Changing Society, Poveri -  Mottola Maria Rita - 2013-12-03

I MORTI DI PRATO GRIDANO ALLA NOSTRA COSCIENZA - Maria Rita MOTTOLA

Come non restare profondamente colpiti da quanto è accaduto nella fabbrica clandestina a Prato. Sopratutto come non restarne profondamente offesi e indignati.

Non si dica che non si sapeva, che le autorità controllano, che è colpa della globalizzazione ............... non si confonda l'accoglienza dei rifugiati con lo sfruttamento, non si confonda la carità con la prevaricazione.

Per favore non offendeteci oltre e non oltraggiate i morti, questi morti e tutti gli altri di questi ultimi anni. Morti perché si sta costituendo un nuovo ordine economico. E' questo nuovo credo che infiamma gli spiriti europeisti e di tutti i partiti (o quasi) di quello che un tempo si diceva arco costituzionale. Ma che ora non esiste neppure più.

Non possiamo non vedere ciò che è accaduto e sta accadendo giornalmente davanti ai nostri occhi. Un capitalismo selvaggio governa le nostre nazioni, anche l'Italia. La pietra su cui era costruita la nostra casa è stata sostituita dalle sabbie mobili in cui inevitabilmente stiamo affondando. La pietra era una visione dello Stato destinato a costruire e generare l'uguaglianza sostanziale e cioè l'uguaglianza innanzitutto economica. Che è solo il punto di partenza per arrivare oltre. Solo se si è liberi dal bisogno, solo se coloro che non possono provvedere a se stessi (gli anziani, i bambini, gli inabili, i malati, i disoccupati, i senzatetto) sono aiutati nelle loro necessità a vivere una esistenza libera e per questo dignitosa, si possono creare le condizioni per una crescita culturale e sociale. Tutto ciò si costruisce con uno Stato forte e capace di scelte economiche vincenti, che garantisce il risparmio e la piccola e sana imprenditoria, la ricerca e la cultura, la bellezza e la salute, l'ambiente e il progresso scientifico sostenibile e non devastante, che ripudia la guerra e non la fomenta, che accoglie i rifugiati ma che soprattutto costruisce ponti per creare là opportunità di vita libera e dignitosa. Più Stato e non meno Stato. Solo il liberismo capitalista chiede meno stato, uno statarello asservito all'economia e ai tecnici, o meglio ai portaborse. I nostri padri costituenti vollero uno Stato forte e fortemente democratico, con barriere inespugnabili di democrazia che sono state erose in nome del denaro, a favore di pochi ovviamente a discapito di tutti.

Che le grida di dolore dei morti di Prato bruciati vivi non si spengano, restino vive nella nostra mente. Perché non siano morti invano.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati