Changing Society, Generalità, varie -  Redazione P&D - 2017-05-26

Il contadino del tempo fradicio di Jónas Hallgrímsson - Maria Beatrice Maranò

Nell"almanacco di oggi, onorando la memoria di poeti non solo italiani, ci piace ricordare  Jónas Hallgrímsson, scomparso a Copenaghen, il 26 maggio 1846.

E" stato un poeta islandese, considerato uno dei padri fondatori del Romanticismo in Islanda. Tema ricorrente nelle sue poesie fu la descrizione del paesaggio islandese. Le condizioni economiche erano difficili in Islanda durante i primi anni della sua vita (a causa delle ostilità tra Danimarca e Inghilterra, nel periodo delle guerre napoleoniche), ma anche perché le condizioni meteorologiche in Islanda rendevano il lavoro della terra duro e difficile. E" noto  per aver introdotto nella poesia islandese metri stranieri, come il pentametro e per aver rivoluzionato lo stile del tradizionale poema epico islandese che prevedeva metri e frasi stereotipati. Cercò di purificare il tradizionale linguaggio della  poesia islandese come in Italia ed in Inghilterra avevano fatto, con l" italiano e con  l'inglese,  Manzoni nel romanzo ed Wordswoeth, nella poesia.  Molte sue composizioni, furono in seguito messe in musica e sono oggi considerati canti tradizionali islandesi. All'attività di poeta affiancò una lunga opera di traduzione e adattamento di opere straniere in islandese, in particolare di Heinrich Heine e Hans Christian Andersen, autori da lui molto apprezzati. Nella poesia scelta il climax tragicomico mucca-moglie-cristianità mette in luce un dato fondamentale per comprendere il legame viscerale, corporeo, tra gli Islandesi e la natura: in un paese agricolo che ogni giorno doveva affrontare le crudeltà imprevedibili della natura, la fede cristiana, sebbene ufficiale, sembra un lusso fuori posto. Ad un  contadino disperato per la mancanza di sole, che interesse può avere per le pene di un presunto aldilà se deve prima combattere con quelle più imminenti e apocalittiche della natura?

Dea della pioggerella

che guidi i tuoi

carri di nebbia

lungo i miei campi!

Mandami un po" di sole

e sacrificherò

la mia mucca, mia moglie

la mia cristianità!

Aurora, Dea della Luce

l"ombra del monte ricalca la tua forma.

M"inginocchio

mi riempio la bocca di neve

nel modo in cui si scioglie

vorrei sciogliermi anch"io

dentro di te.(Jónas Hallgrímsson) ....Il contadino del tempo fradicio



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati