Legislazione e Giurisprudenza, Obbligazioni, contratti -  Bernicchi Francesco Maria - 2015-04-02

INTERESSE AD AGIRE DEI LEGITTIMARI ANTE MORTE DEL DISPONENTE - Trib. Cagliari 5/2014 - F.M. BERNICCHI

Si prende in esame una sentenza del Tribunale di Cagliari, gentilmente messa a disposizione per il commento dalla Dott.ssa Maria Grazia Cabitza, Giudice del medesimo Tribunale, relativa al tema della simulazione e interesse ad agire dei legittimari ante morte del disponente.

Il fatto, in breve: Mario Caio conveniva in giudizio Enrico e Salvatore Caio chiarendo, a fondamento della propria domanda che, con rogito dell"8 gennaio 2007, Salvatore Caio, padre dell"attore, aveva trasferito a due dei tre figli (Enrico e Mario), nella misura della metà per ciascuno, la nuda proprietà di un immobile sito in XXX. Pochi mesi dopo, tuttavia, ne aveva domandato la retrocessione, in quanto uno dei tre figli (Gilberto) era risultato estromesso dall"atto dispositivo.

Riacquistata la piena proprietà dell"immobile, il 2 aprile 2009, Salvatore Caio (all"epoca ottantaseienne) ne aveva trasferito al solo figlio Enrico la nuda proprietà, a fronte del suo mantenimento fino alla propria morte.

Con lettera del 2 marzo 2011, l"attore, ritenendosi leso nei propri (futuri) diritti di legittimario, aveva invitato il padre Salvatore a revocare il trasferimento in favore del fratello Enrico.

Tale invito era stato respinto con lettera del 15 marzo 2011.

Tanto premesso, l"attore ha concluso chiedendo, in via principale, che fosse accertata e dichiarata la nullità del contratto stipulato il 2 aprile 2009, ovvero, in via subordinata, che fosse accertata e dichiarata la simulazione, dissimulando detto contratto una donazione.

Il Tribunale di Cagliari disattende le pretese attore dichiarando la carenza di legittimazione ad agire dell"attore medesimo ex art. 100 c.p.c.

E" pur vero, infatti, che la nullità del contratto ha legittimazione ad agire "generale", ma per insegnamento costante della giurisprudenza di legittimità "la legittimazione generale all"azione di nullità prevista dall"art. 1421 cod. civ. (…) non esime il soggetto che propone detta azione dal provare, in concreto, la sussistenza di un proprio interesse ad agire, secondo le norme generali e con riferimento all"art. 100 cod. proc. civ., attraverso la dimostrazione della necessità di ricorrere al giudice per evitare una lesione attuale del proprio diritto ed il conseguente danno alla propria sfera giuridica. Il requisito dell"attualità della lesione implica che non si può esperire l"indicata azione a tutela di un interesse futuro (salvo che vi siano modi di attuazione della legge con cui si possa assicurare attualmente il conseguimento futuro di un bene giuridico) e che l"interesse ad agire deve sorgere dalla necessità di ottenere dal processo la protezione sostanziale per cui s"intende promuovere l"azione" (Cass. del 9 marzo 1982, n. 1475; Cass. n. 338 dell"11 gennaio 2001; Cass. n. 5420 del 5 aprile 2002).

Nel caso concreto, l"interesse dell"attore non è sussistente perchè giova ricordare che i figli non vantano alcun diritto attuale sul patrimonio dei propri genitori, i quali, conformemente ai principi generali che governano l"autonomia privata, finché in vita, sono liberi di disporre dei propri beni come ritengano più opportuno, con atti inter vivos e a causa di morte.

I legittimari che paventino una lesione dell"integrità della propria quota di legittima potranno esperire tutti i rimedi messi a loro disposizione dall"ordinamento dopo l"apertura della successione del disponente, non potendo vantare, antecedentemente alla morte del loro autore, alcun diritto attuale sui beni dello stesso. Essi, pertanto, non potranno essere considerati legittimati ad agire per far dichiarare nulli gli atti di disposizione del patrimonio sino a quando il disponente sia ancora in vita.

Stesso principio vale anche per la domanda subordinata relativa alla all"accertamento della simulazione di contratti potenzialmente lesivi dei diritti di quei soggetti che, in seguito all"apertura della successione, avrebbero acquistato la qualifica di legittimari.

In più occasioni, infatti, la Suprema Corte aveva negato la legittimazione del figlio a far valere la simulazione di una compravendita intercorsa tra il genitore, ancora in vita, ed un altro figlio, precisando che, a norma del secondo comma dell"art. 1415 cod. civ., i terzi possono far valere la simulazione nei confronti delle parti solo quando essa pregiudichi, in maniera concreta ed attuale, i loro diritti. Pertanto, poiché al figlio non spetta alcun diritto sul patrimonio del genitore prima della morte di quest"ultimo e dell"accettazione dell"eredità relitta, neppure in quanto (futuro) legittimario – data la non configurabilità di una lesione di legittima in ordine ad un patrimonio non ancora relitto –, doveva necessariamente escludersi ogni legittimazione in capo al figlio che avesse voluto far valere la simulazione di un atto dispositivo posto in essere dal genitore, esercitando la relativa azione prima della morte del disponente, non essendo ancora configurabile un pregiudizio giuridicamente rilevante in relazione a facoltà e diritti per il cui acquisto è presupposto indispensabile, come già detto, l"apertura della successione e l"accettazione della eredità relitta, eventi non ancora verificatisi (Cass. civ., 23 marzo 1987, n. 2968).

Il Giudice, tuttavia, argomentando con precisione, ritiene necessario vagliare la compatibilità dei principi appena richiamati con il nuovo quadro normativo risultante in seguito alla modifica dell"art. 563 cod. civ., intervenuta ad opera della legge 14 maggio 2005, n. 80.

La norma di cui al quarto comma del citato articolo consente al coniuge e ai parenti in linea retta del donante di ottenere la sospensione del termine ventennale che determina la stabilizzazione dell"acquisto in capo al donatario e ai terzi ai quali il bene sia stato eventualmente trasferito (art. 563, comma 1, cod. civ.), attraverso la notificazione e la trascrizione, nei confronti del donatario e dei suoi aventi causa, di un atto stragiudiziale di opposizione alla donazione.

Atteso il puntuale disposto della norma, che fa esplicito riferimento alla sola donazione, secondo la prevalente interpretazione dottrinale la trascrizione dell"atto stragiudiziale di opposizione non sarebbe ammissibile ove l"alienazione del bene sia avvenuta in forza di contratti nominalmente diversi, quand"anche dissimulanti una donazione.

Ne consegue che in siffatte ipotesi, benché l"atto dispositivo consista, sostanzialmente, in una donazione, il coniuge e i parenti in linea retta del disponente, non potendo trascrivere alcun atto oppositivo, corrono il rischio di rimanere pregiudicati in conseguenza dell"impossibilità di beneficiare della sospensione del termine di cui al primo comma dell"art. 563 cod. civ..

Si pone, allora, il problema di stabilire se il mutato panorama normativo consenta, al fine di assicurare una efficace tutela dei legittimari anche in ipotesi di donazioni dissimulate o indirette, di ritenere esperibile l"azione di simulazione da parte del coniuge e dei parenti in linea retta del disponente anche prima dell"apertura della successione, in tal modo consentendo anche in queste ipotesi, una volta accertato giudizialmente l"atto di donazione dissimulato, di poter procedere alla notifica e alla trascrizione dell"atto di opposizione di cui all"ultimo comma dell"art. 563 cod. civ..

Attesa l"impossibilità di trascrivere l"atto di opposizione di cui alla citata disposizione in relazione ad atti negoziali formalmente diversi dalla donazione, anche qualora detti atti dissimulino una donazione o si sostanzino in una donazione indiretta, è, infatti, evidente che, ove sia stato stipulato un contratto oneroso dissimulante una donazione, l"unica possibilità di beneficiare dello strumento di tutela previsto dall"ultimo comma dell"art. 563 cod. civ. presuppone necessariamente il previo accertamento giudiziale della simulazione e della donazione dissimulata dal formale negozio traslativo a titolo oneroso stipulato dal disponente.

Benché coniuge e parenti in linea retta del disponente non vantino alcun diritto attuale sui beni di quest"ultimo ove lo stesso sia ancora in vita, nondimeno è innegabile che il quarto comma dell"art. 563 cod. civ. attribuisca agli stessi una specifica facoltà strumentale ad assicurare piena e concreta tutela, in via anticipata e cautelare, ai diritti di cui i legittimari diventeranno titolari al momento dell"apertura della successione.

La trascrizione dell"atto stragiudiziale di opposizione prevista dalla norma in questione, infatti, attraverso la sospensione del termine teso alla stabilizzazione dell"acquisto in capo al donatario, rende possibile il recupero effettivo del bene in sede successoria, consentendo ai destinatari della norma di tutelare in modo effettivo le proprie ragioni di (futuri) legittimari.

Tanto premesso, ritiene questo giudice che, proprio il riconoscimento del diritto di procedere alla trascrizione dell"atto di opposizione solo in relazione ai negozi giuridici formalmente qualificabili quali donazioni, consente di includere i futuri legittimari nella categoria dei soggetti che, seppur terzi rispetto all"atto simulato, sono legittimati a far valere la simulazione in confronto delle parti qualora deducano, a fondamento della domanda, che l"atto simulato, dissimulando un atto di donazione, pregiudica in maniera attuale le loro ragioni (art. 1415, comma secondo, cod. civ.) poiché impedisce loro di avvalersi del peculiare strumento di tutela introdotto dal legislatore con la novella del 2005.

In altre parole, sostenere che i (futuri) legittimari, prima della morte del disponente, siano privi di legittimazione ad agire per l"accertamento giudiziale della simulazione dell"atto di disposizione che dissimuli una donazione, nonostante il mutato quadro normativo appena richiamato, si risolverebbe in una ingiustificata disparità di trattamento di situazioni sostanzialmente identiche, diversificate unicamente in ragione della qualificazione formale del negozio giuridico concretamente utilizzato per il perseguimento del medesimo assetto di interessi.

Aderendo alla tesi contraria, e, dunque, escludendo che il coniuge e i parenti in linea retta del disponente possano esercitare l"azione di simulazione prima dell"apertura della successione anche quando detta azione sia volta ad accertare una donazione dissimulata, esporrebbe tali soggetti, pur in assenza di valide ragioni in contrario, a subire un sicuro pregiudizio tutte le volte in cui, pur esperita vittoriosamente l"azione di simulazione dopo l"apertura della successione, per non aver potuto beneficiare dello strumento apprestato della disposizione in commento, sia ormai decorso il termine di vent"anni necessario alla stabilizzazione dell"acquisto in capo al donatario e ai terzi a cui il bene nel frattempo sia stato alienato.

Non senza considerare, inoltre, che ove una tale soluzione restrittiva fosse accolta, il sistema si presterebbe alla realizzazione di facili abusi, in quanto sarebbe sufficiente porre in essere un contratto simulato formalmente oneroso, ma in realtà dissimulante una donazione, per eludere la legge.

La soluzione interpretativa che riconosce in capo ai soggetti indicati dal quarto comma dell"art. 563 cod. civ., la legittimazione a esercitare l"azione di simulazione anche prima dell"apertura della successione nel caso in cui si deduca la dissimulazione di una atto di donazione, appare, quindi, più idonea ad assicurare in tutti i casi l"attuazione della ratio sottesa alla modifica dell"art. 563 cod. civ. non solo in funzione di effettiva tutela per i soggetti specificamente indicati dalla disposizione in esame, ma anche in relazione a profili di portata più generale, perseguendo la norma, in definitiva, anche la finalità di garantire la sicurezza dei traffici giuridici.

In conclusione, poiché solo l"accertamento giudiziale della simulazione del negozio giuridico formalmente oneroso, ma sostanzialmente dissimulante una donazione, compiuto in epoca anteriore all"apertura della successione consente ai soggetti indicati dal quarto comma dell"art. 563 cod. civ. di avvalersi dello strumento apprestato dalla norma introdotta con la novella del 2005 (espressamente riconosciuto unicamente in relazione ai negozi qualificabili quali donazioni), rimanendo altrimenti esposti al pericolo di vedere irreparabilmente pregiudicate le proprie (future) ragioni di legittimari, ritiene questo giudice che debba essere riconosciuta agli stessi la legittimazione ad esperire l"azione di simulazione anche prima della morte del disponente, quando a fondamento della stessa essi deducano che l"atto simulato dissimula, in realtà, una donazione (potenzialmente) lesiva delle loro (future) ragioni quali chiamati alla eredità a titolo di legittimari, come è accaduto nel caso in esame.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati