Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

Famiglia, relazioni affettive / rapporti patrimoniali tra coniugi

20/03/17

Negoziazione assistita senza Notaio. La prima breccia della giurisprudenza- di Valeria Cianciolo

Nota a Tribunale di Pordenone, decreto 17 marzo 2017 Con decreto del 17 marzo 2017 il giudice Gaetano Appierto del Tribunale di Pordenone ha ordinato al Conservatore dei Registri Immobiliari di procedere alla trascrizione del trasferimento immobiliare posto che in materia di famiglia: “ex art. 6 del decreto-legge n. 132 del 2016 non è richiesta/ necessaria, ai fini della trascrizione degli atti di trasferimento immobiliare eventualmente contenuti in un accordo di negoziazione assistita, l'ulteriore autenticazione delle sottoscrizioni da parte di un pubblico ufficiale a ciò autorizzato di cui all'articolo cinque com ...

leggi tutto ›
 

05/03/17

Revoca dell’assegnazione della casa familiare ed interesse del minore - di Valeria Cianciolo

Nota a Tribunale di Palermo Sez. I, Ord., 29.12.2016

Nei giudizi di separazione e di divorzio l’individuazione dell’abitazione che, durante la convivenza della famiglia, abbia rappresentato la c.d. “casa familiare”, risulta preliminare rispetto alla risoluzione di qualsiasi altra questione nascente in ordine alla sussistenza o meno dei presupposti richiesti dalla legge per l’adottabilità del provvedimento di assegnazione.

Come noto, il legislatore ha introdotto l’istituto dell’assegnazione della casa familiare con la riforma del 1975 omettendo, tuttavia, di forn ...

leggi tutto ›
 

22/01/17

La pubblicità del fondo patrimoniale – di Valeria Cianciolo

“In tema di fondo patrimoniale, la sua costituzione ai sensi dell'art. 167 c.c. è soggetta alle disposizioni dell'art. 162 c.c., circa le forme delle convenzioni matrimoniali, ivi inclusa quella del comma 4, che ne condiziona l'opponibilità ai terzi all'annotazione del relativo contratto a margine dell'atto di matrimonio, mentre la trascrizione del vincolo per gli immobili, ai sensi dell'art. 2647 c.c., resta degradata a mera pubblicità notizia e non sopperisce al difetto di annotazione nei registri dello stato civile, che non ammette deroghe o equipollenti, restando irrilevante la conoscenza che i terzi abbiano acqui ...

leggi tutto ›
 

18/01/17

Al via il fondo di solidarietà per l’ex coniuge in stato di bisogno – di Valeria Cianciolo

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 11 del 14 gennaio scorso il Decreto 15 dicembre 2016 del Ministero della Giustizia.

Diventa operativo il Fondo di solidarietà a tutela del coniuge in stato di bisogno previsto dalla Legge di stabilità 2016.

 Cosa prevede la Legge di stabilità 2016

La legge di stabilità per il 2016 (legge 28 dicembre 2015, n. 208 – Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato), pubblicata sulla Gazzetta ufficiale del 30 dicembre 2015 ed entrata in vigore il 1° gennaio 2016, ha istituito, al comma 414, “in via spe ...

leggi tutto ›
 

20/07/16

Biancaneve non abita più qui. I prenuptial agreements sbarcano in Italia?

Un matrimonio pattuito come un business provoca inevitabili vertigini.

Famoso fu l’accordo prematrimoniale fra Jackie Kennedy e Aristotele Onassis che avrebbe dovuto provvedere in contanti “immediatamente" e "senza condono" a versare una cifra pari a circa 40 miliardi, per pronunciare il fatidico si con la vedova d’America.

La consorte di John Kennedy contraendo nuove nozze, avrebbe perso i benefici derivanti dalla rendita Kennedy nonché il suo appannaggio di vedova presidenziale. Ma in cambio avrebbe avuto un tetto per le spese voluttuarie, un tot per gli ab ...

leggi tutto ›
 

23/06/16

Attività bancarie e comunione de residuo – di Valeria Cianciolo

Nota a Cassazione civile, Sez. I, 3 luglio 2015, n. 13760 – Pres. Forte – Rel. Acierno

In caso di scioglimento della comunione legale tra i coniugi, con riguardo ai beni che formano oggetto della comunione de residuo, tra i coniugi stessi si instaura una comunione ordinaria, sicché il coniuge non titolare vanta un diritto reale di comproprietà (e non un mero diritto di credito di entità corrispondente al metà del valore dei beni caduti in comunione).

Il fatto. Una donna aveva convenuto in giudizio il cognato ed il Banco di Sicilia, chiedendo che, una volta dichiarata a ...

leggi tutto ›
 

16/06/16

I trasferimenti immobiliari nelle crisi coniugali e la morte dell’obbligato – di Valeria Cianciolo

Breve nota a Tribunale di Pisa, 23.02.2016 n. 266 (G. I.:  dott. Tommaso M. Gualano)

 I trasferimenti dei beni che i coniugi pongono in essere in sede di separazione personale, laddove rappresentino lo strumento per definire un nuovo assetto economico-patrimoniale della famiglia, costituiscono fattispecie negoziali che rinvengono la loro causa nella stessa separazione; tali atti, dotati pertanto di un profilo causale autonomo, non vanno confusi con quei trasferimenti che, seppur concomitanti alla separazione personale, non traggono da essa il loro profilo funzionale, rimanendo al contrario, fattispecie ...

leggi tutto ›
 

20/05/16

Ex moglie perde il diritto alla casa popolare se non più convivente con figli - Cass. Civ 7671/16 - Carla Nicoletti

La Suprema Corte è chiara: la madre, assegnataria della casa coniugale con provvedimento giurisdizionale a seguito dell’affidamento della figlia minore, deve riconsegnare l’immobile al Comune una volta cessata la convivenza con la figlia, divenuta maggiorenne.

Il fatto, in breve: Tizia, donna divorziata e assegnataria di un alloggio rientrante nell’edilizia economica e popolare, proponeva il ricorso avverso l’ordinanza del sindaco che aveva disposto il rilascio dello stesso. Nel caso di specie la Suprema Corte, rigettando il ricorso de quo, conf ...

leggi tutto ›
 

21/03/16

"VENDITA SENZA CONSENSO DI UN BENE IN COMUNIONE LEGALE: QUID IURIS?" - Cass. 5326/16 - V. MAZZOTTA

 

Vendita di un bene in coniune legale: il contratto, in assenza del consenso del coniuge pretermesso non è inefficace né nei confronti dei terzi, né nei confronti della comunione, ma è solo soggetto alla disciplina dell’art. 184 comma 1 cod. civ., ed è solamente esposto all’azione di annullamento da parte del coniuge non consenziente, nel breve termine prescrizionale entro cui è ristretto l’esercizio di tale azione, decorrente dalla conoscenza effettiva dell’atto, ovvero, in via sussidiaria, dalla trascrizione o dallo scioglimento della comunione.

 

 

 

Ai sensi dell’a ...

leggi tutto ›
 

20/03/16

Il diritto di abitazione riservato a favore del coniuge superstite legalmente separato senza addebito - Valeria Cianciolo

L’art. 540 c.c. esprime l'innovazione più radicale apportata dalla riforma del diritto di famiglia al diritto successorio: non solo al coniuge superstite è attribuita una quota di riserva in piena proprietà, anziché in usufrutto, ma gli è anche riservato un trattamento incomparabilmente più favorevole, comportante non solo il sacrificio degli interessi familiari concorrenti, ma anche quello della libertà di disporre per causa di morte.

I diritti di abitazione ed uso possono essere attribuiti anche al coniuge separato sempre che, ai sensi dell’art. 548 c.c., non abbia subìto l’addeb ...

leggi tutto ›
 

16/02/16

“LA INTERFERENZA DEL PROVVEDIMENTO DI ASSEGNAZIONE DELLA CASA CONIUGALE GIA’ CONCESSA IN COMODATO” – Antonio ARSENI

- La prevalenza della disciplina del comodato su quella propria  della assegnazione

- I contrasti giurisprudenziali

- L’attuale approdo interpretativo (da ultimo, Cassazione 1666/2016)

 

Da tempo si assiste nel nostro Paese ad un aumento esponenziale dei processi di separazione e divorzio, soprattutto nelle regioni centro-settentrional ...

leggi tutto ›
 

16/11/15

"NESSUNA SOSPENSIONE O RIDUZIONE DELL'ASSEGNO DI MANTENIMENTO PER IL PERIODO IN CUI LA PROLE VIVE CON IL PADRE" - Trib. di Milano 01.07.2015 di Paolo F. Cuzzola

Il Tribunale di Milano con sentenza del 01 Luglio 2015 statuisce che: "Nessuna sospensione o riduzione dell'assegno di mantenimento, per il periodo in cui il figlio vive col padre. Il mensile stabilito dal giudice a carico del genitore non convivente va inteso, infatti, come una singola "rata" dell'importo, unico, previsto annualmente in favore della prole. "

Genesi della pronuncia è il quesito sottoposto ai giudici: il padre è obbligato a pagare il mantenimento previsto in favore della figlia minorenne, anche per il mese estivo in cui la piccola vive con lui?

Il Tribunale risponde in senso affermativo al quesit ...

leggi tutto ›
 

01/06/15

"ESECUZIONE SU BENI IN FONDO PATRIMONIALE" - Trib. R.Emilia 765/2015 - G. MORLINI

Pubblichiamo, su gentile concessione del Dott. Morlini, una sentenza che si reputa interessante in tema di possibilità di proporre esecuzione su beni in fondo patrimoniale.

Si tratta di Trib. Reggio Emilia, Giud. Morlini, sentenza n. 765 del 2015, dispositivo e motivazione in pari data 20/5/2015.

In allegato il testo integrale, di seguito la massima: 

"Ai fini dell’applicazione del divieto di esecuzione sui beni del fondo patrimoniale ex art. 170 c.c., a livello soggettivo ed ai fini del riparto dell’onere probatorio, spetta al debitore provare che il creditore conosceva l’estraneità del cr ...

leggi tutto ›
 

29/05/15

"TFR E SMOBILIZZO DI TITOLI POSSONO CADERE IN COMUNIONE LEGALE" - CASS. 10942/2015 - Valeria MAZZOTTA

Comunione legale

Va diviso con il coniuge il TFR versato cul c/c cointestato e anche lo "smobilizzo" di titoli su conto esclusivo ma collegato ad altro conto cointestato con il coniuge

 

Perde su tutti i fronti un marito che rivendica la piena titolarità di Tfr e smobilizzo di titoli, oltre alla restitzione del denaro impiegato nella ristruttrazione della casa famigliare intestata all'altro coniuge.

Con la  sentenza 10942/15, pubblicata il 27 maggio dalla prima sezione civile della Cassazione, è stbilito che il TFR riscos ...

leggi tutto ›
 

16/04/15

“NUOVE INDAGINI TRIBUTARIE DEL GIUDICE DELLA FAMIGLIA ALLA LUCE DELLA L. 162 DEL 2014” - Trib. Milano, sez. IX civ., ordinanza 3 aprile 2015

- "nuove indagini tributarie"

- ampliamento poteri di accertamento del giudice della famiglia

- delega all'Agenzia Tributaria

Trib. Milano, sez. IX civ., ordinanza 3 aprile 2015 (est. G. Buffone)

Procedimento di separazione / divorzio – Indagini di polizia tributaria – Accertamenti – Legge 162 del 2014 – Rilevanza - Sussiste (art. 337-ter c.c.)

...
leggi tutto ›
 

16/04/15

“ASSEGNO DIVORZILE: NON CI SONO PATTI CHE TENGANO! MA LA RICHIESTA E’ RIGETTATA” - Trib. Milano, Ord. 02/04/2015 – V. C.

- Assegno divorzile

- Patti divorzili

- Condizioni economiche dei coniugi

La pronuncia in commento affronta il tema delle regolamentazioni patrimoniali tra coniugi separati che si siano poi decisi, sussistendone i presupposti di legge, a chiedere il divorzio.

Il Giudice di Milano si è in particolare trovato a dover decidere – in via provvisoria, in sede si udienza presidenziale - in merito alla richiesta avanzata dalla moglie di ...

leggi tutto ›
 

14/12/14

"COMODATO: QUALE TERMINE SE NELL'IMMOBILE SI SVOLGE UN'ATTIVITA' COMMERCIALE" - Cass. 24468/2014 - A. GASPARRE

Abbiamo parlato di comodato di recente su questa Rivista per segnalare, tra l'altro, la sentenza delle Sezioni Unite sul tema (COMODATO: SORTI DELL'IMMOBILE CONCESSO PER ESIGENZE FAMILIARI. 21.11.2014 e "COMODATO: VOLONTA' DA PROVARE NON DA PRESUMERE" - Cass. 24838/2014, 8.12.2014).

Proponiamo qui un'altra pronuncia che si focalizza sull'assenza di termine espresso per la restituzione dell'immobile.

Secondo la Suprema Corte, se nell'immobile concesso in comodato si svolge un'attività commerciale, non significa che il comodato s ...

leggi tutto ›
 

08/08/14

“DIRITTO DI ABITAZIONE AI SENSI DELL’ART. 540 C.C. E CONIUGI SEPARATI” - Cass. 13407/14 - Paolo IASIELLO

Con la sentenza in commento, la Corte di Cassazione afferma che il diritto di abitazione sulla casa familiare che l’art. 540 cod. civ. riserva al coniuge del de cuius, non spetta al coniuge separato, anche senza addebito, se la cessazione della convivenza a seguito della separazione ha spezzato il collegamento dell’immobile con la destinazione a residenza familiare.

La questione decisa dalla Suprema Corte si incentra sul combinato disposto degli artt. 540 e 548 cod. civ.

L’art. 540 secondo comma riserva al coniuge, anche quando concorra con altri chiamati, i diritti di abitazione sulla casa adibita a residen ...

leggi tutto ›
 

30/06/14

L’ASSEGNAZIONE DELLA CASA CONIUGALE NON PIU’ UTILIZZATA – Cass. civ. sez. VI, 3.6.2014. n. 12346 – A. D. ZORZINI

L’assegnazione della casa coniugale è “eziologicamente ed esclusivamente connessa all'affidamento o alla collocazione dei figli minori presso uno dei genitori (ex multis Cass. 1491 del 2011 e2134 del 2013)”.

Ne consegue che neppure nel caso in cui la predetta abitazione risulti inutilizzata dal genitore collocatario dei figli minori, l’altro - nè affidatario nè collocatario -  possa chiedere la modifica dei provvedimenti ex art. 710 cpc: “deve, in conclusione, escludersi, come condivisibilmente ritenuto dalla Corte d'Appello che il giudice della separazione anche in sede di provvedimenti modificati ...

leggi tutto ›
 

17/06/14

"REGIME PATRIMONIALE DELLA FAMIGLIA" - Annalisa GASPARRE

Per "regime patrimoniale" si intende il complesso delle norme che regolano la gestione delle risorse all'interno di un consesso. In linea generale, nell'ambito dell'unione familiare possono essere distinti un regime primario (che caratterizza, in verità, qualsiasi convivenza, anche temporanea e occasionale) riguardante il contributo dei membri e un regime secondario che regola la ridistribuzione delle risorse all'interno della famiglia fondata sul matrimonio.

Il regime primario trova collocazione codicistica, nel contesto in esame, nelle norme sull'obbligo dei con ...

leggi tutto ›
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity