Legislazione e Giurisprudenza, Espropriazioni per pubblica utilità -  Span√≤ Giuseppe - 2014-10-15

ESPROPRI ILLEGITTIMI ED USUCAPIONE - T.A.R. Campania n. 2267/2014 – Giuseppe SPANÒ

Con la sentenza in esame il T.A.R. Campania sezione di Napoli conferma quel filone giurisprudenziale che ritiene preclusa la tutela restitutoria per il privato nel caso si sia perfezionata l'usucapione da parte della P.A. In particolare la possibilità del privato, proprietario del bene immobile occupato dalla P.A. e sottoposto a procedimento ablatorio (non perfezionato con l"emanazione del decreto finale di esproprio o con atto di cessione volontaria) di rivendicare il bene stesso e chiederne la restituzione incontra il limite dell'intervenuta usucapione (nella fattispecie in esame puntualmente eccepita dall'amministrazione provinciale).
L'usucapione secondo il Giudice amministrativo non può ritenersi preclusa dalla disciplina contenuta nel d.p.r. 8 giugno 2001 n. 327, anche perché in tal caso la possibilità per la P.A. di un acquisto postumo del diritto di proprietà con un provvedimento amministrativo avente efficacia sanante (ex art. 42-bis) è logicamente incompatibile con il già intervenuto acquisto del bene immobile a titolo di usucapione (ex multis, Corte di Cassazione Civile, I Sezione, 4 luglio 2012 n. 11147).



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati