Articoli, saggi, Generalità, varie -  Pant√® Maria Rosa - 2014-02-14

IL POTERE DELLA POESIA – Maria Rosa PANTÉ

Ovidio. Morto in esilio. Impero Romano.

Andrea Chenier. Morto ghigliottinato. Francia (Rivoluzione francese)

Ugo Foscolo. Morto in esilio. Impero austroungarico.

Federico Garcia Lorca. Morto per fucilazione. Spagna franchista.

Josip Brodskj. Morto in esilio. URSS

Marina Cvetaeva. Morta in esilio. Suicida. Russia

Osip Mandel'stam. Morto in un gulag. URSS

Victor Jara. Torturato e ucciso nello stadio di Santiago del Cile. Dittatura di Pinochet

Din Mehmeti. Ucciso dalle forse paramilitari serbe. Kosovo.

Zhu Yufu. Incarcerato. Cina.

Nadia Anjuman. Uccisa a botte dal marito per aver declamato in pubblico le sue poesie. Afghanistan

Hashem Shabani. Torturato e ucciso per impiccagione. Iran. 2014.

In ordine cronologico. Sparsi per il mondo. Uomini e donne. Tutti diversi. Vecchi e giovani. Varie professioni.

Tutti poeti.

Perché la poesia è la voce libera che fa paura. Potere della poesia.

I poeti creature sventurate, perché dalla poesia non si guarisce, piuttosto che tacere meglio la morte.

I poeti creature elette voce di chi non ha voce. Voce profetica dell'anima.

Così ha scritto nel carcere prima di essere impiccato il giovane poeta iraniano:

"Sette Motivi Per Cui Dovrei Morire": «Per sette giorni mi hanno urlato: sta facendo la guerra ad Allah, sei un arabo, sei di Ahwaz. Prendi in giro la sacra rivoluzione. Sei un uomo, non è abbastanza per morire?».

Sei un poeta, non è abbastanza per morire?



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati