Changing Society, Generalità, varie -  Redazione P&D - 2017-04-24

Il testimone di Tadeusz Rozewich - Maria Beatrice Maranò

L"almanacco di oggi ci ricorda la scomparsa dello scrittore polacco Tadeusz Rozewich nato in Polonia, a Radomsko, cittadina non lontana da Częstochowa, e  spentosi il 24 aprile 2014 a Breslavia, all"età di 92 anni.

Poeta dell"inquietudine dell"uomo scampato alle atrocità della guerra, ma anche drammaturgo e narratore, Rozewicz seppe esprimere nelle liriche, che hanno fatto di lui uno dei massimi poeti polacchi del Novecento, la tragedia degli anni dell"occupazione nazista in forme che hanno largamente influenzato la poesia del secondo dopoguerra. Si è poi via via liberato dall"angosciosa esperienza della sua generazione pervenendo a una poesia di profondo impegno morale, che trova espressione in uno stile disadorno e aperto al linguaggio colloquiale. Amico di Wislawa Szymborska, il suo nome è stato spesso menzionato fra i possibili vincitori del Premio Nobel per la Letteratura.

Tu sai che ci sono

ma non entrare all"improvviso

nella mia stanza

potresti vedermi

tacere

su un foglio bianco

E" mai possibile scrivere

sull"amore

sentendo le grida

degli ammazzati e dei disonorati

è mai possibile scrivere

sulla morte

guardando le faccine

dei bambini

Non entrare all"improvviso

nella mia stanza

Vedrai un muto

e confuso

testimone dell"amore

l"amore vinto dalla morte(Tadeusz Rozewich)....Il testimone



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati