Articoli, saggi, Libertà costituzionali -  Bedeschi Ilaria - 2014-11-20

FACCIAMO CHE IO MI NASCONDO E TU MI TROVI – GIORNATA MONDIALE DELLINFANZIA – Ilaria BEDESCHI

Esistono categorie di soggetti c.d. deboli. Si tratta di persone che a causa di situazioni soggettive – fisiche o psichiche, temporanee o permanenti – solitamente non vengono ascoltate.

O meglio, le decisioni che le riguardano vengono spesso assunte senza tenere conto della loro manifestazione di volontà.

Ed allora non sempre è facile far venire fuori quello che resta nel sottobosco. Frasi non dette ma solo pensate. Presentimenti che si avverano. Sensazioni accantonate fin quando si può. Slanci interrotti sino a data da destinarsi.

Non è quindi strano che nell"ultimo decennio – in un contesto di evoluzione tecnologica, sbriciolamento professionale e frazionamento delle conoscenze – alcune voci vengono fuori.

Non è solo il caso dell"infanzia (dei suoi diritti se ne era presa consapevolezza già nei primi del 1900), ma anche dei casi di violenza sulle donne, dei malati tumorali, della cura in ogni sua dimensione.

L"attenzione al soggetto più fragile. Debole perché non ha la forza di farsi sentire. A volte poi lo fa, ma chi lo ascolta?

Chi vuole ascoltare chi confessa che i matrimoni tra persone dello stesso sesso potrebbero costituire l"elusione al divieto di adozione delle coppie omosessuali? Chi vuole sentire che la fecondazione eterologa potrebbe essere irrispettosa del diritto del bambino a conoscere le proprie origini biologiche e alla dignità personale? Chi vuole sentire che non è possibile introdurre un nuovo diritto calpestandone un altro?

La giornata mondiale dell"Infanzia (che nasce nel 1989 con l"emanazione della Convenzione dei Diritti del Fanciullo) è l"occasione per ascoltare chi è un po" più nascosto. Chi è stato messo da parte, e continua ad esserlo. Perché è più comodo. Perché noi grandi abbiamo necessità di ottenere quello che vogliamo.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati