Legislazione e Giurisprudenza, Danno esistenziale -  Russo Paolo - 2014-04-23

MALTRATTAMENTI AL CAGNOLINO: DANNO ESISTENZIALE AI VOLONTARI DELLA LAV – Trib. Verona n. 854/2010 - Paolo RUSSO

Trib. Verona, sez. Penale, 26 aprile 2010, n. 854, G.U. Ferraro Un uomo veniva processato quale imputato del delitto di cui all"art. 544 ter co. 1 e 3 c.p., perché cagionava senza necessità lesioni al proprio cane, lasciandolo esposto al sole nei pressi della propria abitazione senza acqua ed in evidenti condizioni di denutrizione, ed omettendo di curarne una ferita all'arto posteriore destro, procurandogli così una necrosi totale della zampa.

Da tale fatto derivava successivamente la morte dell'animale, praticata per eutanasia da parte di un medico veterinario, e resasi necessaria a causa delle condizioni di sofferenza del cane e dell'impossibilità di intervenire con idonee terapie medico chirurgiche.

La vicenda ha luogo nell"estate del 2007 quando un passante, giunto nei pressi del luogo ove veniva custodito il cane, notate le terribili condizioni in cui versava l"animale, avvisava in merito i volontari della LAV (Lega Anti Vivisezione), i quali, recatisi sul posto, sentivano i lamenti dell"animale, subito dopo trovato disteso per terra completamente coperto da un telo bianco, pur in una giornata molto calda e afosa.

Il telo veniva immediatamente sollevato ed al cane veniva offerto un pentolino con dell'acqua, nella quale l'animale letteralmente si tuffava con la testa.

I volontari LAV, vista la gravità della situazione, decidevano di portare via il cagnolino per prestargli le cure più opportune, non riuscendo tuttavia ad evitarne la morte, perchè ormai troppo sofferente.

Sottoposto a giudizio e condannato per il reato di maltrattamento di animale, il proprietario è stato anche chiamato altresì a rispondere dei danni non patrimoniali, di tipo esistenziale, subiti dai volontari intervenuti in soccorso del cane, e consistiti "nel senso di afflizione e frustrazione per un evento così grave, come la morte del cane, provato dai volontari e attivisti della LAV che sono impegnati quotidianamente nell'attività di verifica dei casi di maltrattamento e di successiva assistenza agli stessi", liquidati in via equitativa con la somma di 5.000 euro.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati