Changing Society, Opinioni, ricerche -  Mottola Maria Rita - 2013-11-22

JOHN FITZGERALD KENNEDY IRLANDESE E CATTOLICO – Maria Rita MOTTOLA

Qualche giorno fa è stato pubblicato sulle pagine della nostra rivista uno stralcio dell"ultimo discorso del presidente Kennedy poco prima che morisse ucciso da un killer.

Il discorso secondo molti rappresenta il suo testamento morale ma anche i motivi politici che hanno condotta alla sua uccisione.

Perché vogliamo sottolineare le sue origini? Perché sono fondamentali per comprendere il suo pensiero politico. Egli pone l"interesse dei cittadini al di sopra degli interessi economi e capitalistici. In questo sta la sua rivoluzione. E lo grida forte e chiaro. Dai tetti.

E tale visione dell"economia e della politica trae forza dalla sua fede religiosa che impone di guardare agli ultimi, ridare dignità sempre e comunque all"uomo, tenere in disprezzo il denaro e la distorsione della morale che il denaro genera.

Max Weber sosteneva che il capitalismo ha radici profonde nella fede protestante che fonda la visione del mondo ora nella predestinazione (luteranesimo) ora nella assoluta libertà (calvinismo).

E allora se si è talmente liberi da potersi dare da soli la propria legge morale (Kant) o così vincolati al destino predeterminato da Dio la ricchezza può divenire (e sottolineiamo può) divenire uno scopo di vita (scelta nella libertà) o un modo per riconoscere la compiacenza del Signore sulle proprie opere.

E" vero che molti criticano la teoria weberiana ma oggi la visione del mondo offerta da un Europa essenzialmente sbilanciata verso i paesi del nord, essenzialmente protestanti, induce a una attenta riflessione. Perché la critica di Kennedy al mondo di allora, esattamente 50 anni fa, è critica che si attaglia perfettamente all"Europa di oggi, ove il Pil (meglio il patto di stabilità) diventa il deus ex machina come se avesse vita propria e capacità di imporsi alla nostra esistenza. I politici e gli economisti dimentica che le regole le dettiamo noi e, quindi, si possono cambiare. Ovviamente se non si pensa che essere ricchi significa essere predestinati dal Signore a predominare sugli altri.

P.S. la mia famiglia segue nelle sue vicende stranamente le vicende del mondo. I mie genitori si sposarono tanti anni fa l"11 settembre (assassinio di Allende e attentato alle torri gemelle) e mia figlia si chiama Cecilia festeggiata il 22 novembre.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati