imputato - Cass. pen. 7974/16 - Carol Comand

L'imputato non può proporre appello nei confronti delle sentenze di assoluzione pronunciate all'esito di rito abbreviato

Originariamente, nell’art. 443 si stabiliva il limite all’impugnazione sia delle sentenze di proscioglimento, quando l’appello tendeva ad ottenere una diversa formula, che delle sentenze di condanna.

Queste ultime non potevano essere appellate dall’imputato qualora la pena stabilita non doveva essere eseguita e dal pubblico ministero per regola, salvo che si trattasse di sentenza che modificava il titolo di reato. ...

leggi tutto ›
 

11/12/16

Religioso accusato di abusi su giovani seminaristi, ma non ci sono concrete e attuali esigenze cautelari - Cass. pen. 51697/16 – Annalisa Gasparre

Al responsabile di un seminario venivano contestati abusi su giovani seminaristi: convergenti le accuse con la confessione resa dal religioso: tuttavia, non è necessaria la custodia cautelare in carcere quale misura cautelare.

...
leggi tutto ›
 

27/11/16

Giudizio abbreviato e integrazione probatoria, i poteri del giudice - Cass. pen. n. 49319/16 - C.C.

Le eventuali integrazioni probatorie nel giudizio abbreviato non condizionato dipendono da scelte discrezionali del giudice.

Con recente pronuncia si è ribadito che la scelta processuale dell'imputato di accedere al rito abbreviato non condizionato implica una rinuncia alla formazione della prova in contraddittorio, “con conseguente accettazione da parte dell'imputato della sufficienza dimostrativa del materiale probatorio in atti”.

Le eventuali integrazioni del compendio probatorio di cui dispone il giudice per l'accertamento della responsabilità, “una volta che l'imputato ha scelto di essere giudi ...

leggi tutto ›
 

10/11/16

Sequestro preventivo duplicato? – Cass. pen. 36303/16 – Annalisa Gasparre

In relazione a un reato tributario, venivano sottoposte a sequestro cautelare alcune autovetture. I beni erano già stati sequestrati in altro procedimento per i reati di bancarotta. Il provvedim ...

leggi tutto ›
 

10/10/16

Arresto in “quasi flagranza” di reato di omissione di soccorso stradale – Cass. pen. 17015/16 – Annalisa Gasparre

La “quasi flagranza” è configurabile tutte le volte in cui sia possibile stabilire un particolare nesso tra il soggetto ed il reato. Tale nesso presuppone un rapporto ...

leggi tutto ›
   

04/10/16

Le Sezioni Unite sull’impignorabilità dei beni sottoposti a sequestro conservativo – S.U. 38670/16 – Annalisa Gasparre

Nell’ambito di un procedimento penale per una pluralità di fatti di bancarotta venivano posti sotto sequestro conservativo numerosi beni appartenenti ad uno degli imputati ...

leggi tutto ›
 

26/09/16

Ordinanza custodiale non tradotta: è nulla – Cass. pen. 6623/16 – Annalisa Gasparre

La traduzione scritta dell’ordinanza che applica una misura cautelare personale non è necessaria se emessa all’esito di udienza di convalida alla quale lo straniero in stato di fermo o di arresto abbia pa ...

leggi tutto ›
 

24/09/16

Estradizione: cittadinanza UE e discriminazioni sulla base della nazionalità - C-182/15 - Carol Comand

In assenza di specifico accordo lo stato membro richiesto è tenuto, per quanto possibile, al rispetto del principio di non discriminazione

In assenza di accordi internazionali tra l'Unione ed il paese terzo interessato, le norme in materia di estradizione rientrano nella competenza dei singoli Stati membri. Le disposizioni dei quali, tuttavia, in situazioni che rientrano nell'ambito di applicazione del diritto dell'Unione, sono tenute al rispetto di quest'ultimo.

Tra le disposizioni del trattato UE relative alla cittadinanza dell'Unione, l'art ...

leggi tutto ›
 

20/09/16

Differimento dell’esecuzione della pena – Cass. pen. 15790/16 – Annalisa Gasparre

Il differimento dell’esecuzione della pena è legittimo se sussiste una grave infermità fisica. La malattia deve essere oggettivamente grave, nel senso di implicante un ...

leggi tutto ›
 

18/09/16

Pena detentiva: la soluzione per il numero crescente di violenze sessuali - Carol Comand

Un periodo detentivo più lungo potrebbe rappresentare una soluzione.

Appresa da un periodico on-line, la notizia relativa ad una recente ricerca, desta qualche perplessità.

Senza alcuna intenzione di travisamento, - l'articolo risulta scritto con certa cognizione di causa - ci si permette di riportare, un breve passaggio:

“Tremila in carcere per violenze sessuali e abusi sui minori: “ma le pene sono troppo blande”. Nei primi sei mesi del 2016 sono stati oltre ...

leggi tutto ›
 

17/09/16

Decreto penale di condanna e restituzione in termini - Cass. pen. 6421/16 – Annalisa Gasparre

Per opporsi al decreto penale di condanna, l’imputato deve allegare il momento in cui è venuto a conoscenza del provvedimento. Al giudice spetta verificare se l’istante abb ...

leggi tutto ›
 

15/09/16

Notifica presso la casa comunale solo come ultima ratio - Cass. pen. 9514/16 – Annalisa Gasparre

La notifica di un atto all’imputato è regolata dall’art. 157 c.p.p. che prevede che, in caso di mancanza o inidoneità di persone, diverse dall’imputato, a ricevere l’atto al primo accesso, siano disposte nuove ricerche dell’imputato da parte dell’ufficiale giudiziario. Solo a seguito dell’esito negativo di queste ultime è ...

leggi tutto ›
 

12/09/16

Furto in appartamento e arresto in quasi flagranza: il valore della segnalazione anonima - Cass. pen. 14499/16 – Annalisa Gasparre

Una telefonata anonima ai Carabinieri segnalava la presenza di un’automobile sospetta davanti a un’abitazione e il comportamento anomalo di alcuni soggetti. I militari sono intervenuti rapidamente perquisendo il veicolo e rinvenendovi un cacciavite e segni di effrazione sulla porta dell’abitazione. I quattro uomini a bordo dell’autoveicolo sono stati arrestati dai ...

leggi tutto ›
 

12/09/16

Interdittiva antimafia: le colpe dei padri non ricadano sui figli - Alessandro Alati

Interdittiva antimafia

Rilevanza negativa dei rapporti parentali

Necessaria l’evidenziazione di ulteriori e significative circostanze obiettive

 

L’istituto dell’interdittiva antimafia coinvolge, all’evidenza, interessi di particolare rilievo tra loro potenzialmente confliggenti.

La sua ratio, da un lato, va rintracciata nell’esigenza di contrastare il fenomeno dell’inquinamento mafioso ...

leggi tutto ›
 

28/08/16

Misure cautelari, esigenze: in tema di valore del tempo nell'ordinanza dispositiva - Cass. pen. 34438/16 - Carol Comand

Il doveroso riferimento all’elemento temporale richiesto dalla norma non può risolversi in una piatta valutazione della dimensione indiziaria

La considerazione del tempo trascorso dalla commissione del reato di cui all’art. 292 co. 2 lettera c) nell’esposizione e nell’autonoma valutazione delle specifiche esigenze cautelari e degli indizi, unitamente agli elementi di fatto da cui sono desunti e dei motivi per cui essi assumono rilevanza, è stata introdotta dall’art. 9 della legge 8 agosto 1995, n. 332.

In argomento si è posto in ev ...

leggi tutto ›
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Cosa stai cercando?

Inserisci una parola per cercare i risultati che ti interessano.

Iscriviti per il 2016 a

iscriviti-persona-e-danno

 

Diventa un nostro associato

iscriviti ora 

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity