Legislazione e Giurisprudenza, Obbligazioni, contratti -  Redazione P&D - 2014-02-18

INDENNITÀ DI CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA - Trib. R.Emilia n. 236/14 - G.MORLINI

Si riporta, su segnalazione del Giudice Dott. Morlini del Tribunale di Reggio Emilia, una sentenza interessante in tema di calcolo dell"indennità di cessazione del rapporto, nel contratto di agenzia.

Si tratta di Trib. Reggio Emilia, Giud. Morlini, sentenza n.236/2014, motivazione e dispositivo in pari data 1172/2014.

Di seguito la massima e, in allegato, il testo della sentenza.

Contratto di agenzia - indennità di cessazione del rapporto ex art. 1751 c.c. – pattuizione di un compenso contrattualmente determinato secondo l"AEC - necessità che tale compenso sia non inferiore a quanto spettante ex art. 1751 c.c. – sussiste.

Artt. 1751 c.c.

"In tema di cessazione del rapporto di agenzia, l"articolo 17 della direttiva n. 86/653/CEE, relativa al coordinamento dei diritti degli Stati membri concernenti gli agenti commerciali indipendenti, deve essere interpretato, alla luce della relativa decisione della Corte di giustizia delle Comunità Europee del 23 marzo 2006, c-465/04, nel senso che l"indennità di cessazione del rapporto prevista dalla citata direttiva non può essere sostituita da un"indennità contrattualmente determinata secondo criteri diversi, a meno che quest"ultima non assicuri all"agente un trattamento più favorevole, dovendosi, in difetto, riconoscere la differenza necessaria per ricondurla ad equità, tramite la complessiva corresponsione di quanto comunque spettante sulla base della previsione di cui all"art. 1751 c.c."



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati