Legislazione e Giurisprudenza, Licenziamento -  Cardani Valentina - 2014-06-15

LA CASSIERA SI DISTRAE... E LA CLIENTE SCAPPA CON LA SPESA. LICENZIATA! - Cass., Sez. Lavoro, 12882/14 – V. CARDANI

La vicenda sottoposta all'attenzione della Suprema Corte nella pronuncia in oggetto riguarda la legittimità del licenziamento intimato ad una lavoratrice che, nello svolgere – occasionalmente - la mansione di cassiera, consentiva ad una cliente del supermercato di uscire dallo stesso senza pagare la spesa.

La lavoratrice aveva contestato il licenziamento rilevando come non si fosse avveduta della circostanza: ed infatti, la cliente, dopo essersi recata alla cassa, procedeva al pagamento mediante POS; tuttavia, il pagamento non si perfezionava, poiché la carta utilizzata era risultata incapiente. La cassiera, priva di esperienza in tale ruolo e non sapendo come gestire la situazione, anziché controllare che la cliente riponesse la spesa, la perdeva di vista così consentendo a questa di uscire senza pagare gli acquisti.

Nei primi due gradi del giudizio, entrambe le Corti di merito avevano giudicato illegittimo il licenziamento, ordinando la reintegra della lavoratrice, e ciò sulla scorta del rilievo che non poteva ascriversi alla stessa alcuna colpa per l'accaduto.

Ed infatti, il mancato pagamento della spesa doveva essere valutato quale mero errore materiale, atteso che la dipendente non era abitualmente adibita alla mansione di cassiera.

Di diverso avviso è invece la Corte di Cassazione: a prescindere dall'attività usualmente svolta dalla lavoratrice, il comportamento minimo esigibile da chi svolga mansioni di cassiera è quello di controllare che la clientela provveda al pagamento della merce acquistata.

Per tale ragione, gli Ermellini hanno ritenuto che il ragionamento svolto nei primi due gradi di giudizio peccasse di superficialità nel valutare la condotta della lavoratrice come mero errore materiale e che pertanto fosse necessario un'ulteriore giudizio nel merito volto ad approfondire l'elemento soggettivo della condotta medesima.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati