Legislazione e Giurisprudenza, Conciliazione -  Cuzzola Paolo Fortunato - 2015-10-14

IN MANCANZA DI MEDIAZIONE E' IMPROCEDIBILE IL GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE - Trib. Chieti 08.09.2015 - di Paolo F. Cuzzola

Sono due le scuole di pensiero in merito alle conseguenze del mancato esperimento della mediazione obbligatoria nell'ambito di un giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo. Una parte, se pur minima, dei Tribunali di merito della penisola, ritiene che nel caso in cui la parte opponente non ottemperi all'obbligo di attivare la procedura mediativa, il relativo giudizio diventa improcedibile e tale improcedibilità andrà a travolgere il decreto ingiuntivo, costringendo il creditore a ricorrere nuovamente al giudice. La gran parte dei Tribunali, invece, si accoda al filone interpretativo del Tribunale di Firenze (30 ottobre 2014) che, a sua volta, è stato recentemente richiamato in una interessante pronuncia dal Tribunale di Chieti l'8 settembre 2015; il giudicante, infatti, nell'esaminare una controversia in materia bancaria afferma che l'immediata conseguenza alla mancata attivazione della procedura di mediazione obbligatoria da  parte di chi si oppone ad un decreto ingiuntivo, è la improcedibilità del giudizio nonché decadenza assoluta della domanda, quindi definitività del decreto ingiuntivo stesso.

Così scrive il Tribunale di Chieti: "non può esserci dubbio, a parere dello scrivente, in ordine alla affermazione che l'interesse concreto alla presentazione della istanza di mediazione debba essere individuato in capo alla parte opponente, quale parte appunto "interessata" ad evitare il prospettabile "passaggio in giudicato" dell'opposto decreto nell'ipotesi, in ogni caso, di mancato avveramento della condizione".

Alla tesi abbracciata con tale sentenza lo stesso giudice aggiunge un corollario, per cui sancisce: "così come per i procedimenti di appello, la locuzione "improcedibilità della domanda giudiziale" debba interpretarsi alla stregua di improcedibilità/estinzione dell'opposizione (o dell'impugnazione in caso di appello)" e non, quindi, come improcedibilità della domanda monitoria scaturente dal provvedimento ingiuntivo.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati