Legislazione e Giurisprudenza, Beni, diritti reali -  Mazzon Riccardo - 2017-02-09

Distanze e confini: il muro divisorio non può dar luogo allesercizio di una servitù di veduta? - Riccardo Mazzon

L'esistenza di un'opera muraria munita di parapetti e di muretti dai quali sia obiettivamente possibile guardare e affacciarsi comodamente verso il fondo del vicino, ancorché trattasi di opera che abbia pure funzione divisoria è sufficiente a integrare una veduta e il possesso della relativa servitù.

Anche il muro divisorio - nella pronuncia che segue, ad esempio, in applicazione del riportato principio la Suprema Corte ha escluso che l'innalzamento di un muro divisorio, in modo da precludere la stessa "inspectio" sull'altro fondo - e precisamente da mt. 1, 50 a 2, 75 - avesse determinato la lesione di una servitù di veduta, anteriormente non configurabile:

"il muro divisorio non può dar luogo all'esercizio di una servitù di veduta, sia perché ha solo la funzione di demarcazione del confine e o tutela del fondo, sia perché, anche quando consente di "inspicere" e "prospicere" sul fondo altrui è inidoneo a costituire una situazione di soggezione di un fondo all'altro, a causa della reciproca possibilità di affaccio esistente da entrambi i fondi confinanti (Cass. 7.7.94, n. 6407, GCM, 1994, 930; conforme Cass. 25.1.00, n. 820, GCM, 2000, 136) -,

può dare adito a dubbi, circa la sua idoneità a dar luogo a veduta in senso tecnico:

"l'esistenza di un'opera muraria munita di parapetti e di muretti dai quali sia obiettivamente possibile guardare e affacciarsi comodamente verso il fondo del vicino, ancorché trattasi di opera che abbia pure funzione divisoria è sufficiente a integrare una veduta e il possesso della relativa servitù, senza che occorra anche l'esercizio effettivo dell'affaccio, essendo la continuità dell'esercizio della veduta normalmente assorbito nella situazione oggettiva dei luoghi" (Cass. 6.12.84, n. 6406, GCM, 1984, fasc. 12; cfr., amplius, il trattato "I rapporti di vicinato e le distanze legali: tutela e risarcimento" - Riccardo Mazzon - CEDAM 2013, in Collana SapereDiritto).



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati