Articoli, saggi, Persone con disabilità -  Cendon Paolo - 2016-07-12

Dopo di noi, convegno Viterbo, 14 luglio 2016 – Paolo Cendon

# 1 – Poche leggi come - Legge "dopo di noi" – Violente discussioni prima, forti Reazioni adesso

Integrati: Renzi e il governo – assicuratori, notai,  avvocati - forse qualche familiare  --W Fondo, provvidenze fiscali, agevolazioni professionali.

Apocalittici: Assistenzialismo, burocrazie, legge scritta da impiegati del catasto, da volonterosi contabili, bidelli

--------   incrocio >> impostazione assistenzialistica di certo cattolicesimo del Lombardo Veneto -- fuso  con gli interessi di assicuratori,ì (con le loro polizze),  dei notai, degli avvocati, di certi reggitori di fondazioni

--------   discorsi c.d. deistituzionalizzazione solo finti, declamatori, ostentati

---------  disabile della legge  come Gwynplaine dell"Uomo che ride, V.Hugo, si fanno soldi – famiglia ok – come al sud,  interdizione, quando nasce un autistico si brinda, si mangia, si sopravvive    (?) -- controllo pieno sul disabile, sugli assegni

\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\

# 2 Come  pensarla, cosa dire su tutto ciò

Personalmente ai convegni -- incontro  soprattutto  genitori delusi, scettici, arrabbiati // terrore della Rete socio/sanitaria che succhia anima, spegne, plastifica

E in effetti - Storia ultimi cent"anni disabilità, fragilità  >>>   grande effluvio leggi amministrativistiche, micro e macro  --- tipo 104 e 328 >> si evidenziano così dei nodi, ostacoli  veri >> che poi si affermano e inverano nel diritto civile, nasce consapevolezza, disciplina  – >>  boom richieste decreti interventi sostegni – poi anche richiesta ufficio-sportello-amministrativo  sì, ma in chiave puramente esecutiva-applicativa

\\\\\\\\\\\\\\\\\

# 3 – È un po"  la storia dell"Ads – caratteristiche ricordiamole allora – punti fermi

Debole disabile > visione >> desiderio, aspettative   -- primato persona -- ostacoli da rimuovere, 3  Cost. –  solo  soggetti 'indeboliti'

Doveri comunità – obbligo di avvertire gt o pm – presa in carico, responsabilità

-- Non abbandonare – Non mortificare -

Diritto dal basso

Scoobidu

No medicalismo lombrosiano – esistenzialità, adeguatezza gestionale, no etichette ospedaliere

Interdizione no – incapacitazione solo se motivata

Valorizzazione attitudini e destrezze  residue – Down si sposa, fa testamento, regala   – Le galline bastano alle volte - Mancia docet


\\\\\\\\\\\\\\\\\\

# 4 --   Legge dopo di noi ALLORA? – molti in effetti i punti oscuri

Ok certo soldi, fondo, defiscalizzazione sì

Ma cultura fortemente catastale, prestazionale, sportellistica, ministeriale,  impiegatizia - vecchia  - sorda ai veri bisogni

Nessun Progetto vero  ---  si rinvia alla 328, che è un non progetto, puramente medicalistico-funzionalistico, tutto sui deficit, pensato in funzione degli assegni,  degli accompagnamenti,  delle protesi, delle sistemazioni logistiche

Due correzioni minimali  avevamo proposto

-          coordinamento con Ads esplicitato, organizzato

-          taglio   scobidoo  360° indicato con chiarezza

In prima battuta alla Camera accolto, poi al Senato non so cos"è successo

- Male  allora (dico io) su  entrambi i punti

- comunque il Gt c"è, esiste, fa, comanda  – è chiaro che se c"è il progetto,  passa di qua tendenzialmente – non è che se non nomini le tasse, non devi pagarle – certo sussidiarietà, ma solo se forte autonomia della persona, dove un progetto alieno servirà meno – rischio italiano   ///  familiari conservatori opportunisti (Andreotti) – pericolo  'gestioni di affari altrui' passive, interessate, immobilistiche -- il Vicario Ads deve invece poter intervenire, soggetto dinamico

- Scoobidu 360°- non è il medico o il gestore del trust a poter progettare – è un GT che coordina e dirige l"orchestra, coi tre fili, in scala - l"ascolto altrimenti dov"è? – e le priorità? – e l"attenzione ai momenti affettivi, esistenziali? - e il dover di tenere conto delle aspirazioni, dei bisogni profondi, nascosti? - e il diritto di reclamare? – e la sovranità generale  in ambito sanitario? - e i poteri di critica per  chi è amico o parente del disabile? – e i doveri di informazione? - e il linguaggio, il soffio, l'ossigeno, la mitezza,  l'empowerment, il ronzio comunicativo, i monitoraggio, il garbo, i dubbi, il coraggio di decidere, la coralità?

- il Trust, i patrimoni fiduciari, i vincoli del sesto libro, le polizze >> può andare bene tutto ciò, s=, ma in funzione puramente esecutiva, successiva  – addirittura nominarlo nel primo articolo è un po" goffo, ridicolo - peggio che un delitto, è un errore

\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\

# 5 – insomma (concludo) una legge poco sensibile alle linee della convenzione Onu, oltre che DELL"ADS ---   da farsi?

alla lunga --Sullo sfondo Grande Cielo, si deve respirare, sfida, leonardo, vola, grida, settimo libro, ricomporre pensare – cordinare Provincie sparse ?? --- fragilità,    disabilità,  non autonomia, incapacità  ?? ---

in breve – costruire  PRATICHE che colmino le sordità della legge, che reintroducano margini di dialogo con l"Ads ____ DUE MODELLI papa' e mamma , (a) dopo la morte del genitore, (b) prima della morte, monitorati e sperimentati davanti al GT, con l"AdS

al più presto – tratteggio  Neo-Legge sul  'Progetto di  Vita', che faremo questa estate – anagrafe, segnalazioni, un GT o un Got che dirige, Commissione ampia, procedure rigorose – al termine un progetto alto e completo,  su tutto quanto

===================================================0

Programma   Convegno Viterbo – 14 luglio 2014

Dopo di noi: trust, vincoli di destinazione ed altri strumenti di tutela

nella legge 22 giugno 2016, n. 112, sull"assistenza ai disabili gravi


Coordina
Federico Tedeschi Porceddu, presidente del Consiglio notarile Viterbo/Rieti

Prima sessione - 9,30/13,30


9.40/10.40
Paolo Cendon, Università degli Studi di Trieste
Il dopo di noi nella prospettiva del nuovo diritto della fragilità: profili civilistici
La legge sull'AdS uno snodo cronologico e culturale;
La fragilità e il grande cielo delle leggi speciali;
Il dopo di noi con il genitore ancora in vita;
Il dopo di noi come realtà che entrerà in gioco dopo la morte dei genitori;
Il progetto di vita sulla fragilità: verso una nuova legge.

10.40/11.20
Daniela Infantino, Università degli Studi di Trieste
Il dopo di noi: scenari possibili e questioni applicative
La designazione anticipata dell'ads da parte della persona fragile;
La designazione anticipata da parte dei genitori;
Lo scubidoo: indicazioni patrimoniali, esistenziali e sanitarie;
Aspetti formali e notarili delle varie combinazioni pre e post mortem dei genitori.

Pausa

11.30/12.20
Giampaolo Marcoz, notaio in Aosta, consigliere nazionale del CNN
Il contributo del notariato alla stesura della legge
L"apporto del Notariato in commissione al senato;
Un nuovo ruolo per l"autodeterminazione della disabilità;
Una disciplina per il vincolo di destinazione;
Il progetto di vita del disabile grave;
Il ruolo dei servizi sociali e del soggetto preposto al controllo.

12.20/13.00

Mauro Di Marzio, consigliere di Cassazione
Il «dopo di noi» prima della nuova legge: strumenti civilistici ed orientamenti giurisprudenziali
Successione per causa di morte ed erede disabile;
Prelegato;
Clausola si sine liberis decesserit;
Fiducia;
Trust. Segregazione patrimoniale, responsabilità patrimoniale e tutela del disabile;
Segregazione patrimoniale e tutela dei terzi.

13.00/13.30
Daniele Muritano, Notaio in Empoli
Profili notarili del trust in favore delle persone con disabilità grave
Struttura dell'atto: in particolare il trust istituito dal disabile;
I soggetti coinvolti: il trustee, il guardiano e i loro poteri;
Clausole sulla destinazione del reddito;
Clausole sulla destinazione del patrimonio residuo e trust di ritorno

Dibattito finale e quesiti ai relatori

PAUSA PRANZO

Seconda sessione - 15.00/18,00

15.00/15.50
Ciro D"Aprea, notaio in Roma, Università La Sapienza - Scuola di specializzazione per le professioni legali
Profili notarili sui vincoli di destinazione in favore delle persone con disabilità grave
L"atto di destinazione come categoria generale e l"art. 2645 ter c.c. quale fattispecie complessa;
Forma e struttura dell"atto costitutivo del vincolo di destinazione in favore di persone con disabilità grave;
Meritevolezza ed altruità dell"interesse perseguito nell"atto costitutivo del vincolo di destinazione;
Ammissibilità ed utilità del vincolo testamentario di destinazione in favore di persone con disabilità grave.

15.50/16.40
Antonio Musto, Ufficio studi del CNN
I chiaroscuri della Legge sull"assistenza ai disabili gravi privi del sostegno familiare
Il rapporto tra trustee e (l"eventuale) amministratore di sostegno, nel caso in cui già esista un amministratore di sostegno che provveda alla "cura e assistenza" del disabile;
L"assoggettamento o meno entro il perimetro del nuovo art. 2929 bis degli atti di cui all"art. 6 della legge in commento;
I rapporti fra la predetta legge e la disciplina in tema di sostituzione fedecommissaria (art. 692).

Pausa

16.50/17.40
Thomas Tassani, Università degli Studi di Bologna
Il sistema fiscale della legge
Il quadro di riferimento: la tassazione diretta ed indiretta sugli strumenti di destinazione;
Le agevolazioni previste nell"imposta sulle successioni e donazioni;
Le agevolazioni previste nelle imposte ipotecaria e catastale;
Le altre agevolazioni;
Trasferimenti iniziali e finali nella logica del dopo di noi ed imposizione fiscale;
Raccordo tra imposizione indiretta e tassazione del reddito del patrimonio separato.

Discussione finale e quesiti ai relatori



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati