Legislazione e Giurisprudenza, Separazione, divorzio -  Mazzotta Valeria - 2013-10-18

IRRIPETIBILITA' DELL'ASSEGNO PAGATO IN FORZA DEI PROVV.TI PRESIDENZIALI - Cass. Civ. 23441/2013 - V.MAZZOTTA

Non sono ripetibili le somme corrisposte a titolo di mantenimento in esecuzione dei provvedimenti presidenziali nel caso in cui l"assegno venga escluso o diminuito a seguito di pronuncia passata in giudicato.

La Cassazione con la sentenza 23441 del 16 ottobre 2013 conferma il proprio orientamento in materia.

Nel caso di specie il Tribunale aveva pronunciato la separazione con addebito a carico del marito, condannato a pagare 500 euro per il mantenimento dei figli. In sede di gravame l"addebito veniva revocato e l"assegno confermato; successivamente la Cassazione accoglieva il ricorso in relazione all"omessa pronuncia sulla domanda di restituzione delle somme percepite dalla moglie in dipendenza dell"accertamento del requisito della convivenza dei figli con il coniuge beneficiario dell"assegno.

La Corte d"Appello, appurato che la convivenza della madre con i figli era venuta meno da tempo, revocava l"assegno ma rigettava la richiesta di restituzione di quanto già versato a tale titolo, sul presupposto che le somme corrisposte in esecuzione dei provvedimenti presidenziali non sono ripetibili.

Gli Ermellini confermano la sentenza di merito, conforme alla giurisprudenza consolidata, ritenendo infondata anche la richiesta di condanna dell"ex moglie per responsabilità aggravata ex art. 96 Cpc., avendo celato la circostanza della cessazione della convivenza con la prole.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati