Changing Society, Generalità, varie -  Redazione P&D - 2017-05-23

Lalbatro di Henrik Ibsen - Maria Beatrice Maranò

L"almanacco di oggi ci ricorda un drammaturgo e poeta norvegese, Henrik Ibsen, scomparso ad Oslo il 23 maggio 1906.

La sostanza dell'arte ibseniana si esprime nel dissidio tra l'ideale e la realtà, con una continua polemica nei confronti della società e delle sue ipocrisie. Il "cadavere nella stiva" protagonista di una sua poesia è il male, il peccato che si nasconde nelle coscienze e nelle istituzioni, dietro una facciata di normalità e di perbenismo. I suoi versi evidenziano un animo estremamente poetico e sensibile, e contengono amore, dolore, arte, grazia, morte. Magnifico l"elogio alla donna, sacra creatura, pura fonte d"ispirazione per liriche immortali. L'arte di Ibsen soprattutto a livello teatrale è elevatissima nella raffigurazione scenica di un tormento interiore, di un conflitto psicologico, da cui si sprigiona una verità morale alta e coraggiosa, un ideale di affrancamento dalla viltà e dal conformismo. Comprensibile a fondo soltanto se inquadrata nel contesto di una società nordica e luterana alquanto fondata su apparenza e perbenismo. I suoi drammi ,ma anche le sue poesie conservano una innegabile universalità  e rimangono una testimonianza non facilmente eguagliabile di teatro che si sostanzia "di idee". In Ibsen, troviamo la straordinaria figura dell"albatro, poeticamente innalzata fin sulle vette sconfinate del monte Parnaso da Charles Baudelaire.L"albatro, uccello elegante e meraviglioso, quasi trasposizione animale del poeta.

L"albatro vive solamente ai confini della terra:
l"ho saputo da un vecchio marinaio.

Tuffa le sue grandi ali nella schiuma del mare
e scivola sulle onde senza mai attraversarle.

Discende e risale col mare.
Tace quando il tempo è bello, ma grida durante la tempesta.

Come il sogno, è sospeso fra il cielo e l"abisso,
così questo uccello non nuota e non vola.

Più pesante dell"aria e più leggero dell"onda,
uccello poeta, uccello poeta, ecco il tuo destino.

Ma il doloroso è che pei sapienti
queste sono favole di marinaio.( Henrik Ibsen)...L"albatro



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati