Changing Society, Intersezioni -  Redazione P&D - 2017-01-27

Ieri-Sara Costanzo

Ieri, grazie ad un amico, ho letto alcuni pezzi di Marguerite Yourcenair. E ho pensato che ci sono parole capaci di trascinarti in un mondo fatto di sapori immateriali, di una dolcezza che somiglia all'innamoramento, di una verità invisibile che ti fa sentire esattamente dove dovresti essere.

Ieri guardavo i miei alunni scivolare inconsapevolmente verso l'anarchia, lasciarsi ipnotizzare dallo schermo di un cellulare, lanciare per aria bottigliette di plastica nel tentativo di farle restare in piedi. E mi sono chiesta quale frase, verso, suono aprisse loro le porte di quel mondo. Cosa li emozionasse, cosa desideravano conoscere, cosa li faceva sentire dolcemente vulnerabili. E per un attimo ho addirittura pensato di chiederglielo, cosi, senza tanti giri di parole, anche se erano tutti maschi e con gli ormoni a mille, anche se il rischio che la risposta non fosse proprio Marguerite Yourcenair era piuttosto alto.

Ieri è venuto da me un ragazzo di diciotto anni, a raccontarmi del suo mondo, delle sue paure, della forza e delle incertezze dei suoi anni.E proprio mentre stava per andare via, quasi immaginasse i miei pensieri della giornata, si è fermato e mi ha detto: Sa...ogni tanto ascolto un cantante che si chiama Mondo Marcio...e le sue parole mi entrano nel cuore e sembra che le abbia scritte per me. e mi sento cosi...felice e malinconico al tempo stesso.

E in un attimo ho capito che le porte per quel mondo sono tante, variegate, assolutamente imprevedibili. E per un attimo mi sono commossa.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati