Changing Society, Intersezioni -  Pant√® Maria Rosa - 2016-03-16

MISURARE – Maria Rosa PANTÉ

Le parole madre e misura derivano dalla stessa radice sanscrita M. E da questa radice deriva anche la parola mente. Misurare, misurarsi con la madre. Misurare, conoscere. E così via...

Subito dopo viene il misurare.

La montagna innevata, l'apertura

alare, quante precipitazioni,

il caldo denso dell'estate. Gradi.

Ti misuro con gli occhi e ti conosco.

Ti osservo e ti misuro. Misurare

per sapere, ordinare, dominare.

Misurare la propria dimensione.

Misurare: costruire e demolire.

Misurare per resistere, esistere,

scegliere. Essere misura di tutto

solo per essere senza misura.

Nascere con una misura, nascere

da una misura. La madre è misura.

Osservare e misurare, osservare

e misurare. Misurare il cibo,

il denaro, la vetta, le parole.

La rabbia, l'energia. Misurare

tutto il misurabile. Misurare

la musica, gli accenti

nel verso endecasillabo,

che è misura. Misurarsi i vestiti,

le scarpe, il taglio dei capelli. Il pane.

Dare misura ai passi, alla cadenza

triste del lavoro, alla danza. Danza.

Il ritmo misurare:

i battiti del cuore. Quel che si muove

e quel che sta fermo. La luce, il buio.

Mia madre, mia misura, misurava

camicie per lavoro.

E tanto ha misurato mia madre,

mia misura, tanto, perché io potessi

nell'abbaglio perfetto,

andare, stupefatta, oltre misura.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati