Legislazione e Giurisprudenza, Separazione, divorzio -  Mazzotta Valeria - 2014-08-03

L'EX, SEPPURE RICCO, GUADAGNA MENO: DIMINUITO L'ASSEGNO DI DIVORZIO - CASS. ord. 17030/2014

La riduzione della capacità economica del marito, intesa quale reddito e capacità lavorativa, in relazione all"età ed all'intervenuto pensionamento, determina un mutamento delle condizioni di divorzio e dell"assegno relativo.

La Cassazione, con l"ordinanza 17030 del 25 luglio scorso, rigetta il ricorso di una donna contro la decisione della Corte d"Appello che aveva diminuito l"importo dell"assegno divorzile a carico del marito: costui, infatti, seppure proprietario di molti immobili, aveva ridotto nel tempo la propria capacità lavorativa e di produzione di reddito, essendosi ritirato dal lavoro con una pensione di circa 30.000 euro annui. La moglie era invece solo comproprietaria, con l"ex, dell"appartamento in cui viveva con il figlio e percepiva una pensione di 10.000 euro annui di pensione.

Pur sussistendo una disparità di reddito tra le parti, la condizione economica di lui era comunque mutata in peius: tanto basta, secondo la Corte, per rivedere le condizioni del divorzio e diminuire, seppur di poco, l"assegno a carico dell"uomo.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati