Legislazione e Giurisprudenza, Reato -  Gasparre Annalisa - 2014-09-18

MALTRATTAMENTO ALUNNI: OBBLIGO DI VIGILANZA PER LA DIRETTRICE - Cass. pen. 38060/2014 - A.G.

In un episodio di maltrattamento di bambini da parte di una maestra era stata coinvolta anche la direttrice della scuola nei cui confronti era stata emessa un'ordinanza di misura cautelare (arresti domiciliari, nello specifico). La direttrice era stata accusata di avere omesso di esercitare i poteri di vigilanza, controllo, segnalazione e denuncia, non impedendo i maltrattamenti realizzati, di fatto, dall'insegnante. I giudici di merito, a sostegno dell'ordinanza, avevano evidenziato le fonti normative che individuavano con precisione i doveri della direttrice. Inoltre, era stata prodotta, quale fonte di prova cautelare, un'intercettazione ambientale (videoriprese) da cui risultava l'assenza della direttrice, circostanza che, secondo i giudici aggravava la posizione della donna, in quanto l'obbligo di vigilanza sarebbe dovuto essere più incisivo alla luce di quanto stava emergendo; l'assenza di tale vigilanza avrebbe dunque permesso alla maestra di continuare i maltrattamenti.

Corte di Cassazione, sez. II Penale, sentenza 18 luglio – 17 settembre 2014, n. 38060

Presidente Esposito – Relatore Iasillo

Osserva

Con ordinanza del 14.05.2013, il G.I.P. del Tribunale di Roma emise la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di C.M.R. , indagata per il reato di maltrattamenti continuati ai danni di alunni della scuola ove l'indagata svolgeva la funzione di direttrice ed ometteva, in tale veste, "di esercitare i poteri di vigilanza, controllo, segnalazione e denuncia" non impedendo così i maltrattamenti posti in essere dall'insegnante M.F. .

Avverso il provvedimento di cui sopra l'indagata propose istanza di riesame, ma il Tribunale di Roma, con ordinanza del 27.05.2013, la respinse.

Ricorse, allora, per cassazione il difensore dell'indagata e questa Corte (Sesta Sezione penale) con sentenza del 12.11.2013 annullò con rinvio l'ordinanza di cui sopra.

In data 06.03.2014 il Tribunale di Roma in sede di rinvio confermò l'impugnata ordinanza del G.I.P. del Tribunale di Roma in data 14.05.2013.

Ricorre per Cassazione il difensore dell'indagata rilevando che solo formalmente il Tribunale si è adeguato al dictum della Suprema Corte. Infatti, il Giudice di merito ha confermato la sussistenza della gravità indiziaria sulla base degli stessi elementi che il Supremo Collegio aveva ritenuto non sufficienti. In particolare il Tribunale non ha tenuto conto del ruolo effettivo dell'indagata - in base alla normativa che disciplina il suo contratto di lavoro -che non le consentiva interventi diversi da quelli effettuati (segnalazione ai suoi superiori di quanto appreso). Rileva, poi, che il Tribunale non ha preso in considerazione tutti gli elementi probatori a favore dell'indagata, che elenca (si vedano in particolare le pagine da 6 a 8 del ricorso).

Il difensore della ricorrente conclude, quindi, per la dichiarazione della perdita di efficacia dell'ordinanza impugnata.

Motivi della decisione

Il ricorso è infondato.

Infatti, il Tribunale del riesame dopo aver riportato la decisione cassata da questa Corte e quanto evidenziato nella sentenza di annullamento con rinvio, ha correttamente esposto le ragioni per le quali ritiene di confermare la misura cautelare adottata nei confronti della ricorrente.

In particolare ha ben evidenziato la fonte normativa che individua i precisi doveri dell'indagata che si sostanziano in "un obbligo di vigilanza" e in "un obbligo di segnalazione agli organi competenti" (si vedano le pagine 6 e 7 dell'impugnata ordinanza).

Inoltre, il Tribunale ha correttamente sottolineato in cosa sia consistita la condotta omissiva imputata alla C. .

In particolare il Tribunale evidenzia le omissioni in ordine al dovere di segnalazione e di vigilanza ed elenca, correttamente, le fonti di prova dalle quali ricava tale convinzione (si vedano le pagine da 7 a 9 dell'impugnato provvedimento). A proposito delle fonti di prova il Tribunale indica - alle pagine 9 e 10 - anche l'intercettazione ambientale mediante video riprese effettuato dalla P. di S. e rileva come dal contenuto di tale intercettazione non viene mai registrata la presenza della C. (che come si è detto aveva anche un obbligo di vigilanza; obbligo di vigilanza che doveva essere più incisivo soprattutto alla luce di quanto stava emergendo). Circostanza, questa, che ha portato la maestra M. a continuare "nelle sue condotte di maltrattamenti" dei bambini fino al (omissis) quando sono state eseguite le misure cautelari.

Ai sensi dell'articolo 616 cod. proc. pen., con il provvedimento che rigetta il ricorso, la parte privata che lo ha proposto deve essere condannata al pagamento delle spese del procedimento.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati