Changing Society, Intersezioni -  Pant√® Maria Rosa - 2015-09-19

DUE POESIE SU DI ME – Maria Rosa PANTÉ

"DUE POESIE SU DI ME" – Maria Rosa PANTÉ

Labbra

Ho labbra squadrettate dalle rughe

(le mie labbra, morbide, di corallo).

Ho braccia sottili e scure:

da burattino di legno. Si vedono

scorrere a fior di pelle le vene.

Rivi sepolti che urlano

per riaffiorare. Mi segna l'età,

mi incide di ricordi.

Ma quest'ora, quest'ora, io viva, vivo!

Piedi

Vorrei avere piedi

che aderiscano, larghi, a ogni sentiero

in ogni punto grande della pianta

che lascino orme d'umido

lievi sulle piastrelle

che perdano un po' di terra a ogni passo.

Piedi nudi e duri piedi anneriti

dal camminare piedi liberi

liberi di andare piedi radici,

che si nutrano del loro avanzare

verso qualunque punto cardinale.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati