Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

Interessi protetti

13/05/17

Ancora sulla omessa registrazione del contratto di locazione: nullità insanabile? (Cass.10498/17).- Arseni Antonio

La mancata registrazione del contratto di locazione, che può essere anche effettuata attraverso una copia dello stesso purchè non non ne sia contestata la conformità all'originale, determina una nullità atipica suscettibile di sanatoria ex tunc, attraverso il tardivo adempimento fiscale.

Recita l'art. 1 comma 4 L. 311/2004, che i contratti di locazione (....) sono nulli se, ricorrendone i presupposti, non sono registrati.

Nonostante la semplicità della disposizione normativa si è sviluppato un articolato d ...

leggi tutto ›
 

12/05/17

Rapporti di vicinato e condominio: la pulizia delle scale - Riccardo Mazzon

Il legislatore, con la legge n. 220 dell'11 dicembre 2012, ha lasciato inalterati i criteri di ripartizione dei costi di gestione previsti dal codice civile, omettendo qualsiasi sostanziale intervento riformatore, o anche solo di correzione/integrazione.

Infatti, di tutti gli articoli interessati, solo l'art. 1124 del codice civile viene fatto oggetto dell'intervento di riforma, in pratica confermativo delle conclusioni di pacifica giurisprudenza: in particolare, risulta inserito in tale ultima norma il richiamo all'impianto di ascensore le cui sp ...

leggi tutto ›
 

11/05/17

"Bed and Breakfast: il vincolo condominiale è servitu" - Trib. Roma 727/16 e Cass. 21024/17 - Donatella Marino

 

Il divieto di attività di Bed and Breakfast costituisce servitù atipica reciproca

Va indicato specificamente nel regolamento condominiale e trascritto nei registri

Il Tribunale di Roma si allinea con l'ultimo orientamento della Cassazione

 

Deve essere annullata la delibera assembleare in cui si intima a un condomino di por fine all'attività di Bed and Breakfast in assenza di specifico vincolo del regolamento condominiale debitamente trascritto nei ...

leggi tutto ›
 

11/05/17

Diritti umani e giustizia sportiva: “l’eccezionalità” fa giurisprudenza? Sara Rigazio

 

 

“Un’ispirazione per tutti noi qui all’Ufficio ONU per i diritti umani”: così si è espresso l’Alto Commissario Zeid Ra’ ad al –Hussein a proposito del triste episodio verificatosi domenica 30 aprile durante la partita Cagliari- Pescara.

Nel corso dell’incontro, infatti, a seguito di un diverbio con l’arbitro – reo di non essere intervenuto mentre alcuni tifosi della squadra avversaria intonavano cori razzisti – Sulley Muntari, giocatore ghanese del Pescara, dapprima ammonito, ha successivamente abbandonato il campo per protesta incorrendo, dunque, nella doppia am ...

leggi tutto ›
 

11/05/17

Rapporti di vicinato: macchinari per i quali può sorgere pericolo di danni e distanze disposte dai regolamenti - Riccardo Mazzon

Chi voglia impiantare presso il confine macchinari per i quali può sorgere pericolo di danni, deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, quelle necessarie a preservare i fondi vicini da ogni danno alla solidità, salubrità e sicurezza.

Premesso che

"il calcolo delle distanze minime che le industrie insalubri (nella specie, una porcilaia) devono mantenere nei confronti delle abitazioni va effettuato dal confine del fabbricato industriale, e non da quello del terreno circostante adibit ...

leggi tutto ›
 

11/05/17

Claims made: nulla la clausola che esclude l’indennizzo con richiesta danni post scadenza del contratto - Cass. Civ. 10506/2017 C. Nicoletti

La Cassazione chiarisce la portata del requisito della meritevolezza delle clausole claims made

*******

Il fatto in breve: un paziente conveniva in giudizio una azienda ospedaliera per ottenere il risarcimento dei danni subiti a seguito di un intervento chirurgico di cui lamentava l’imperita esecuzione.

La struttura sanitaria citata, oltre a chiedere il rigetto della domanda nel merito, chiamava in causa la propria assicurazione con la quale aveva stipulato una polizza a copertura della responsabilità civile.

L’assicurazione si costituiva in giudizio sostenendo di non ess ...

leggi tutto ›
 

10/05/17

BUONI POSTALI: i rimborsi contestati e le ultime novità giurisprudenziali - Chiara Parzianello

BUONI POSTALI: i rimborsi contestati e le ultime novità giurisprudenziali

 E' oramai nota l'ampia contestazione che da oltre una decina d'anni coinvolge i possessori di Buoni Fruttiferi Postali (per brevità BFP) che, recatisi agli sportelli delle filiali onde ottenere il rimborso della somma investita e dei promessi interessi, si sono visti liquidare importi nettamente inferiori alle aspettative fondate, com'è evidente, su quanto riportato a tergo dei documenti medesimi. E' altrettanto noto, peraltro, come la giurisprudenza stia sempre di ...

leggi tutto ›
 

08/05/17

Rapporti di vicinato: l’autorizzazione all’apertura di una veduta a distanza inferiore di quella legale - Riccardo Mazzon

Premesso che la distanza prevista dall’articolo 905 del codice civile dev’essere rispettata anche se la vista è limitata da un muro cieco posto sul fondo del vicino, l’autorizzazione all’apertura di una veduta, a distanza inferiore di quella legale, costituisce diritto di servitù.

La distanza prevista dall’articolo 905 del codice civile dev’essere rispettata anche se la vista è limitata da un muro cieco posto sul fondo del vicino:

"la norma dell'art. 905 c.c. la quale vieta l'apertura di vedute di ...

leggi tutto ›
 

06/05/17

Rapporti di vicinato e condomino: sopraelevare non significa attrarre il tetto nell'uso escusivo del singolo - Riccardo Mazzon

Quanto alla responsabilità derivante dall'attrarre il tetto nel proprio esclusivo dominio, sottraendolo alla destinazione comune, essa non va confusa con la sopraelevazione, consentita ex articolo 1127 del codice civile.

Non si deve confondere la sopraelevazione, consentita ex articolo 1127 del codice civile, con eventuali opere di trasformazione del tetto che, per le loro caratteristiche strutturali, siano idonee ad attrarre il bene comune nell'uso esclusivo del singolo condomino, sottraendolo alla sua destinazione favorevole agli altri condomi ...

leggi tutto ›
 

05/05/17

La nullità del contratto di locazione per mancata registrazione. Effetti. Occupazione abusiva e risarcimento danni (Cass.25503/2016).- Antonio Arseni

Il contratto di locazione non registrato è radicalmente nullo, come tale insuscettibile di sanatoria. Non producendo effetti, il conduttore avrebbe diritto alla restituzione dei canoni corrisposti mentre il locatore ad una equa indennità dovuta in ragione di una occupazione di fatto dell'immobile che, in mancanza di titolo giustificativo, si atteggia in modo del tutto abusivo.

Il contratto di locazione è stato oggetto, nell'ultimo ventennio, di plurimi interventi normativi che hanno suscitato non poche dispute in dottrina e giurisprudenza: tra q ...

leggi tutto ›
 

03/05/17

Successioni ed eredità: decadenza dal beneficio d’inventario prevista per minori, interdetti ed inabilitati - Riccardo Mazzon

La decadenza del beneficio d'inventario, conseguente alla mancata osservanza, da parte del chiamato nel possesso dei beni ereditari, delle disposizioni dettate dall'art. 485 c.c., non può trovare applicazione nella ipotesi in cui il successibile sia un minore, posto che la sua decadenza dal beneficio può avvenire solo in applicazione della normativa di cui all'art. 489 c.c..

Nel quadro di quest'ultima disciplina, la verificazione di siffatta decadenza va senz'altro esclusa tutte le volte che l'accettazione beneficiata e l'inventario siano ...

leggi tutto ›
 

26/04/17

Condominio: l'obbligo di manutenzione, ricostruzione o sostituzione delle scale - Riccardo Mazzon

Quali sono i dettami previsti dal codice civile quanto al riconoscimento delle responsabilità connesse all'obbligo di manutenzione, ricostruzione o sostituzione delle scale? La risposta è recuperabile direttamente dagli articoli 1123 e 1124 del codice predetto.

Le scale sono mantenute, ricostruite o sostituite dai proprietari dei diversi piani a cui servono.

La spesa relativa è ripartita tra essi:

  • per metà, in ragione del valore dei singoli piani o porzioni di pian ...
leggi tutto ›
 

19/04/17

Responsabilità precontrattuale: la conoscenza delle cause d'invalidità del contratto - Riccardo Mazzon

La parte che, recita l’articolo 1338 c.c., conoscendo o dovendo conoscere l'esistenza di una causa d'invalidità del contratto, non ne abbia dato notizia all'altra parte, è tenuta a risarcire il danno da questa risentito per avere confidato, senza sua colpa, nella validità del contratto medesimo; ed, in effetti, la responsabilità c.d. precontrattuale trova il suo paradigma normativo - non solo nell’articolo 1337 c.c. ma – anche nell’art. 1338 c.c., identificandosi come istituto che tende a tutelare la libertà negoziale della parte, mettendola sì al sicuro da coartazioni od inganni inciden ...

leggi tutto ›
 

19/04/17

Rapporti di vicinato: distanze e macchinari per i quali può sorgere pericolo di danni - Riccardo Mazzon

Accertato un pericolo per la solidità, la salubrità e la sicurezza dei fondi vicini, a prescindere da qualsiasi pericolo di danno all'incolumità delle persone, derivante dall'impianto di macchinari pericolosi, riguardati con riferimento al loro normale funzionamento secondo la destinazione loro propria, a nulla rileva la loro struttura statica.

La regola secondo cui vanno osservate le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, quelle necessarie a preservare i fondi vicini da ogni danno alla solidità, salubrità e sicurezza, vale anche ...

leggi tutto ›
 

19/04/17

Sul patto di determinazione della misura del canone "a scaletta" nelle locazioni commerciali (Cass. 22909/16 e 6474/17).-Antonio Arseni

Sono valide le clausole apposte nei contatti di locazione di immobili ad uso commerciale, con cui si prevede di aumentare progressivamente il canone di locazione fino a giungere al corrispettivo pattuito ( c.d. aumenti a  scaletta) , purchè fissate alla firma del contratto e sulla base di elementi oggettivi e predeterminati tali da far escludere l’intento elusivo di una norma imperativa di legge (art.32 L.392/1978), la cui violazione, ai fini della nullità del patto, va allegata e dimostrata da chi intende avvalersene.

 

leggi tutto ›

 

13/04/17

Distanze, confini e vedute: l'importanza del parapetto eccessivamente basso - Riccardo Mazzon

Inidoneità, in terrazzi, balconi et similia, del parapetto eccessivamente basso a consentire la configurazione di veduta: al fine di configurare la veduta di terrazze, lastrici solari e simili, è necessario infatti che queste opere, oggettivamente considerate, abbiano quale destinazione normale e permanente, anche se non esclusiva, quella di rendere possibile l'affacciarsi sull'altrui fondo vicino.

Così, qualora terrazzi, balconi et similia risultino corredati da parapetti eccessivamente bassi,

"secondo l'uso ...

leggi tutto ›
 

11/04/17

La prova scritta del patto sul compenso tra avvocato e cliente - Trib. Bologna n. 14315/16 - Simone Rinaldini

MATERIA: Diritto civile

PAROLE CHIAVE: compenso Avvocato, prova documentale accordo sul compenso, patto concluso tra Avvocato e Cliente, art. 2233 c.c., procedimento sommario di cognizione, art. 702 bis c.p.c.

LA PROVA SCRITTA DEL PATTO SUL COMPENSO TRA AVVOCATO E CLIENTE

“Appare evidente come in tale dichiarazione stragiudiziale la parte ricorrente abbia espressamente ...

leggi tutto ›
 

10/04/17

Condominio: significato di “sopraelevazione” ex articolo 1127 del codice civile - Riccardo Mazzon

Secondo recente giurisprudenza, è ravvisabile la sopraelevazione - di cui all'articolo 1127 del codice civile - solo in presenza di un intervento edificatorio che comporti lo spostamento in alto della copertura del fabbricato, tetto o lastrico solare che sia, in modo da interessare la colonna d'aria sovrastante lo stabile.

Deriva, da quanto precede, per esempio, che qualora le opere realizzate dal proprietario dell'ultimo piano siano contenute nei limiti del preesistente sottotetto (trasformato, nella specie, in terrazza), correttamente il giudice ...

leggi tutto ›
 

10/04/17

Eredità e beneficio d'inventario: quando il chiamato non è nel possesso dei beni ereditari - Riccardo Mazzon

Durante i termini stabiliti dalla legge o dal giudice  per fare l'inventario e per deliberare, il chiamato all’eredità che sia in possesso dei beni ereditari,  oltre che esercitare i poteri indicati nell'articolo 460 c.c., può stare in giudizio come convenuto per rappresentare l'eredità; invece, il chiamato all'eredità che non è nel possesso di beni ereditari può accettare col beneficio di inventario fino a che il diritto di accettare non è prescritto.

Quanto al chiamato all'eredità che non sia nel possesso di beni ereditari, eg ...

leggi tutto ›
 

02/04/17

Mi viene voglia di riflettere, quindi scrivo - Francesca Sassano

Appare incredibile, oggi, leggere nella nostra società come l'involuzione della cultura, determini la follia della reazione. La difesa è un diritto ma questo messaggio non è più compreso dalla folla. Mi spiego: ormai il processo non interessa più a nessuno. Non è certo un controsenso rispetto al proliferare degli spettacoli che in tutte le ore, con diverse visuali, prendono spunto da esso.

Il processo è stato proprio per questo dissacrato ed ha perso la sua identità. Non serve nella sua funzione reale perchè è sostituito dal virtua ...

leggi tutto ›
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Cosa stai cercando?

Inserisci una parola per cercare i risultati che ti interessano.

Iscriviti per il 2016 a

iscriviti-persona-e-danno

 

Diventa un nostro associato

iscriviti ora 

Archivio

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity
exsigma