Legislazione e Giurisprudenza, Reato -  Gasparre Annalisa - 2014-08-07

LIBERTA' DEL GATTO CONTRO REMISSIONE DI QUERELA - Trib. Torino, GIP, 17.10.2011 - Annalisa GASPARRE

Lo stalking è compatibile con la violenza privata.

Oggetto di ricatto teso a procurare la rimessione della querela già sporta nei confronti dell'imputato è stato un povero gatto che viveva con la persona offesa e alla quale la donna era naturalmente legata.

La volontà della vittima di molteplici delitti (stalking, lesioni, violazione di domicilio) era così coartata dalla violenza perpetrata dall'uomo che, introducendosi nell'appartamento della donna, ne aveva rapito il gatto minacciando di non restituirlo e di ucciderlo.

Naturale per la donan piegarsi al ricatto.

L'uomo è stato condannato dal GIP di Torino Dr. Cristiano Trevisan per tutti i reati e segnatamente per aver realizzato atti persecutori (che avevo portato, tra l'altro, la donna a cambiare più volte dimora), per averle procurato lesioni personali con tre episodi (una volta spingendola e facendola cadere a terra e impattare contro un arredo e un'altra volta gettando all'indirizzo della donna acido contenuto in una bottiglietta e, infine, per averla colpita con uno schiaffo al volto), per aver violato il domicilio scardinado la serratura della porta di ingresso dell'abitazione della vittima, nonostante l'esplicito dissenso della donna che rifiuta di aprire nonostante l'imputato si fosse attaccato al campanello e minacciando di uccidere i gatti della vittima e, infine per violenza privata per aver prospettato alla vittima di fare del male al gatto qualora la donna non avesse rimesso la querela nei suoi confronti (violenza privata tramite minaccia).

L'uomo è stato condannato, a seguito di giudizio immediato, alla pena di anni 2 e mesi 4 di reclusione, oltre al pagamento delle spese processuali e di mantenimento durante la custodia cautelare in carcere, nonché ad una provvisionale immediatamente esecutiva di Euro 10.000,00 quale parte del danno patrimoniale e non patrimoniale per cui deve riteneresi già ragigunta la prova.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati